12.4.08

Adesso non c'è manco più bisogno di menarli... lo fanno da soli.




Battute a parte, 'sta roba della "cinghiamattanza" m'affascina in maniera sinistra.
E' come un incidente stradale che non riesco a smettere di guardare.
Su You Tube impazzano i filmati e XL, questo mese, gli dedica un articolo bello lungo, dando un certo risalto alle ormai molte band musicali dal cuore nero che ci sono in giro (e alcune non fanno neanche roba malvagia, tematiche a parte).

In realtà, è proprio tutta la nuova scena dell'estrema destra giovanile da tenere d'occhio.
Si stanno muovendo un sacco sul territorio e, a livello di provocazione culturale, fanno spesso centro.
Poi, ovviamente, son sempre gente che si riconosce nella figura storica di un ometto ridicolo e per questo risibili... ma non significa che non siano capaci di andare a toccare nervi scoperti e di intercettare certe spinte popolari.

EDIT
noto ora che anche Piccoli ne aveva parlato.
Essendomi preso la briga di sentire qualche pezzo degli ZetaZeroAlfa oltre a "Cinghiamattanza", aldilà degli opposti schieramenti di fronte, non è che ci veda poi questa grande differenza di spessore culturale tra loro e gente come gli "AK-47" o gli "Assalti Frontali".
Un sacco di demagogia facile, slogan sparati come pallottole e l'esaltazione della filosofia "contro".

E pure tutto 'sto stupore sulla storia delle cinghiate... il pogo, il mosh o il wall of death ce li scordiamo?

30 commenti:

Marco ha detto...

>gli "Assalti Frontali".


Secondo me ci vai un po' pesante con gli Assalti Frontali. Non ho seguito interamente la loro carriera, ignoro le evoluzioni attuali... la maggior parte della conoscenza che ho di questo gruppo deriva dall'album " Banditi", e basandomi solo su quello non mi sembra che Militant A scriva soltanto pezzi "contro" e slogan facili... " Va tutto bene " mi sembra una canzone molto introspettiva e sincera.

Mastro Pagliaro ha detto...

ma non farebbero prima a pestarselo nel culo?
mi sembrano dei gay repressi.
ammetto che la pratica della cinghiata è molto "morbosamente affascinante", come tutto ciò che è distruttivo o espressione di un disagio sociale e personale, ma qui ci vedo più un disperato bisogno d'amore e niente più.

qualcuno dovrebbe fargli capire, che la penetrazione anale, è più onesta e sincera.
questi qui dovrebbero capire che il piacere sessuale è l'unica vera soluzione al problema, perché ogni società evoluta è una società che scopa parecchio, e quindi purtroppo non sorprende che la società "pensata" da SStorace e Ratzinger preveda sesso zero, o solo se si è sposati e comunque solo per concepire dei figli (mostri).

i giovani di sinistra diventano ciechi dalle seghe.

i giovani fascisti diventano ciechi per una cinghiata.

i giovani di sinistra ritrovano la vista appena iniziano a scopare.

i giovani fascisti resteranno ciechi per sempre.

e questo fa paura e tristezza perchè non possono apprezzare la Santanchè.

che io, da persona di sinistra, me la piperei, perchè è una gran figa, dimostrando così, che si possono superare gli steccati ideologici che frenano lo sviluppo del nostro paese, per il bene dell'ITALIA.

Questo è un pensiero Veltroniano che io sottoscrivo.
ciao

Dario ha detto...

Non credo che il problema siano le cinghiate o il fatto che le posizione estremiste spesso si somiglino... dipende cosa c'è dietro quello che vediamo o che ci può affascinare.
Dietro la rinnovata militanza politica di estrema destra fatta spesso di trovate mass mediatiche geniali e comunque di un preciso e crescente radicamento sul territorio, nelle scuole e negli stadi, c'è non tanto il culto di mussolini quanto una xenofobia estremista, un razzismo dilagante e senza appello, e un disprezzo delle culture (e della cultura) che spaventa. Questi qui sono proprio brutti brutti brutti, temo.

QSJesus ha detto...

Conosco, per motivi di lavoro, alcuni di questi ragazzi, e ti assicuro che non tutti sono così "amanti" del ventennio. Anzi...

@mauro pagliaro, l'estremismo, di qualunque parte, nasce e prolifera nella povertà, ed oggi, sopratutto a Roma, trova terreno fertile. Se Roma ne è l'avanguardia un motivo ci deve essere ...

gianluca ha detto...

per gli sciocchi non esiste medicina.

Fabrizio ha detto...

Mah, io con i miei 58 chili per 1,83 di altezza mi son sempre tenuto lontano dai poghi.
Non è colpa mia: sventolo e mi sbriciolo!

Figuriamoci la cinghiamattanza...


Fab

HulkSpakk ha detto...

ne avessero prese di più dai loro padri col cazzo che se ne davano ancora aggratis.

RRobe ha detto...

Per Marco:
non lo so.
Gli Assalti li ho seguiti abbastanza da vicino quando abitavo a due passi da Forte Prenestino, e aldià che Militant uno spessore ce l'ha... è pure vero che i loro album sono pure pieni di pezzi di "militanza per la militanza", di "non ci caccerete mai", di "barricate contro gli sbirri" e di "dagli al fascio".
A conti fatti, aldià degli esiti artistici (e gli "Assalti" sono più talentuosi di gente come i ZetaZeroAlfa) non mi pare che ci sia una differenza così profonda.
Rabbia, incazzatura, disagio, slogan.

