18.3.07

Un nuovo amico mi scrive...



Oggi mi è arrivata questa mail da una persona che non ho mai conosciuto in nessuna maniera:

Gentile signor Recchioni, questa mia mail vuole essere un ringraziamento, vede io sono un giovane romano di 20 anni, il quale aspirerebbe a diventare sceneggiatore di fumetti, proprio come lo è già lei; ma stia tranquillo sig. Recchioni, questa non è una mail di richiesta di consigli, aiuti, raccomandazioni, o cose simili, non la ammorbero con la mia vita, immagino la sua le stia già abbastanza addosso. Io la considero un autore onesto e un bravo mestierante, lei non è il mio sceneggiatore preferito e non la considero sicuramente il miglior scrittore del mondo, ma vede sono le persone come lei ad ispirare, più dei grandi maestri, se un giorno riuscirò a fare il suo stesso mestiere sarà anche grazie a lei, mi sembrava giusto quindi porle di persona i miei ringraziamenti, perchè i grandi possono illuminare la via, ma i piccoli (e non si offenda per la definizione) possono darti la forza di iniziare a camminare, non so dove lei arriverà o voglia arrivare, ma forse questo pensiero la può aiutare, il suo lavoro, come qualunque lavoro artistico, intrattiene molti e nel frattempo può anche ispirare alcuni, direi che è un buon traguardo di vita. Continui a scrivere sig. Recchioni e magari un giorno io sarò dalla sua parte della barricata e ceneremo insieme. Arrivederla.

P.S.: il signore e il lei sono solo per farti girare le balle


Ora, sorvolando sull'italiano risibile e sul fatto che questa gente perde tempo ad insultarmi invece di mettersi al computer a lavorare per arrivare dove vuole arrivare... se questo nuovo amico ha pure in casa una o più copie de "Il Giovane Holden", io mio preoccupo.