12.8.07

I Bravi Tav 2.


La prima vignetta devo rivederla e ora che ci faccio caso la seconda e la terza vignetta hanno qualcosa che non torna nella diagonale.
Uhm... devo rifarle. Gioia e Gaudio.
Se cominciassi a sbattermi un pelo di più, le cose mi verrebbero più curate.
Quando disegno mi brucia il tavolo sotto le mani: inizio e poi voglio vedere tutto finito e subito.
Ok, ci metto max tre ore a fare una di queste tavole... ma se ce ne impiegassi cinque, magari, sarebbe meglio.
E' che ho fretta di raccontare la storia.
Bho, si vedrà.

L'uccello mi piace un sacco.

13 commenti:

Bapho ha detto...

"La prima vignetta devo rivederla e ora che ci faccio caso la seconda e la terza vignetta hanno la stessa diagonale."

Avresti voglia di spiegare meglio cosa si intende per diagonale?

non l'ho ancora capito, o magari si e la chiamo in modo diverso :padawan:

in generale due lezioni su come si costruisce la tavola non ci starebbero male:avvoltoio:

RRobe ha detto...

In questo caso il termine l'ho usato u pelo a sproposito. Comunque, il campo e il controcampo della seconda e terza vignetta, a parte essere u pelo noiosi a vedersi, hanno pure lo stesso schema sullos fondo. Guarda le montagne della seconda vignetta e la sfumatura del cielo della terza. Stessa distribuzione delle masse, con una diagonale che parte dal basso a sinistra e finisce verso l'alto a destra. Se non voglio rifar tutto, mi tocca intervenire sullo sfondo della terza vignetta.

Riccardo Torti ha detto...

magari rifai la 3 e metti una visuale dal basso e inclinata...retorica e diversa dalla 2.

"inizio e poi voglio vedere tutto finito e subito"

questo è il brutto vizio di molti disegnatori, me compreso :asd:
ed è un vizio che non passa...mai

CarloC ha detto...

Complimenti, molto interessante questo progetto :-)

neikos ha detto...

Quando disegno mi brucia il tavolo sotto le mani: inizio e poi voglio vedere tutto finito e subito.

Idem...poi va a finire che combino davvero poco però.

Grazie per la spiegazione riguardo i problemi di diagonale, anche io non avevo capito bene.

L'uccello e davvero ottimo e la tavola nel complesso mi piace davvero molto, insomma sembra proprio un bel progetto.

Per i colori stai usando solo pantoni?

Su che tipo di carta stai lavorando?
L'effetto della grana è molto interessante.

RRobe ha detto...

Solo pantoni e F2 ruvidi.

CLAUDIO NADER ha detto...

Ehh...lo so. Non ci azzecco proprio niente, in questo post. Ma è andata. Non è che posso evitare, se non voglio.

Posso dire ....BRAVO?

Bravo. Si, per la storia sul DyD-CF. Cazzo, quanto mi è piaciuta, hai le palle belle quadratine e mi fa piacere perché non mi interessa le gentilezza gratuita.

Mi contestualizzo: io non ho mai letto JD. Poche volte DyD, perché difficilmente mi prende (disegnatori a parte) ma questa storia è davvero intelligente.
Non rispetto alle altre. Non rispetto al mondo del fumetto. Non rispetto agli altri sceneggiatori.
E' una roba tosta, lucida, ragionevole, brillante. E pure dosata e "carnevalizzata" (che è solo un piacere).

Rispetto a qualunque lettura.

OOOO. Questa è una cosa da leggere.

CL

makkox ha detto...

Senza cattiveria? Onesto, fors'anche invidioso, ma quello si screma facile.

Io ci penserei poco alla diagonale.
(hehehe... perdonamela)
Tu scrivi davvero con personalità e controllo del mezzo, professionalmente. Ma il disegnare è ancora distante dal fluirti bello armonico dalle mani.
Parlo di armonia nel tuo personale tratto.
Non esiste il disegnare "bene" canonico (quello è base, lo sai), esiste un linguaggio di segni armonici che fluiscono dalla nostra mano fino ad essere stile.
Ecco: il tuo stile è' ancora un pò legnoso e acerbo (non la sceneggiatura, intendiamoci!).
Certo qualcosa si vede, si sta formando nel brodo di coltura.
Solo che quei due o tre segni rivelatori di una potenziale ottima mano, dovrebbero almeno arrivare estendersi su tutta la tavola invece di emergere qui e lì.
In questo modo si avrebbero tavole totalmente da ottimo esordio (se di esordio si tratta. Comunque avrai capito il senso: il criaturo dev'essere formato prima di tirarlo fuori. Sempre criaturo nasce, non uomo fatto, ma da lì si parte tutti).

In finale è solo questione di buttarci più sangue/tempo/distanza-di-giudizio/lacrime, secondo me.
Ah, e di avere il coraggio di ricominciare da capo quando non si è soddisfatti.

Dovrei completare con imho, ma il fatto è che il mio parere non è modesto (scherzo dai!).

Con grandissima stima,
Marco Dambrosio
42 anni, fumettista fallito, che però ha disegnato moltissimo (e pure qualcosa è ;)

PS
Appena cliccato su "pubblica commento" penserò: ma non potevi farti i cazzi tuoi e dirgli che era uno spledore?!

RRobe ha detto...

In larga parte concordo con quello che hai scritto. Anche se non si tratta di un esordio ma di una ripresa, dopo 5 anni di pausa.
Mi piacerebbe dire di essere un "giovane disegnatore" ma, purtroppo, ho quelle 5000 pagine che mi smentirebbero.

spino ha detto...

"L'uccello mi piace un sacco."

Starei attento a scrivere certe cose :)

PS
A me pare l'uccello della edizioni kappa... :P

PPS
se serve un aiuto per le "mani" ;)

QSJesus ha detto...

Una domanda, ma la vignetta tremolante è voluta o casuale ?

RRobe ha detto...

Voluta.

QSJesus ha detto...

ok, a me da la stessa incertezza di una crisi politica, ma sono problemi miei =)