16.12.07

[RECE] La promessa dell'assassino.


Nell'indecisione tra il rientrare in ospedale o meno, ho deciso di fregarmene e trascinare il mio emaciato corpicino al cinema sotto casa per vedere l'ultima fatica di Cronenberg.
Premessa fondamentale: mai stato un fan di Cronenberg.
Aldilà di "Scanners", "Videodrome", "La Zona Morta" e "Existenze", l'ho sempre ritenuto un regista ampiamente sopravvalutato... questo fino a quel gioiello di asciuttezza e rigore che è stato "History of Violence", film che ho semplicemente adorato.

Questo "Eastern Promises" (titolo molto più sensato rispetto a quello scelto per l'edizione italiana) forse non è all'altezza dell prova precedente del regista ma rimane comunque un gran bel film.
Una regia asciutta, senza fronzoli e crudelissima, sostenuta da interpretazioni quasi tutte di alto livello (straordinario Viggo, finalmente misurato Cassel, inutile la Watts). Il film perde qualche punto sotto il punto di vista della storia che non è malaccio (anche se un poco banale nello sviluppo e nella svolta finale) ma che è servita davvero male da uno script impacciato, a tratti confuso e purtroppo retorico.
Per farla breve, un buon film che sarebbe potuto essere ottimo.

p.s.
non andate a vederlo con una donna dallo spiccato senso critico altrimenti passerete le successive due ore a discutere di valore stilistico, messaggio e percorso dei personaggi... del resto son donne. Che volete che ci capiscano di queste cose?