29.6.08

[RECE] Mad Sonja

Quasi di nascosto, la Disney ha mandato in edicola questo nuovo progetto.
Sostanzialmente si tratta di una serie per ragazzine un pelo più grandi di quelle che in teoria dovrebbero leggere "Witch" (e che invece leggono le WinX), ma non ancora adulte.
Strano a dirsi (visti gli ultimi passaggi a vuoto della casa editrice del ratto), questo progetto è piuttosto buono... sarà forse perché non è stato sviluppato in Disney ma comprato da fuori e poi "adattato" alle esigenze della casa editrice del topo?
La trama non offende e stranamente è più concentrata sull'aspetto umano che sul lato fantastico delle vicenda. Se vogliamo trovargli un difetto, la narrazione è molto decompressa e, a fine lettura, la storia è un poco impalpabile... ma, a conti fatti, è un numero uno e sono pochi i primi albi di una serie che riescono a essere veramente incisivi.
Quello che invece lascia davvero impressionati è il comparto visivo.
I disegni di Sascha Wüstefeld e i colori di Helge Vogt sono davvero notevoli e segnano un nuovo standard per il genere.
Sasha ha uno stile a mezza via tra il Disney e il manga, molto sintetico ma allo stesso tempo plastico e espressivo, lontano da quella che possiamo definire come "scuola Barbucci" e più prossimo a certe ultime tendenze provenienti dal giappone e dalla street art.
I colori di Vogt sono molto d'effetto ma allo stesso tempo freschi, delicati e leggeri, non affetti da quel certo manierismo canepiano che sembra affliggere molte serie nate sulla scia di Witch e Skydoll.

A quanto pare, i prossimi 5 albi della serie saranno realizzati sempre dagli stessi autori, il che fa pensare che lo standard qualitativo della parte visiva sarà molto alto e non subirà crolli verticali come invece è successo alle streghette di casa Disney..

Insomma... io uno sguardo ce lo butterei.
Giusto per capire che c'è vita dopo Barbucci e Canepa (nel caso Guarnido non ve lo avesse già dimostrato ampiamente).