RRobe ha detto...

Mastro me la scoperebbi pure io la Santaché, che c'entra? :asd:

Mastro Pagliaro ha detto...

il mio era uno spot pro-veltroni.
:-)

RRobe ha detto...

Non guardare nella mia direzione.
Io sono per le bombe.

DIFFORME ha detto...

mah, da ragazzini noi facevamo la "bozzomattanza", ci riunivamo in un campetto e ci prendevamo a sassate (bozzate appunto), sassi seri, anche sanpietrini, altro che cinghiate, ricordo diversi lacero-contusi... ci fermammo quando alcuni cominciarono a partecipare con i caschi in testa...

bei tempi...

DIFFORME ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
gongoro72 ha detto...

quoto mastro pagliaro
(a proposito, complimenti per il blog e tutto il resto)
ma la santanchè ve la lascio volentieri...

ciao

dario ha detto...

OT
Abitavi a due passi dal prenestino dove?
No perchè ci abito io :P

RRobe ha detto...

Torpignattara.
Minchia, al forte ci andavo con il Sì.
Sono vecchio, porca puttana.

Endriu ha detto...

Ho visto il video... devo ammettere che alcune scene in cui 'sti tizi si menano con la cinghia, ricorda molto un raduno che fanno i masai.
I giovani iniziano a prendersi a botte con delle pertiche di legno, molto sottili e flessibili, per mettersi in mostra di fronte a centinaia di ragazze. Queste poi sceglieranno il marito tra tutti. fine dell'analogia.
Per il resto sono solo dei fasci di merda.

RRobe ha detto...

:asd:

lula ha detto...

vedi, quello è un concetto affascinante. scegliere quello che ne dà di più o quello che si difende meglio? quello che alla fine ha addosso più lividi o quello che ne ha di meno? c'è tutta una sociologia dietro, porco mondo. ma quanto erano avanti i masai? pure io voglio scegliermi il marito così.

(scusate l'inciso, continuate pure con le vostre cose da fasci e ghei)

RRobe ha detto...

...

GuidO ha detto...

io quella sulla baraldini degli ak47 all'epoca la trovavo grandiosa...

lula ha detto...

intendevo: se non ti avessi trovato e fossi ancora là fuori disperata e frustrata a chiedermi se esisti anch'io vorrei scegliermelo così

(meglio?)

RRobe ha detto...

Lievemente.

Spiridion ha detto...

Finchè le cinghiate vengono scambiate con fare giocoso e di comune accordo va tutto bene.. in ogni caso alle cinghiemattanze preferisco di gran lunga le Zombie Strippers.. Ma quando esce il film???

ps. Effettivamente tra gruppi eversivi di destra e di sinistra non vedo grandi differenze... in generale ogni volta che la musica incontra la politica finisce sempre per rimetterci un pò..

RRobe ha detto...

Mica vero.
Penso a Guccini, ai Modena, a DeAndrè...

Spiridion ha detto...

Su De Andrè e Guccini hai ragione, ma è anche vero le loro capacità autoriali vanno al di là di un ascolto settario: conosco molta gente che la pensa in maniera radicalmente opposta e che comunque ama le loro canzoni.
Gruppi tipo gli Zeta Zero Alfa invece vivono della loro deriva politica: se fossero un "normale" gruppo rock non ne parlerebbe nessuno..

DAVID MESSINA ha detto...

Mah!...io per anni ho praticato Kung-Fu in una palestra dove per una parola sbagliata ti facevano fare 500 flessioni di punizione, ma questa gente c'ha dei problemi SERI...
...e soprattutto mi chiedo: possibile che la "controcultura" di destra, di Fight Club (film o libro) tutto quello che hanno capito sono solo le botte e l'autolesionismo?

Thomas ha detto...

Per dovere di cronaca, segnalo che esiste un interessante documentario di Claudio Lazzaro, "NAZIROCK", che si propone di esplorare meglio questo poco entusiasmante sottobosco culturale. Al suddetto documentario (uscito da poco da feltrinelli) è stato di fatto impedita la proiezione nelle sale, non con cinghie e spranghe ma con azioni legali (diffide) e accuse di diffamazione. Siamo sotto elezioni e piace mostrare il culo profumato. Si vuole impedire che il film raggiunga un pubblico più vasto di quello che frequenta le librerie. Si crea un clima d’intimidazione. Perfino l’Università di Bologna, il 9 aprile, dopo aver ricevuto la diffida di Forza Nuova, ha cancellato una proiezione organizzata da Sinistra Universitaria. Per dovere di cronaca (pubblicitaria) aggiungo che sarà proiettato a Bologna in piazza Rossini martedì 15 sera (da Sinistra Universitaria) e il 25 a Roma nella Casa della Storia e della Memoria dall'ANPI.
Le altre considerazioni psicosociopatologiche hanno un loro morboso fascino, in linea di massima concordo con te.

RRobe ha detto...

Me lo recupero.

Marco ha detto...

>aldià che Militant uno spessore ce >l'ha... è pure vero che i loro album >sono pure pieni di pezzi di >"militanza per la militanza", di >"non ci caccerete mai", di >"barricate contro gli sbirri" e di >dagli al fascio".

Beh, questo sì.
Ma sempre meglio di Zulù e soci, se non altro.