14.2.07

Imbarazzarsi per empatia...



Avete presente quando capita di guardare qualcuno che fa qualcosa di discutibile e ci si sente imbarazzo per lui?
Ecco, stavo guardando la televisione e questa sensazione mi ha assalito.

Aldilà della protagonista e di quello che (non ) ha saputo esprimere, aldilà di un gigante del fumetto mondiale messo a fare il caricaturista di Piazza Navona in mezzo a un secchione, una pupa e una pornoattrice, aldilà del qualunquismo sui fumetti in genere e della discutibilità degli opinionisti... ma quello in abito adamitico era davvero Capone?

16 commenti:

La ele ha detto...

Sensazione perfettamente compresa.

La ele

joel ha detto...

Trovo veramente spiacevole la sensazione da te abilmente battezzata "Imbarazzo per empatia", mi fa voltare lo sguardo, ma non avevo mai pensato che si trattasse di imbarazzo empatico.
Parlando della trasmissione appena andata in onda, beh, che dire? Posso testimoniare che il mio televisore ha smesso di funzionare; o meglio, deve essere successo qualcosa alla "via cavo". Perchè non ho potuto vedere più nulla dopo la rappresentazione della storia della signora.
Bah, forse meglio così, mi hanno raccontato tutto in tempo reale due miei amici, che stavano subendo la trasmissione, incerca di un beppe che, alla fine, non si é visto.
Insomma, l'ennesima dimostrazione che in televisione, per parlare di fumetti, bisogna infarcirli di tette e culi, supportarli adeguatamente con pupe, secchioni, pornostar e sessuoliga d'ordinanza.
Rappresentando i due "artisti"( perchè così li presentavano nell'anteprima)come delle macchiette, una a farsi depredare della dignità delle sue scelte di vita e l'altro a fare caricature e disegni manco fosse, come già detto, a Piazza Navona.
Grazie bivio, grazie per come hai saputo abilmente rappresentare, il fumetto, e grazie di avermi ricordato perchè lo preferisco alla televisione.

RRobe ha detto...

Ho sciolto il mio dubbio.
Era Capone.
E' pure tra gli autori del Bivio, del resto.

Giovanni Gualdoni ha detto...

Io avrei voluto diventare cieco quando è apparso, a tradimento, Ade Capone nudo ma, purtroppo, Dio non mi ha ascoltato e non sono neppure stato abbastanza lesto da distogliere lo sguardo.

Che dire: trasmissione squallida, in bilico tra il ridicolo e il grottesco. Un presentatore ignorante dell'argomento che doveva trattare e incapace come pochi altri di condurre in maniera, non dico brillante, ma almeno professionale, la trasmissione senza dover, ogni dieci secondi, fare un'allusione sessuale nel vano tentativo di rubare una risata o un'applauso.

Il povero Manara che dice di essere li nella speranza di ridare dignità e spazio al fumetto in televisione e, un momento dopo, sente il conduttore definire il un filmataccio con il termine dispreggiativo di "FUMETTONE!".

Gli ospiti peggiori che mamma tv possa offrire, ovvero le Pupe e CiccioCiccio Secchione che, candidamente, ammette che da quando ha partecipato ad un reality ha finalmente scopato. Proprio un gran bel messaggio da dare in una trasmissione che, ricitando il buon vecchio Manara, aveva la speranza di ridare dignità e spazio al fumetto. Dignità andata a farsi benedire quando il presentatore insistendo nel domandare come si facessero i fumetti, si rispondeva da se dicendo che, probabilmente, prima li si disegna e poi ci si mette i testi sopra. In quel momento ho immaginato che si stesse riferendo alla sua trasmissione: prima l'hanno girata e poi hanno scelto l'argomento e doppiato gli ospiti. Si, hanno certamente fatto così!

E il filmato che ricostruiva la vita alternativa di Giovanna e che CI METTO LA MANO SUL FUOCO l'ha scritto ADE CAPONE? Il messaggio del filmato era: se Giovanna non faceva la fumettista, dando sfogo alla sua natura erotica, sarebbe divenuta una sessuofoba, bigotta e psicopatica? Non oso immaginare cosa abbia pensato la povera illustratrice cattolica presente in studio e a cui hanno dedicato inquadrature di sfuggita essendo, pace all'anima sua, la meno avvenente delle ospiti in sala. Se ci avete fatto caso al suo posto la regia preferiva inquadrare le le spettatrici che non c'entravano nulla ma era gnocchette.

Ciliegina sulla torta: il vecchio Tinto Brass, che a me sta pure simpatico, dato che ha fatto l'unica battuta divertente della trasmissione dicendo di essere li per comprare le mutandine di Giovanna e, da estimatore, chiedendo di sapere che modello fossero. Comunque il povero Tinto, in evidente crisi da astinenza da fumo, dato che lo hanno chiuso in auto per un'ora, veniva pure costretto a offrire un provino a Giovanna che, naturalmente, declinava. E ci mancava pure che accettasse. Per la serie: una vita di sacrifici a fare fumetti e lascio tutto per fare un pornazzo con Tinto Brass!

Beh, quando ti illudi che il fumetto italiano si stato maltrattato e ridicolizzato a sufficenza dai mezzi di comunicazione... la vita riesce sempre a sorprenderti!

E in conclusione, grazie al Rrobe per lo spazio offertomi senza saperlo per questo sfogo. Lo avrei pubblicato su un Forum ma ho visto che c'è più gente qui che su qualunque altra comunity!

Giovanni

joel ha detto...

