23.6.08

[Finali] Doraemon


Quando ero ragazzino ho visto tonnellate di cartoni animati giapponesi.
Tonnellate, sul serio.
Il problema però è che di poche serie sono riuscito anche a vedere il finale e quindi la mia memoria è piena di storie mai concluse, di vicende rimaste in sospeso, di fili narrativi lasciati a penzolare come panni stesi al sole.
E sono ragionevolmente certo che questa mia condizione sia condivisa anche da parecchi di voi...
Quindi, ho deciso di lanciarmi in una grande impresa... andare a scoprire quanti più finali possibili.

E cominciamo con Doraemon.
La serie, in realtà, non ha mai avuto una vera conclusione ma per lungo tempo i suoi creatori si sono baloccati con tre possibili conclusioni.

Nella prima, la batteria di Doraemon (un gatto robotico venuto da futuro, per chi non lo sapesse) si esaurisce e il povero Guglia deve decidere se rimpiazzare la batteria dentro Doraemon (operazione che però comporterebbe il reset della memoria del gatto robot), oppure aspettare di "arrivare nel futuro" e far riparare Doraemon da un tecnico robotico specializzato.
Guglia sceglie la seconda soluzione. Nel frattempo comincia ad applicarsi negli studi e diventa lui stesso un esperto di robotica... al punto che non solo sarà proprio lui a resuscitare Doraemon ma sarà pure l'artefice del viaggio del tempo che poi manderà Doraemon nel passato.
E' un bel finale, ammettiamolo.

Il secondo finale ipotizzato, invece, rivela che Guglia è un bambino autistico e che Doraemon e tutte le avventure che Guglia vive con lui, non sono altro che sue fantasie.
In sostanza, un vero schifo.

Il terzo finale mette in scena un brutto incidente di Guglia che lo lascia in coma.
Doraemon, a quel punto, comincia a vendere tutti i suoi ciuski (i gadget che Doraemon tira fuori dalla tasca quadridimensionale che ha sulla pancia) per pagare un intervento che salvi Guglia. Purtroppo l'intervento fallisce e Doraemon è costretto a usare il suo ultimo ciuski per permettere allo spirito di Guglia di andare a vivere in qualsiasi posto o epoca egli voglia... Guglia però vuole solamente andare in paradiso.
Altro finale orrendo.

Comunque sia, la morte di uno dei due creatori di Doraemon ha messo da parte tutte queste idee e Doraemon continua, tutt'oggi, a vivere le sue spensierate avventure. Di ognuno dei finali sopra esposti esistono delle versioni scritte e disegnate da appassionati giapponesi che però non sono ufficiali.
Meno male.