8.11.07

+ 1

Se dovesse essere il vostro compleanno, prendete pure un sasso.

La seconda parte della storia Rat Man alle Termopili trascende i confini della spassosa parodia e del geniale omaggio per assumere i contorni di un'opera in grado di stare i piedi da sola con le proprie gambe.
Un vero miracolo di sceneggiatura e di disegno.
Leo è il più grande. Punto.

22 commenti:

emo ha detto...

concordo parola per parola.
letta la prima parte, si ride.
letta la seconda, si ride e si ha voglia di rileggere tutto insieme.
rileggendo la storia senza soluzione di continuità si rimane incantati.

emo ha detto...

Dimenticavo: all'arrivo dei mimi ho pianto di gioia, sul finale mi son quasi commosso sul serio.

RRobe ha detto...

Il finale è meglio di quello di Miller. E di molto.

emo ha detto...

e quototi pure su questo

Willy ha detto...

"E quando il primo sasso mi colpisce, sorrido, perché penso che sia il regalo di mio nonno".

Questa battuta secondo me spiega bene tutta la grandezza di Ortolani.

p.s. e sul prossimo numero, se ho capito bene, siamo sempre dalle parti dei pezzi da novanta. Attendo con ansia.

Randall ha detto...

"Leo è il più grande. Punto."

Non ti abbattere, dai... anche tu sei bravino. :asd:

Comunque da me ancora niente, vedremo domani se è arrivato...

RRobe ha detto...

No. Non c'è davvero confronto. Leo è sul serio un genio.
E non parlo del saper far ridere... parlo proprio della sua capacità di raccontare.
Della nostra generazione, lui sarà quello che rimarrà. Accanto ai Magnus, i Bonvi e via dicendo.

Fabio... ha detto...

Genio puro...
Mi ha fatto morire anche l'elefante che rotola per la scarpata e poi prende fuoco...
Come nei migliori action-movie...

emo ha detto...

se iniziamo ad enumerare le genialate, famo prima a postare tutte le tavole :asd:

Avion ha detto...

Il finale mi ha sinceramente commosso.
La parte del bestione mi ha fatto letteralmente soffocare dalle risate!

brian-GraphiCat ha detto...

la prima parte mi ha DAVERO annoiato.

ora mi faccio spedire la seconda e vedo

QSJesus ha detto...

in effeti l'ho preso a lucca e mi son trovato ad averlo in mano e leggerlo appena ho avuto un attimo libero, seppur avevo preso cose, anche vecchie, che cercavo da molto tempo ...

jester24 ha detto...

Concordo e sottoscrivo. Leo è puro genio. Ma pure tu sei bravo,eh

Marco Rizzo ha detto...

la storia è più che spassosa, è sassosissima!!!

ps: finale che ti fa trasformare le lacrime delle risate in qualcos'altro.

Baldassarre ha detto...

Brian, come ha fatto ad annoiarti la prima parte?
Io avrei speso 10 eruro solo per la splash page con la battuta "lo Sciampista"
Ci sto ancora ridendo.
Domani prendo assolutamente la seconda parte

Liri ha detto...

io lo devo ancora leggere ma la prima parte è stata delirantissima,sono morta dal ridere...fra poco leggerò la seconda! uakuak!!

Raul ha detto...

Fumetto davvero bello e che non vedo l'ora di ricomprarmi in edizione seria.

Spero infatti che al più presta alla panini lo facciano uscire in formato 16:9 come merita perchè è favvero una delle migliori interpretazioni di sempre di Leo..

Giangidoe ha detto...

E pensare che la Warner Bros l'ha pure accusato di plagio (chiedendo 5 milioni per la Panini e 1 per lui)..
Ma si può? Sempre che la notizia sia vera: l'avevo letta settimane fa in rete, ma sembra confermata da più fonti.
Una cosa è sicura: il nome di Ortolani rimarrà nella storia del fumetto di questi anni, assieme a pochi altri.
Però -senza fare fastidiosi elenchi o rasentare l'imbonimento- non dubitare che Recchioni (come Bartoli) sarà senz'altro tra quelli.

fedeman ha detto...

La notizia della causa fatta dalla warner era una bufala.

Tapi ha detto...

Leo è un genio, su questo non si discute.
La parodia però è un genere troppo facile, perché non deve inventare (quasi) niente. Basta prendere il lavoro di un altro, individuarne alcuni cliché e stravolgerli.
Certo, bisogna saperlo fare bene e in questo Leo è il migliore, però...
Non so, ultimamente sta parodiando un po' troppo.
Lo preferivo prima, tutto qui.

RRobe ha detto...

Per me 299 non è una parodia

The Coach ha detto...

caro tapi,
mi sa che non è che sono proprio tanto tanto d'accordino con te.
Dire che 299 sia solamente una parodia e che per questo sia più semplice creare qualcosa di quel livello è altamente sospetto.
Qui siamo ai livelli di Frankenstein Jr... e dimmi tu se non c'è creatività e genio in tutto questo.
L'estro e la fantasia sono evidenti in ogni singola tavola e nell'intera storia. Un capolavoro.
Sassosissimo.