4.4.07

MA-1


Il giacchetto "MA-1" -Intermediate Flying Jacket- è stato introdotto da quelli dell'aviazione statunitense come diretto discendente del modello B-15D del 1957.
In orgine, le due guaine di nylon che contenevano una imbottitura di lana, erano prodotte in toni di verde-grigio sia fuori che dentro.
Negli anni sessanta venne introdotta una colorozione olivastra fuori e arancione dentro, reversibile.
Il giacchetto divenne estremamente popolare sia per gli uomini sul ponte delle portaerei, sia per i miliitari in genere, che trovarono nel modello MA-1 un capo leggero, confortevole, caldo e molto pratico. Oggi questa giacca è il capo d'abbigliamento con la più lunga "carriera militare" che si possa trovare ancora in attività, è stato immortalato da molti film e telefilm (tra cui "24"), da almeno un romanzo ("L'Accademia dei sogni" di William Gibson) e presto (spero) anche da un fumetto.

Ci sono vari modi di procurarsi un giacchetto MA-1:

Il primo è comprarsene una copia di quelle che si trovano ai mercatini.
A Roma questo giacchetto viene chiamato "Bomber" e a Via Sannio te lo tirano dietro.
Inutile dire che queste copie differiscono notevolmente per colori, dettagli, materiali e cuciture, dal modello originale.

Il secondo sistema è comprare una copia della Buzz Rickson, una azienda giapponese specializzata nel produrre repliche di capi militari con gli stessi materiali, procedure di fabbricazione e dettagli dell'originale.
Per avere un capo Buzz Rickson bisogna ordinarlo via internet e visto che viene confezionato espressamente per chi lo ordina, ci vogliono mesi per averlo. Un prodotto Buzz Rickson arriva a casa in una custodia distintiva e costa un'occhio della testa.
La Buzz Rickson e la sua copia del modello MA-1 è stata immortalata da William Gibson nel libro "L'Accademia dei Sogni". Nel romanzo, la protagonista Cayce Pollard indossa un Buzz Rickson MA-1 nero ma nessuna forza armata ha mai prodotto un modello di quel colore e questo ha creato un certo imbarazzo a questa azienda di otaku giapponesi. Tanto è vero che, causa pressanti richieste da parte dei fans di Gibson, si sono visti costretti a produrre (contro i loro principi) un giacchetto come quello descritto da Gibson (e che del titolo originale del romanzo, "Pattern Recognition", porta il nome).

L'ultimo sistema è avere un amico che si sbatte per te, ti trova un MA-1 originale della marina americana, prodotto nel '60 e assolutamente identico a quello che Jack Bauer indossa in "24", te lo ordina via internet e te lo regala.
Grazie Riccardo.
Hai fatto di me un bimbo felice.

Ci metto sopra i Ray-Ban e vado a salvare il mondo, un terrorista alla volta.

17 commenti:

Randall ha detto...

Ecco dove finiscono i vostri stipendi.. :D

RRobe ha detto...

Anche :asd:

Comunque era un'altro Riccardo!

Slum ha detto...

Gia appeso IL chiodo?

RRobe ha detto...

Un solo giacchetto non basta.
Adesso voglio il blaze of glory.

Riccardo Torti ha detto...

oddio er Bomberino, il giacchetto che ha contraddistinto il vero coatto romano per tutti gli anni '90.
Nero con lo scudetto dell'italia sulla manica e oltre che coatto eri anche fascio.

In germania se lo mettono i metallari O_o


p.s. c'è qualche reduce dei merdosi anni '90 che lo indossa ancora e viene defino "er coatto antico"

p.p.s RRobe ogni giorno che passa sempre più tamarro... :asd:

veritas_aequitas ha detto...

io amo quella serie..ma ti giuro che jack bauer con il bomber non me lo ricordo proprio.
e nemmeno su google ho trovato qualcosa.

RRobe ha detto...

Tutto l'inizio della seconda stagione.
Le puntate finali della quarta.

veritas_aequitas ha detto...

azz..mica me lo ricordo ;)
devo andare a rivedermele.

Hytok ha detto...

Bastava guardare su eBay ;-)

Bapho ha detto...

M65 > all

leggera, indistruttibile, ce l'aveva Rambo e l'indossa pure Osama ma soprattutto non fa l'effetto ChupaChupa sulle pertiche di un metro e 90 :asd:

RRobe ha detto...

Ma questo è vintage, Hytok :asd:

Bapho sei un infame.

Prof. Falken ha detto...

il giubbotto non mi tira per nulla..

ma ammetto che la storia dietro è affascinante, sopratutto se si adora il militaria!

Ora scusate devo indossare i miei pantaloni da carrista russo.

Prof. Falken ha detto...

e bapho c'ha ragione.. il giubbotto tipo sahariana lo mette in culo venti volte al tuo bomberino

S3Keno ha detto...

Non sono un esperto di 'sti giubbotti amerikani paramilitarizzati, nè tantomeno di bomber (che non ho MAI indossato per principio)... sono però un accanito fan della mia città, che sarebbe Roma, e il "famoso" mercato di cui parli è a via Sannio, senza G e N degli GNomi e della GNocca!!!
beata 'GNoranza...
;)

rae ha detto...

spero tu abbia limato TUTTI i bottoni

Silvia ha detto...

Oh, finalmente.
Questo è mille volte meglio del chiodo!!! ;-)

Qsjesus ha detto...

ora voglio tutta la storia delle giacche da motociclista ;D