22.10.07

Io e Milano


Ieri sono tornato da una rapida incursione milanese.
Io ho un rapporto conflittuale con quella città. Di fatto, ogni volta che ci vado mi capita qualcosa di significativo in senso positivo o negativo. In oltre dieci anni di rapporto continuativo, Milano ha saputo regalarmi degli amici importanti, qualche ragazza notevole, ottimi lavori e un mucchio di esperienze bizzarre e divertenti. Di contro, Milano mi ha pure rubato quella che al tempo pensavo fosse la donna della mia vita, mi ha incasinato in lavori tremendi, mi ha creato qualche nemico di poco conto, mi ha coinvolto con ragazze discutibili ed è stata spesso teatro o anticamera di qualche grave crisi sanitaria.
Detto questo, la mia ultima visita è sembrata essere l'inizio di una relazione più serena e equilibrata con la città.
Niente impicci con ragazzine, serene chiacchierate con i miei editori, piacevoli cene e pranzi con amici e colleghi e del sano shopping, che a Milano mi viene sempre bene.
Ieri sono risalito sul treno alla volta di Roma, stupefatto di quanto le cose fossero andate in maniera tranquilla e priva di imprevisti. Ovviamente ho parlato troppo presto.
Ancor prima di arrivare a Termini, stavo uno straccio: sudori freddi, brividi, febbre, il fianco destro in fiamme e dolori ovunque.
In poche parole, una di quelle belle infezioni formato famiglia che ultimamente si divertono a farmi visita appena possibile e fare comunella con i miei altri impicci.
Il lato positivo della faccenda è che non sembra che sia collegata a qualche problema con le protesi biliari, il che significa che non devo rientrare in ospedale. Il lato negativo è che oggi sono bombato di antibiotici e antidolorifici e che ho una tonnellata di lavoro arretrato che dubito riuscirò a smaltire in queste condizioni.
Vabbè, aspettatevi un mucchio di nuovi post per oggi che quando sto male riesco solo a postare su internet.

Ach, maledetta Milano! Me l'hai fatta ancora una volta!!!

4 commenti:

Planetary ha detto...

Un po' come Homer con New York :)

Auguri per la salute :)

Giangidoe ha detto...

Se non puoi lavorare, devi stare a casa ma non ti va di leggere -e se riesci a procurartelo in tempi brevi- fatti un tour de force di Scrubs.. O se non vuoi rinunciare ad un pò di sana tensione ma con realismo e attori da paura, dedicati a Battlestar Galactica.
Per oggi magari, lascia perdere Nip/Tuck, Dexter o simili..
Bie bie!

Gigi Cave ha detto...

in realtà dovevi restare a Milano: l'aria di Roma fa male!

-logan- ha detto...

oppure quando torni indietro da milano ti fermi a bologna a smaltire tutte le tossine lombarde prima di tornare a casa.. :D