17.3.07

John Doe 48

Una preview del numero conclusivo della seconda stagione.
Storia: Roberto Recchioni
Disegni: Matteo Cremona

Cliccando sulle immagini, potrete vederle più in grande.
Nei prossimi giorni, qualche altro aggiornamento sulla terza stagione.







20 commenti:

Luigi Serra ha detto...

Sono veramente delle splendide tavole. Complimenti davvero.

Baldassarre ha detto...

ok, Cremona si conferma il mio disegnatore di john doe preferito!

bordermind ha detto...

Spettacolari.

madmac ha detto...

e Carnevale spettacolare (mi viene sempre da dire "Carnivale", maledetti telefilm...)

Gabriele - il Gabbrio- ha detto...

Carnevale rules!

neikos ha detto...

Incredibili, è da quando ho saputo che Cremona avrebbe disegnato il numero conclusivo della seconda stagioe che aspetto queste preview.

Incredibili, non c'è altro da dire, è un piacere vedere come sia ulteriormente migliorato rispetto al suo già ottimo ultimo numero.

Insomma forse la migliore scoperta sulle tavole di JD assieme a Gianfelice.

Su Carnevale è inutile spendere ulteriori parole.

andrex ha detto...

tavole davvero fenomenali!
si prevede un finale col botto!

concordo con neikos, cremona e gianfelice forse sono i due migliori giovani del panorama italiano.

Randall ha detto...

Dico, ma ti sembrano cose da fare?
Pazzo! Adesso non stiamo più nella pelle!!
E guai a te se metti su spoilers sulla terza stagione!

Riccardo Torti ha detto...

certo sell'armatura fosse stata nera :as:

Massimo Carnevale ha detto...

Sbaglio o tu non sei quello che aspetta da anni un mio disegnino...? Mmm...

Anonimo ha detto...

Rrobe ti piacciono i manga vero? John Doe ultimamente si sta' "manghizzando parecchio...

Riccardo Torti ha detto...

in verità non avevo terminato la frase:

...avrebbe fatto schifo!

ecco...vedi. Io aspetto eh :P


Apparte gli scherzi complimenti a Massimo e Matteo...davvero bravi!

RRobe ha detto...

Manga significa fumetto in giappo.
Se Manga significa: ti piacciono i fumetti... la risposta è sì.
Se con "manga" vuoi dire... fumetti con i samurai, ci sono u sacco di fumetti con samurai e katane che non sono manga.

il.Benci ha detto...

le avevo già intraviste quando siete venuti a bergamo, ma sempre più vivissimi complimenti a Matteo, sempre più bravo

Marco Rizzo ha detto...

dovrebbe essere Carnevale tutto l'anno!!!

Guido ha detto...

Boia che belle tavole....

john rù ha detto...

la cover è un capolavoro come al solito, le tavole di cremona sono ottime,realistiche e godibilissime.. ci sono tutte e premesse per un gran numero..

Anonimo ha detto...

Rrobe mi sento di dissentire da quello che tu dici. Il significato della parola MANGA in Giappone viene si' utilizzato per identificare il fumetto ma ha un significato ben piu' profondo perche' l'ideogramma "MAN" significa immagine mentre "GA" significa veloce. Uniti insieme hanno il significato di "immagini veloci", ovvero sequenze di immagini che si susseguono velocemente una dietro l'altra (e' un linguaggio letterario per il Giappone). Quindi rispetto alla parola fumetto che identifica un genere in Italia, MANGA porta dentro di se' un significato ben piu' profondo e significativo.
A parte questo sia per i giapponesi che per gli occidentali, ormai, la parola manga identifica un "GENERE" a se' ben preciso e con una scuola grafica e narrativa ben precisa e identificabile. Quando ti ho chiesto se ti piacciono i manga non era certo riferito al fumetto come dici tu quanto allo stile narrativo e grafico dei manga. La katana, il kabuto, il mempo, ecc. compongono l'armatura giapponese del samurai, sono parte della cultura giapponese e legati indissolubilmente alla loro millenaria storia. Se tu utilizzi i loro "stereotipi" nelle tue storie evidentemente sei affascinato dalla loro cultura e magari anche dai loro dal loro modo di fare fumetti. Non penso che sei andato a riprenderti la figura del samurai da Ronin di Miller o Last Samurai di Zwick, ma ti sarai andato a spulciare Kurosawa o qualche manga (tra l'altro i primi manga della storia giapponese erano strisce che narravano le gesta dei samurai del tempo), tanto per farti gli esempi piu' facili di questo genere specifico...

andrea ha detto...

in un tuo post di un po' di tempo fa parlavi della luce in Massimo Carnevale, questa cover spiega benissimo il concetto. Stupenda!

GiO ha detto...

Sbav, sbav, sbav...chi devo corrompere per averlo in anteprima?