25.9.07

Aspettando domani.


Sarei dovuto uscire oggi, ma la macchina per la risonanza magnetica è rotta e quindi ho buttato l'ennesimo giorno in ospedale (oltretutto senza permesso per l'uscita) e mi tocca aspettare domani per tornarmene a casetta. Poi cinque giorni di meditazione (quelli che servono per le risposte delle analisi) e infine una telefonata per sapere se sto male come al solito (quindi la mia routine) o peggio (quindi qualche rogna da fare in futuro).
E volete sapere una cosa?
Non me ne frega nulla.
Sono contento perché domani esce Halo 3 e io andrò direttamete dall'ospedale al negozio e poi a fare l'amore degli uomini alla mia Xbox 360.

Dopo l'ultimo grosso casino sanitario di tre anni fa, amici, parenti e fidanzata mi hanno convinto che era ora che io prendessi atto in maniera responsabile della mia situazione e io l'ho fatto, credendo che un approccio più maturo m'avrebbe aiutato.
Un grosso sbaglio.
L'introspezione è solo una forma mascherata di depressione.
Sono diventato un musone del cazzo, schiavo di mille paure e paranoie, debole e insopportabile.
Mavaffanculo.
Viva la superficialità che m'ha fatto vivere benissimo per una allegra e scanzonata trentina d'anni!
Quindi... chi se ne frega di problemi e casini vari. Ho altro a cui pensare.

Esce Halo 3.
A Novembre mi vado a vedere Alice Cooper e i Motorhead a Londra.
Nel mondo ci sono un sacco di belle ragazze che adorano i tipi malconci.
Ho un sacco di fumetti miei in uscita.
Keith Richards è ancora in giro.
Chi cazzo se ne frega del resto?