22.12.07

Domanda...


L'usanza delle strenne ci viene dalla Roma pagana di Romolo. Il primo re di Roma aveva fatto costruire le mura attorno alla città da lui fondata. In segno di gioia e di prosperità i suoi amici gli offrirono un gran fascio di rami verdi, tagliati dal vicino bosco dedicato a Strenia, la dea della potenza e della fortuna.
Commosso per l'omaggio, Romolo volle che il gesto augurale venisse rinnovato ogni anno nel giorno anniversario della fondazione di Roma. Col tempo questa usanza perdette il carattere ufficiale e si diffuse fra i cittadini, che specialmente alle calende di gennaio, cioé nel primo giorno del mese, cominciarono ad offrirsi a vicenda ramoscelli sacri di alloro e ulivo, aggiungendovi doni di fichi e mele con l'augurio che l'anno in arrivo potesse essere dolce come quei frutti. E poiché il nome della dea Strenia era sinonimo di prosperità, l'uso assunse lo stesso nome. Più tardi rami verdi, fichi e mele, vennero sostituiti con doni d'altro genere; il nome strenia venne alterato in quello di strenna e i regali
vennero offerti nel giorno della nascita di Gesù.



Ma perché, quando tutta l'editoria italiana è in fermento per la follia delle compere di natale, quella a fumetti sembra sempre entrare in letargo? Le Feltrinelli sono sotto arrembaggio da giorni e lo stesso vale per ogni libreria, mediastore e quanto altro.
Dove sono le nostre strenne?
Perché non sembra esserci una pianificazione editoriale pensata espressamente per presentare quel volumazzo a fumetti, caro e figo, che sotto le feste potrebbe essere facilmente regalato (e che magari farebbe pure piacere ricevere)?

16 commenti:

armaduk ha detto...

Ottima domanda. L'ho posta tempo fa ad alcuni editori italiani e mi hanno dato tutti la stessa risposta: i volumi per le strenne natalizie CI SONO. Sono quelli che vengono presentati in anteprima a Lucca Comics e che raggiungono le librerie a metà dicembre. Si, lo so che non suona proprio convincente ma è la risposta che mi han dato. Boh?

Skiribilla ha detto...

In realtà nelle librerie durante il natale non c'è molto di più di quello presente durante l'anno.
Un vero peccato, concordo.

(io mi sono premunita prima, sapendolo, che regalare fumetti penso sia sempre una gran bella cosa).

puccio ha detto...

Io mi sono trovato decisamente in difficoltà nel trovare qualcosa a fumetti da regalare ad un mio pseudocuginetto di dieci anni. Cercavo un volumone stile quelli Disney di un tempo, "Io sono...". Magari qualcosa sullo stile di Monster Allergy, o Wondercity. Nada.
Allora ho pensato alle Absolute Planeta (tanto lui non si accorge delle traduzioni del menga), ma che gli regalo Watchmen? DKR? DKR 2? A 10 anni?
C'era il bel volume della Panini Io sono l'Uomo Rgano, ma ne ho trovato solo una copia malmessa, essendo uscito un paio d'anni fa.
Nemmeno il Manuale delle Giovani Marmotte ho trovato.

Alla fine, ho rinunciato e gli ho regalato tutt'altro (questo: http://tinyurl.com/23fe8j ).

emo ha detto...

perchè il 25 dicembre per gli editori italiani cade a cavallo della fiera di Lucca.

Luigi Siviero ha detto...

Un paio di settimane fa la Planeta ha distribuito nelle librerie di varia le edizioni assolute.
Secondo me una casa editrice così grossa e desiderosa di avere visibilità potrebbe contribuire ad allargare quello spazio all'interno delle librerie (intendo spazio fisico: grandezza dell'area espositiva dei fumetti) che per i fumetti è ancora troppo piccolo.
E' vero che le strenne sono quelle che escono in anteprima a Lucca e vengono distribuite in seguito. Il problema è che raggiungono gli scaffali delle librerie solo se il cliente le ordina.

GreatMoranda ha detto...

Che culo per le fumetterie avere le novità uscite a Lucca prima di Natale! quasi 2 mesi dopo. Senza contare quelle che ad oggi devono ancora arrivare e se ne parlerà a Gennaio (qualcuno ha detto XIII?)

Fabrizio ha detto...

A vantaggio della Planeta posso dire che TUTTE le edizioni absolute le ho trovate facilmente nelle librerie di varia. Anche cartonati come "l'Orgoglio di Bagdhad". E poi a Fnac, ovviamente.

Sì, una bella confezione Natalizia... Bisognerebbe pianificare la promozione tra lucca e natale

Fab

IL GABBRIO ha detto...

Verissimo!!!
Aggiungo anche un'altra domanda, non so se capita anche a te...ma nessuno pensa mai di regalarmi un mega volumone di un qualche fumetto, pur sapendo che sono appassionato, cioé, i libri, cd, film, videogiochi me li regalano, ma i fumetti no!
Anche questo un retaggio culturale dove il fumetto non assurge al livello di nobiltà tale da costituire un regalo?
Mah...io, intanto, sotto natale, mi sputtano i soldi a fumetti e sti cazzi...
Prossimi acquisti: Torpedo volume 2, Battaglia ed Arkam Asilum...e se ci scappa, una tavola originale di un qualsiasi Dylan Dog, possibilmente di Roi o Brindisi!!!
Auguroni!!!

IL GABBRIO ha detto...

Ah...piccola nota, la mia ragazza mi regala i fumetti...tra cui: alta criminalità, dove c'è anche una tua storia molto bella!!! : )

HulkSpakk ha detto...

il fumetto non fa testo come il resto del mercato non per il retaggio che si porta da eoni agli occhi del pubblico, ma per quello che si porta negli occhi degli editori.

Sono i primi a non crederci.

Non ci sono nemmeno offerte per i negozianti, per incentivare gli ordini o spingere un prodotto X rispetto al prodotto Y.

E' che sono fumetti.
Quando diventeranno "graphic novel" vedrete che le cose cambieranno.

Shin ha detto...

Gli appassionati ci sono, ma purtroppo si buttano più su gadgets dell'omonimo fumetto o sui famigerati volumi unici... O i veri intenditori si regalano tavole preziose... in ogni caso dalla mia ragazza di sicuro riceverò un fumetto[MGS volume2]. ^^

Davide Barzi ha detto...

Si parla spesso male della Planeta e delle sue strategie editoriali, però devo ammettere che loro, alle strenne natalizie, in effetti ci hanno pensato.
E posso testimoniare che a Pavia nel giro di poche centinaia di metri ci sono due librerie che dedicano entrambe spazio in vetrina a questi volumoni.

RRobe ha detto...

Sì, la Planeta è una dei "buoni" in questa caso.
Strano.

Hytok ha detto...

Però se cerchi bene, qualcosa trovi... ad esempio, io ho comprato Blankets e Fun Home, da regalare a due persone care.

milian ha detto...

Concordo con il gabbrio. Strenne o non strenne, in Italia si pensa che faccia più figura regalare un libro piuttosto che un fumetto (e sì che con quello che costano oggi i fumetti...)
E intanto in Inghilterra pare che il regalo più in di questo Natale sia il Dan Dare di Ennis & Erskine
http://www.comicsblog.it/post/1978/dan-dare-di-ennis-a-ruba-in-inghilterra

Vabbè. Continuiamo così, facciamoci del male.

Shin ha detto...

Mi correggo con orgoglio,
dalla mia donzella 2 fumetti in dono mi son giunti.