30.3.07

Crtitica alla Critica





Ultimamente si parla un sacco di critica fumettistica.
Ne sono contento, anche perché la polemica l'ho sollevata io ed è noto quanto mi piaccia alzare i polveroni.
Una delle molte domande che sono state fatte nelle numerose discussioni in giro per la rete a questo riguardo è stata: come dovrebbe essere un buon pezzo di critica-amalisi fumettistica?

Ecco, dovrebbe essere così:
CLICCATE QUI
Leggetevi il bel pezzo su Quino.

6 commenti:

dario dp ha detto...

il pezzo è ottimo, ma credo dipenda dal fatto che Medda(*) a differenza di molti... sa di che parla.



(*) in questo caso almeno >:->

Starsky ha detto...

Un articolo notevole.
Del resto, è proprio la cultura (non solo fumettistica) a distinguere l'opinionista improvvisato dal vero critico.

Anonimo ha detto...

grande Medda!
concordo con lui anche su 300!

Luigi Serra ha detto...

Beh, conosco Michele da Medda tanti anni. Non mi stupisce il valore di questa analisi. D'altro canto nel suo sito ci sono tanti articoli interessanti (su alcuni sono in disaccordo con lui) e sono sempre ben argomentati. Poi in questo caso l'oggetto dell'analisi è di quelli "giusti". Sin da quando era ragazzo Michele è un estimatore di Quino. Conosce la sua opera e sa ben spiegare perchè Quino è un grande artista

alessandro ha detto...

Sì, bel pezzo davvero.
Preferirei stendere un velo pietoso su quello su 300, invece...
:-/

a.

Starsky ha detto...


Beh, conosco Michele da Medda tanti anni. Non mi stupisce il valore di questa analisi. D'altro canto nel suo sito ci sono tanti articoli interessanti (su alcuni sono in disaccordo con lui) e sono sempre ben argomentati.


Infatti, un buon critico deve saper argomentare al di sopra delle parti. In altre parole, non può essere un aspirante fumettista che cammina sulle uova.