Eh il Gualdoni salta fuori quando meno lo si aspetta!
Scusa la confidenza, non ci conosciamo e non conosco il tuo lavoro ma tra poco mi leggerò il J.D
l'hai scritto tu no?
Poi ripenso alla 24ore del fumetto fatta a scuola, dagli allievi, e.. c'eri anche li.
24ore finita nel cesso tra l'altro.
Comunque, sottoscrivo tutto ciò già detto da chi ha commentato finora.

rae ha detto...

l imbarazzarsi per empatia è un mio tm :mad:

fortunatamente ero al lavoro e ho intravisto soloil finale.

Anonimo ha detto...

Da circa dieci anni quando inizio una mia lezione di fumetto dibatto su un punto a mio parere non da poco...

il mio dizionario di italiano alla voce fumetto dice: ''sinonimo di banale, scontato''.

Un dizionario e' anche specchio di una cultura.

Questa trasmissione mi pare sia stata ''specchio'' della cultura italiana, ne piu' ne meno.

Certo che essendoci un fumettista tra gli autori ci si aspettava un trattamento diverso....

Non me la sento pero' di giudicare perche' non so quanto sia il potere di un autore come Capone all'interno di dinamiche come quelle viste.....


marco turini

mik ha detto...

"gigante del fumetto mondiale". ha ha. scusate.

foolys ha detto...

mi autocito dal blog (ieri ero davvero incazzato e sono contento di non essere rimasto solo nella sfuriata...):

Vediamo, quanti anni sono passati da quando si diceva che i cartoni animati giapponesi erano fatti col computer? Mmmm, 20?
Bene, questa trasmissione questa sera parla di erotismo a fumetti, cita Crepax (con una modella oscena e volgare che impersona Valentina), Manara (presentandolo come "il più grande disegnatore di fumetti del mondo") e quando fa cenno ai manga erotici dice testualmente "realizzati al computer".
Infine, Enrico Ruggeri, insieme alla sua simpaticissima valletta, dicono "casualmente" che leggono i fumetti scritti da Ade Capone, questo perchè è uno degli autori della trasmissione, che così si fa anche pubblicità.
Almeno so di chi è la colpa.

Per calmarmi, cercherò di canticchiare Il Vitello dai Piedi di Balsa, ricordando che un tempo Ruggeri era più simpatico, un pò prima di seguire la moda tanto attuale dell'assomigliare a Peter Gabriel.

Starsky ha detto...

E vabbè quante storie :)
Ormai dovreste sapere come funziona la scatola luminosa no?
Ricordo ancora quando Fabio Fazio, durante una vecchia trasmissione di "Quelli che il calcio", presentò l'ospite Sergio Bonelli come il disegnatore di Tex. Dio... risi così tanto che mi si slogò la mascella.
Comunque non vi preoccupate: la prossima trasmissione dedicata ai fumetti andrà sicuramente peggio.
:asd:

foolys ha detto...

il problema grosso è questa volta fra chi ha organizzato questa messa in scena c'era un autore di fumetti...insomma, ci diamo le mazzate da soli.

Matteo Mosca ha detto...

>il problema grosso è questa volta fra chi ha >organizzato questa messa in scena c'era un >autore di fumetti...insomma, ci diamo le mazzate >da soli

la trasmissione è orribile a prescindere, ho sbirciato alcune puntate passate e non sono sicuramente meglio, il cameo di Ade è discutibile ma la faccia l'ha messa lui... che poi però lo si additi come responsabile dello scempio sembra eccessivo no?
E' uno degli autori (e non di lunghissima data tra l'altro) non il responsabile di produzione o chi per lui.
Non credo abbia diritto di vita o di morte sulla trasmissione e comunque è lavoro non una crociata a difesa del media fumetto... per quanto riguarda poi la pubblicità ai suoi fumetti, considerato che LL è ridotto a special annuali e che se e quando uscirà sarà tra qualche tempo non so quale ritorno potrà avere...
Non so, ripeto tutto estremamente di cattivo gusto anche a mio parere, ma il buttare la croce addosso a qualcuno... beh penso che sia questo il darsi le mazzate da soli...
Un saluto
Matteo
P.S.: Complimenti e un in bocca al lupo, Rrobe per la nuova avventura dylaniana :-)l

Starsky ha detto...

Quella di Capone era una critica arguta, per esprimere il disagio dell'arte sequenziale davanti al vuoto dilagante espresso dai nuovi media...

Insomma siamo rimasti in mutande!

:D

neikos ha detto...

Guardando la faccia di Manara, chiamato sempre "maestro" con reverenza ma di fatto lasciato in un angolo a favore dei siparietti fra il secchione e l'attrice hard, nei momenti in cui non era chiamato a intervenire personalmente si notava, in maniera lampante, il pentimento per aver partecipato a una simile vaccata.

Per il resto non parlo neppure di ritmi televisivi sballati, di una presentazione indecorosa e incompetente (tanto di Ruggieri quanto di Fonzie :asd:) della Casotto stessa che sembrava capitata lì per puro caso e dell'interpretazione di Capone degna dei migliori trash anni 60-70.

C'era l'occasione di parlare di fumetto in maniera decente ad un pubblico ampio e invece si sono riproposti i soliti clichè.

Non c'è da meravigliarsi poi che chi non li legge consideri i fumetti roba per bambini o per pervertiti.

Mucio ha detto...

Trasmissione davvero triste, il bivio era tra spegnere la televisione e andare a dormire o spegnere la televisione e giocare con la playstation portatile, ha vinto la playstation

matteo mosca ha detto...

...Ok, dopo aver approfondito un pò la cosa ritiro la mezza difesa fatta in precedenza.
saluti
matteo