22.11.07

Guerra alle storie...


Bell'intervento di Boris Battaglia riguardo alle storie e, marginalmente, anche ai lettori di questo blog.
A dire la verità, più che un intervento è un coeacervo di argomenti da discutere e sviluppare. Possibilmente insieme.
Alla fine del post, il Boris pone anche una domanda che spero trovi le vostre risposte (la mia è "Ortolani"... ma devo collegare il cervello per spiegare perché).

Lo trovate sul suo blog... se siete troppo prigri per cercarvelo nella colonnina di fianco, cliccate QUI.

14 commenti:

Planetary ha detto...

"Rispetto a una storia l’autore è l’istanza che pone la condizione di relatività."

Eh?

Planetary ha detto...

Ah, non so se considerare il post sopra come scritto da "uno di quelli che lasciano sempre ovunque la loro scia di commenti inutili e servili giusto per far sapere di essere passati a trovare la loro rock star preferita"

...

Che poi a me come rock star manco me piaci :asd:

RRobe ha detto...

Non ci far caso.
Boris ci trova gusto a complicare quello che dice... ma spesso quello che dice è interessante.

LuKa ha detto...

Miller è un genio, Ortolani è genialmente reazionario!

Planetary ha detto...

"Non ci far caso.
Boris ci trova gusto a complicare quello che dice... ma spesso quello che dice è interessante."

Probabile :)
E' che quando leggo le sue cose rischio sempre un facial :)

Antares ha detto...

Voglio solo pensare che si sia svegliato con le palle girate, perchè in effetti non dice nulla di nuovo...

contento lui a vivere così...

RRobe ha detto...

Secondo me lo avete preso per il verso sbagliato.

Antares ha detto...

Rrobe ho la febbre a 40, non posso leggere, allenarmi in palestra, allenarmi a calcio, mangiare, stringere la mia ragazza, dormire, respirare e sono costretto a seguire i consigli del dottore e prendere le medicine....
Questo è il piatto principale al quale devi aggiungere Infinito e BorisBattaglia che indifferentemente e con la stessa superficialità se la prendono con chi posta sul tuo blog, cioè noi e cioè pure io...

Sono un provocatore per natura, ma sono sempre pronto al confronto costruttivo...

vediamo che succede

Bapho ha detto...

Io sono uno di quelli che aveva letto il vecchio post e non c'aveva capito un granché.

Parla troppo poco potabile per il volgo \:

Hytok ha detto...

Bell'intervento? Una sequela di spippolamenti e insulti.

RRobe ha detto...

Se vuoi vederli così...

Antares ha detto...

e come dovremmo vederli??????

a me non và nè di essere giudicato con superficialità nè di essere guardato dall'alto in basso!!

Il caro Battaglia ha condiviso con i frequentatori del suo blog il suo pensiero su strutture narrative e narratori, e allora?

L'ho letto, avrei potuto iniziare una bella discussione, ma sinceramente non mi va di parlare in modo costruttivo a chi ha una certa idea dei blogger...

o devo fare il fuoco fatuo e starmene zitto?

boris battaglia ha detto...

Antares carissimo,
io non ho nessuna idea preconcetta sui blogger. Lo sono, un blogger e ce n’è tanti che leggo con interesse e costanza. E non credo, a differenza di tanti maestrini, che spendere più di dieci righe su un blog sia uno spreco. Anzi. Sono luoghi dove scrivere mi piace un casino, anche perché non credo alla proprietà intellettuale e al momento non vedo luoghi dove le idee possano circolare –con tutte le difficoltà e i pericoli che comunque ci sono- liberamente. Chi sostiene che le idee e il dibattito si approfondiscono in altre sedi difende privilegi accademici e di casta destinati a scomparire. Per questo tanti commenti lasciati solo per segnare il territorio mi innervosiscono. L’applauso è un’invenzione totalitaria. Se non ho da ridire o da dire meglio allora non ho niente da dire. Quindi taccio. Le groupie invece applaudono e devono sempre far sapere di esserci.
Poi hai perfettamente ragione. Sono vagamente invidioso. E la mia era retorica da due soldi per scatenare un po’ di bagarre. Così, per riprovare il brivido dei trecento contatti, ma anche
per arrivare –nelle prossime settimane- a dire alcune cose – che ho maturato negli ultimi mesi in lunghe conversazioni con gente più spiritosa di te- sullo stato attuale del fumetto italiano.
Vedi io non sono monolitico. Cambio spesso idea. Per esempio l’ho cambiata sul titolare di questo blog. Ed è una cosa che spiegherò appunto nelle prossime puntate della guerra alle storie.
Però non sono nemmeno tanto simpatico.
Dai, non fare l’offeso. Se hai una bella discussione tirala fuori.
Io sono da queste parti proprio per questo.

Mai sazio di belle discussioni.
a presto

Antares ha detto...

@Boris Battaglia

che tipo di persona sono avremo modo di approfondirlo nelle prossime puntate del tuo blog...mi hai incuriosito e invogliato a mettermi alla prova.
Tuttavia una questione (quella che per me è LA questione) vorrei approfondirla ora. Riporto le tue parole: "Per questo tanti commenti lasciati solo per segnare il territorio mi innervosiscono. L’applauso è un’invenzione totalitaria. Se non ho da ridire o da dire meglio allora non ho niente da dire. Quindi taccio. Le groupie invece applaudono e devono sempre far sapere di esserci.", da quale punto di vista hai osservato questo agire per giungere a tali conclusioni?
Dal punto di vista dell'idolo, del fan, del visitatore occasionale, del visitatore affezionato, dell'amico, dell'amante, dell'estraneo, dell'invidioso, del nemico o altri ancora?
Perchè sono queste le personalità che si ritrovano in un blog, e perchè per tutte loro un semplice "ciao" ha un significato e un senso diverso rispetto ad un altro. La loro identità può essere, inoltre, manifestata in un solo messaggio o in puzzle di messaggi, in un gioco di incastri le cui regole sono conosciute solo dai giocatori.
Da quanto tempo studi i partecipanti ai blog? Da quanto tempo studi almeno noi partecipanti di "Dalla Parte di Asso Merrill" per affermare quello che affermi?
Che metodo di ricerca hai usato?
Ti sei servito di statistiche o ne hai elaborate?
Hai partecipato in prima persona o hai solo osservato?

Sai perchè te lo chiedo? Perchè se fallirai sul fumetto italiano così come hai fallito sulla comunità dei blog, ne vedremo delle belle....


a presto