21.10.07

[Ipod Touch] Recensione: quello che non è.



Diciamo cosa NON è il nuovo Ipod Touch:

NON è un Ipod come lo intendono quelli della vecchia guardia.
Se siete possessori di un Ipod Mini, uno Shuffle, o un Nano... allora non avrete problemi a percepire il Touch come un vero Ipod. Se invece siete abituati a quello che di fatto non è altro che un ampio HD portatile dotato di monitor, di una comoda interfaccia grafica ricca di molte funzioni e di un design da urlo, allora sarà molto difficile che sostituirete mai il vostro Ipod 5G, 4G, 3G con un Touch. Al massimo lo affiancherete a esso.
Proprio come ho fatto io.
Il problema è che, allo stato attuale, le memorie nand/flash costano davvero troppo e quindi il Touch non può vantare più di due tagli (uno da 8 e uno da 16 giga). Dimensioni semplicemente troppo esigue per chi, come me, ama portarsi dietro TUTTA la sua musica e magari avere anche abbastanza spazio per metterci file pesanti (tipo lavori in Photoshop) o film e album fotografici.

NON è un Iphone.
L'aspetto è praticamente identico (ma il Touch è più sottile) e anche molte delle funzioni... ma per quanto il dispositivo wi-fi del Touch sia davvero meraviglioso e versatile, vi rende pur sempre schiavi delle reti che si riescono o meno a trovare in giro. In un paese ancora indietro come diffusione di hot spot internet e privo di Starbucks (che sono una manosanta per la navigazione gratuita in giro per le città) questo può essere un bel limite. L'Iphone non ha questo limite visto che può usufruire della rete telefonica (che però, ricordiamolo, ha un suo costo) e poi ovviamente è un telefono, ha un microfono, una videocamera e qualche funzione che il Touch non ha (a meno di non hackerarlo).
Detto questo... l'Iphone, nel suo unico taglio da 8 giga, costa 100 dollari in più dell'Ipod Touch da 8 giga e ha lo stesso prezzo di quello da 16. A questo ci va aggiunto il prezzo dell'abbonamento telefonico.
Sempre che l'IPhone arrivi mai in Italia.
Se non siete particolarmente interessati all'aspetto telefonico, a mio modo di vedere non c'è ragione per preferire un IPhone a un Ipod Touch.

NON è (ancora) un palmare.
Ha molte delle funzioni di un buon palmare (specie se lo hackerate un pochettino) ma, di fatto, non è uno strumento per il lavoro. Almeno per ora.
E' molto probabile che a breve, con le applicazioni delle terze parti e con gli aggiornamenti del firmware della Apple stessa, questo aspetto dovrebbe migliorare.
Per ora, nella sua versione liscia e non modificata, l'Ipod Touch offre solamente una buonissima rubrica, una calcolatrice, una agenda (discutibile) e l'orologio. Nella versione modificata (a nostro rischio e pericolo), l'agenda diventa uno strumento utile, possiamo usufruire anche di Mail (il browser della posta di Safari), Google Maps e di un mucchio di widget e di applicazioni ufficialmente disponibili solo per l'IPhone.

NON è (e non vuole proprio essere) una console portatile ma non può neanche essere sostituito da una di esse.
Steve Jobs ha annunciato che presto arriveranno giochi pensati espressamente per le funzioni multitouch (intanto i vecchi giochilli per gli Ipod 5g non funzionano sull'ultimo nato) ma non fatevi illusioni: l'Ipod Touch non sarà mai una macchina da gioco. Punto.
Quanto al fatto che un DS o una PSP possono fare le stesse cose di un Ipod Touch... parliamone.

E' vero, il DS ha uno schermo touch come il nuovo IPod ma in realtà la tecnologia sviluppata dalla Apple è di parecchio più evoluta di quella Nintendo. Il multitouch del nuovo Ipod e la sua implementazione sono semplicemente impressionanti e fanno apparire preistorico il DS e il suo pennino... e ve lo sta dicendo uno che adora il DS. E' difficile da spiegare a parole ma lo schermo multitouch del nuovo Ipod e quello del DS sono due pianeti completamente differenti. Andate in qualsiasi negozio Apple e provate un nuovo IPod Touch e lo capirete da soli.

E' vero... tanto il DS quanto la PSP vi permettono di navigare su internet.
Ma la navigazione sull'IPod Touch non è un goffo tentativo di emulare l'esperienza su un vero computer... E' quell'esperienza.
Le pagine web, sul grande schermo dell'IPod Touch, verranno visualizzate esattamente come sul vostro monitor e attraverso un browser (ripensato in versione mobile) di nota fama come Safari. Il tutto esaltato dalle funzionalità multitouch di questo apparecchio.
Nulla in confronto al faraginoso browser della PSP o alla limitata versione di Opera del DS.
Oltretutto il Touch ha una interfaccia espressamente pensata per YouTube, una versione speciale dell'Itunes Stores e anche (a patto di hackerarlo) un browser di posta come Mail e Google Map, oltre a vari altri widget propri di Safari.

E' vero... tanto il DS quanto la PSP vi permettono di visualizzare foto e filmati e ascoltare musica.
Ma l'Ipod ci è nato per fare queste cose e i quel campo non lo batte nessuno. A cominciare dall'interfaccia musicale derivata da Itunes (e qui arricchita da una versione multitouch di Coverflow) per passare attraverso un signor lettore di filmati e uno straordinario visualizzatore di foto che reagisce alla posizione dell'Ipod visualizzando la foto in verticale o orizzontale, permette uno zoom in punta di dita e mette in scena presentazioni con tanto di musica e via dicendo. A completare il tutto c'è lo spazio a disposizione in cui immagazzinare musica, foto e filamti, che non sarà quello di un Ipod Classic da 160 giga... ma non è nemmeno quello delle striminzite (e costose) schede SD disponibili per PSP e DS.

Ma sopratutto... l'Ipod Touch non è uno Zune. Grazie al cielo.

1 commento:

yeronit ha detto...

ciao

vi segnalo la possibilità di vincere un ipod nano partecipando a questo contest

http://www.miofonino.info/notizie/1107/vinci_un_apple_ipod_nano/