23.12.07

Led Zapper?



Avete presente quando si parla di quei retaggi atavici che ci portiamo dietro, roba tipo tipo il coccige o il cervello rettile?
Ecco, io per i regali di natale mi porto dietro il retaggio di un bambino puzzone di sei anni che per natale ha ricevuto una macchinina telecomandata senza le batterie e ha dovuto aspettare fino a dopo Santo Stefano per poterci giocare.

Facciamo una premessa:
io con i regali c'ho un rapporto strano.
Avete presente quelle madri che scambiano l'affetto con il cibo? Ecco, io faccio lo stesso con i regali. Se ti voglio bene e voglio dirtelo, ti regalo qualcosa. E non è che ti regalo una cosa qualsiasi, eh? Io mi ci sbatto una cifra a pensare a cosa ti piace, bado a stare attento quando dici che ti piacerebbe avere qualcosa e mi premuro di sapere se te lo sei già comprato o meno.
E lo stesso mi aspetto da te, ovviamente.

Ovvio che il natale mi mandi in agitazione.
Prima di tutto c'è da pensare al regalo da fare agli altri e poi c'è da farsi salire l'ansia, sperando che gli altri abbiano saputo cogliere i molteplici indizi che hai cominciato a spargere da due mesi a questa parte.
Quando si arriva al momento fatidico dell'apertura dei regali, il mio stato d'animo è un miscuglio di infantile speranza (il quel pacchetto regalo potrebbe esserci la felicità), cinica disillusione (in quel pacchetto probabilmente ci sarà qualcosa che ho già o che non desideravo particolarmente) e una versione pervertita della filosofia zen (non importa quello che ci sarà nel pacchetto... tanto quello che davvero mi piace posso sempre comprarmelo da solo).

A complicare una situazione già difficile, c'è pure da dire che io detesto dire quello che mi piacerebbe ricevere.
Se mi vuoi fare un regalo è perché, in qualche maniera, mi sei affezionato.
Se mi sei affezionato, pretendo che tu ti sbatta almeno un minimo e badi a quello che realmente mi piace... del resto è lo stesso che cerco di fare io, no?
Detto questo... ci sono i casi in cui si è costretti a dare indicazioni chiare, specie a persone che hanno un sacco di cazzi, si sbattono per te da una vita ed è più che assodato che ti vogliono un mucchio di bene.
Quindi, se sei una delle poche persone che appartengono alla categoria sopra indicata e mi chiedi "cosa vuoi per natale?", finisce che, pur andando contro tutti i miei principi, io te lo dico.

E veniamo al sodo.
Io capisco che non hai tempo, che sei stanca, che sei distratta e quanto altro e capisco pure che per te non c'è una grossa differenza fonetica tra "Led Zeppelin" e "Wii Zapper" ma -sorvolando sul fatto che i Led Zeppelin te li faccio suonare per casa da più di vent'anni e dovresti saperlo che ho ben più che tutta la discografia- una volta chiarito il misunderstanding, è possibile che non si riesca a intuire che se il Wii Zapper non lo trovi, è inutile che mi prendi un gioco pensato per essere giocato espressamente con la pistola Nintendo?

So già come finirà questo natale... con un gioco che non posso giocare e un "buono" per un Wii Zapper che, ottimisticamente, potrò avere solo dopo le feste (sempre che si riesca a trovare visto che è finito da tutte le parti).
L'ho detto... sono in modalità bambino puzzone.
Immaginatemi mentre sbatto a terra i piedini e sbuffo come un idiota.