5.11.07

Lucca Comics & Games -l'offerta-


Parliamo delle cose belle e di quelle meno belle viste in questa fiera.
Chiaramente, è il punto di vista del tutto soggettivo di uno che la fiera è riuscita a vederla tra un caffè e l'altro.

Cominciamo dalla "Double Shot" che, a un anno dal loro primo volume, si porta a casa il premio e i complimenti di tutti.
Congratulazioni ragazzi, state facendo un gran bel lavoro.
E visto che siamo in zona, facciamo i complimenti pure alla "Bottero Edizioni" che quest'anno si è presentata in maniera professionale con bei prodotti dalla veste editoriale curata e molto interessanti nei contenuti. Anche lo stand questa volta era quello di una vera casa editrice e non il simpatico ritrovo di pazzarelli degli anni scorsi.

Come sempre notevole il lavoro della "Kappa Edizioni" che tra le novità presentava pure lo spettacolare "La Magnifica Desolazione" di Paolo Bacillieri e "Matteo e Enrico", riedizione in un unico volume (rivisto e corretto) delle vicende romantiche dei personaggi creati da Massimiliano De Giovanni e dal gradissimo Andrea Accardi.

Bell'esordio anche per la "Renoir" che pur con titoli forse non di spicco sotto il profilo dei nomi degli autori, ha presentato volumi interessanti e molto ben curati. Complimenti a Michele Foschini, insomma.

Si confermano solide le proposte di "Tunué "e "Becco Giallo" (che sta presentando materiale sempre migliore tra cui il bel volume "Ilaria Alpi" di Marco Rizzo e Francesco Ripoli) e quelle di "Black Velvet" (che, tra l'altro, ha dato alle stampe la bella biografia di Johnny Cash).

Ausonia fa squadra da solo per la "Imatra Bloom". E lo fa alla grande.

Cresce pure la "001" grazie ad un catalogo saggiamente costruito tra riproposte di qualità e prodotti inediti.

Inutile che stia a parlare di "Edizioni BD". Sono il mio editore di riferimento e se ne parlassi bene sembrerei fazioso.
Diciamo che se i loro fumetti non me li regalassero, al loro stand avrei lasciato almeno 200 euro.

Ancora da rodare le edizioni "Arcadia", che a fronte di una proposta davvero valida sotto il punto di vista degli autori coinvolti, ha ancora parecchi tentennamenti sul lato grafico dei volumi stessi.

Perplessità ancor forti sui prodotti della "Nicola Pesce Editore". Qualità del materiale proposto molto discontinua e veste grafico/editoriale da rivedere. Roba interessante ce ne sta, ma dovrebbe essere presentata e organizzata meglio.

Figura abbastanza patetica invece quella della "Comma 22". Uno stand che sembrava un vecchio rigattiere (fumetti vecchi e nuovi buttati a caso sul bancone dello stand), un Daniele Brolli a dir poco sfuggente (per usare un pallido eufemismo) e ancora tante promesse disattese.

Sotto tono rispetto al solito la Coconino: la casa editrice di Igort si è presentata con poche novità (forse nessuna?) e un atteggiamento meno grintoso di quello abituale. Resta fermo il fatto che il suo catalogo contiene dei pezzi di fumetto straordinari.

A un anno dal suo esordio in quel di Lucca, non è invece pervenuta la "Sunset" e il simpatico Infinito (che m'aveva promesso di venirmi a cercare per dirmene quattro e che invece non s'è fatto vedere).

Solito lavoro nel segno della coerenza quello delle edizioni del "Centro Fumetto Andrea Pazienza". Al Ginevra dovrebbero fargli un monumento e punto.

Bella la rivista di quelli di Comicus e "Gizmo" di 8palle.

Interessante l'esordio della "Proglo Edizioni".

Come al solito vivace anche se ghettizzata l'area self-comics.

Sono sicuro di essermi scordato qualcuno ma ho ancora lo scatolone di fumetti comprati e regalati da aprire e sto andando a memoria.