17.2.08

Take me down to the Paradise City...


I ragazzi di Criterion devono avere le palle quadre.
Avevano un titolo di successo che funzionava da dio e che non sembrava dare segni di crisi: se fosse stato per quelli dell'Electronic Arts, la serie avrebbe potuto continuare a campare di rendita, un capitolo dopo l'altro, tutti identici, anno dopo anno.
Quelli della Criterion invece hanno deciso di fare di meglio e di rischiare tutto e di andare alla ricerca di una nuova dimensione del gioco di guida.
Hanno preso la loro serie di "Burnout" e l'hanno rivoltata come un calzino, sconvolgendo il senso stesso del loro titolo di punta, trasformando quello che era un normale gioco di guida (per quanto folle e esagitato) in un free roaming game (ugualmente folle e esagitato).
"Burnout Paradise" vi mette a disposizione una città, liberamente esplorabile, liberamente percorribile, liberamente violabile.
Nulla è vietato, tutto è possibile.
Volete solo andarvene a zonzo a vedere il panorama? Potete farlo.
Volete prendervi a sportellate con piloti assassini e psicopatici? Fermatevi a un semaforo, lanciate la sfida facendo sgommare le gomme e poi dateci dentro! Volete passare il tempo a fare stunt spettacolari? C'è giusto una rampa che vi aspetta dietro l'angolo e che non vede l'ora di darvi modo di esibirvi in un salto mozzafiato.
L'avversario che "Burnout Paradise" vi metterà contro non sono gli altri piloti (tutti sostenuti da una intelligenza artificale assassina) o il tempo messo a disposizione per terminare alcuni eventi (sempre troppo poco): il vero, è Paradice City stessa.
Dovrete imparare a conoscere la città come le vostre tasche per dominare le varie competizioni che il gioco vi metterà a disposizione perché nessuna strada sarà obbligatoria e ognuno si farà da solo il suo percorso e spesso una strada sbagliata renderà vana una guida perfetta.

"Burnout Paradise" se ne frega dei casual gamer.
Non vuole essere amichevole.
Non accetta di essere giocato distrattamente.
Dietro una grafica sontuosa e un comprato sonoro da urlo, "Burnout Paradise" nasconde un meccanismo ludico che non tollera compromessi.
Questo è un gioco che pretende rispetto e in cambio regala infinita soddisfazione.
L'unica cosa facile di questo nuovo Burnout è il sistema di guida: reattivo, soddisfacente e goduriosamente appagante, proprio come in ogni altro capitolo della serie... per il resto, se cercate un gioco facile e comprensivo, statene alla larga.
Se cercate un capolavoro, fiondatevi a comprarlo.

p.s.
se vi capita di giocarlo on-line, mi troverete alla guida della mia Fastback sotto la tag "Il Nemico".

21 commenti:

Fabrizio ha detto...

Mmm...

multiplayer = la possibilità di pestare un'infinita serie di tarri del motore e intubarli di polvere e gas dalla sera alla mattina.

Finalmente un gioco per l'automobilista/giustiziere della notte che è in me!!

Ma si possono personalizzare anche le auto?

Fab

RRobe ha detto...

Molto poco (colore e finiture).
Ma non è quel tipo di gioco.

Randall ha detto...

Cheppalle, ste robe arrivano sempre per icsbocs e mai per ui.. :(

Avion ha detto...

A me questi giochi di guida con free roaming e carriera han rotto un po'.
Se prendo un gioco di guida voglio subito sfrecciare col ferrarino, non passare giornate a guidare una 500 o una Punto, che ne ho pure una vera in box.

RRobe ha detto...

Non è quest il caso, Avion.
Qui si corre a 300 dal primo minuto.
Niente carriera, niente patenti.

DIFFORME ha detto...

l'inquadratura dello screenshot spacca il culo ai passeri,
si trova per PC?

Avion ha detto...

Ah figo. Allora proveo almeno la demo.
Piuttosto, apri Steam e comprati Audiosurf. E' stato appena rilasciato. Costa 10$ ed è uno spasso incredibile.

RRobe ha detto...

Niente PC, difforme. Solo 360 e PS3.

Per Avion: non ho pù il PC e non mi va di installare Windows sul Mac. :(

DIFFORME ha detto...

quanto costa orora una 360??

RRobe ha detto...

Mi pare che la vendano in tre soluzioni:


Il modello low-cost chiamato "Arcade"
(senza Hard Disk che però è indispensabile ultimamente) a 280 euro.

Il modello normale con Hard Disk e 3 giochi a 350 euro.

Il modello di punta, denominato "Elite" con HD grande, cuffie e minchiate varie a 450.

Conviene il modello intermedio.

p.s.
è una console favolosa, specie per il gran numero di giochini e le funzioni online.

RRobe ha detto...

Gioconi. Non giochini.

DIFFORME ha detto...

ma ora che è uscita la PS3 per quanto sarà ancora sul mercato?

RRobe ha detto...

Eh?
Sono macchine sostanzialmente equivalenti ma, per ora, la 360 ha più giochi in esclusiva (di cui molti capolavori) e un servizio online di molto migliore.

In europa la PS3 va meglio mentre in america vince la 360.
In Giappone il Wii.

Avion ha detto...

Io ho preso la X Pro lunedì scorso all'Auchan a 289 €, inclusi Forza motorsport 2 (nemmeno provato, ad ora), e Viva Pinata (non un giocone, ma molto molto simpatico) un pad e cuffia, + 150€ di Assassin's Creed, Mass Effect (annunciato per PC il giorno dopo :| ) e cavo per connettere la console al monitor anziché alla TV.
Per la cronaca, avevano anche la Elite a 379€ ma senza giochi inclusi.
La PS3 secondo me ha un potenziale enorme ma inespresso. Le semplici conversioni di giochi che sono stati creati a partire da PC e XBox la castrano, servono giochi creati appositamente per sfruttarne l'hardware particolare. MGS4 e FF XIII promettono bene, ma staremo a vedere.

DIFFORME ha detto...

forse son stato troppo ermetico, volevo dire che vista l'uscita della PS3 non è che bill lancia a breve una 460 o come cavolo si chiamerà l'evoluzione?
insomma per quanto tempo sarà ancora la xbox 360 il modello di punta microsoft?

Avion ha detto...

Da quel che si dice, sì, ancora per vari anni.

Avion ha detto...

E mi sa che devo cambiare la xbox dopo solo una settimana causa lettore schizofrenico. :|

keison ha detto...

Robbè...http://www.youtube.com/watch?v=-st9a4Z5vyU
ce l'hai?

RRobe ha detto...

No.
L'edizione che uscirà in europa è censurata e non la piglio.
Se la trovo giappo, sì.

Antonio ha detto...

Giorgio,

vai a lavorare!!! Lascia i giochini...

hahha


Rrobe: ma non era take ME down to Paradise City?

RRobe ha detto...

ops!