8.8.08

E' di nuovo Color Fest

Lo trovate in edicola.
Tutte belle storie ma colgo di nuovo l'occasione per fare i complimenti, in special modo, a Alessandro Bilotta e Carmine Di Giandomenico per l'ottima prova che hanno dato.
Davvero una bella storia.
E' un peccato che un universo così affascinante si concluda in 32 pagine.

Notarella sulla copertina:
è bella e non ci piove... però mi piacerebbe davvero tanto vedere Liberatore di nuovo con matite e colori in mano e non più sopra una tavoletta grafica.

11 commenti:

gongoro72 ha detto...

però...!
che tavoletta grafica!
tanto di cappello

gongoro72 ha detto...

a me è piaciuta molto anche la storia di Gualdoni/DeAngelis...
forse un po' "ingenua", ma molto toccante

KoTa ha detto...

Domani scappo a prenderla.
Ho scoperto di adorare Di Giandomenico, soprattutto perchè lo trovo molto affine al mio stile (o meglio,a quello a cui aspiro :P ), e mi è piaciuto parecchio anche il suo lavoro in coppia con Bilotta su "Giulio Maraviglia".

Fabio... ha detto...

Ecco... Volevo dirlo io che la cover è in digitale...

Perissi ha detto...

Liberatore è sempre Liberatore, non c'è che dire... Poi Giandomenico e Bilotta io li adoro, li conosco pure e mi sono simpaticissimi.
Nota polemica: ma li avete visti i colori di Stano sulla storia di XL, quello si che è orrore allo stato puro! Stupro della retina e al buon gusto!

luttazzi4ever ha detto...

Concordo. La migliore storia delle 4!

simontkd ha detto...

Classifica personale del DyD Color Fest:
1. Il pianeta dei Morti. Ha ragione RRobe quando dice che la storia meriterebbe di essere approfondita.
2.Videokiller. Ritorna la Barbato dopo un lungo periodo di assenza facendo riprecipitare il suo DyD in un incubo a "circuito chiuso".
3.Il mago degli affari. Anche Ruju dimostra di saper padroneggiare bene DyD peccato gli manchi un pò di smalto.
4. L'inferno in Terra. Ho avuto l'impressione che in questa storia Gualdoni abbia inserito un personaggio di nome Dylan Dog...

P.S. guarda caso la mia classifica di preferenza corrisponde perfettamente all'ordine delle storie...sara un caso?

nerosubianco ha detto...

Carmine e Alessandro hanno dato vita ad un What If di grande spessore.
Divertenti le citazioni,
di altissima qualità la sceneggiatura di Ale e la scelta dell'inquadratura da parte di Carmine....
Un duo che continua a dare soddisfazioni.
Bravi picciotti : )

Brian Chinnery ha detto...

apparte la prima le storie non mi hanno molto esaltato.

Mi sono piaciuti molto i disegni di stano, mentre di solito le sue copertine non mi appassionano ( per gusto personale, non metto in dubbio la sua bravura):

Pero' lo trovo migliore del primo, le cui storie non mi convinsero molto...apparte quella di faraci che mi fece sorridere, e che mi sembrarono un po' " da ragazzini":

poi ripeto, tutti ( sia in questo che nell'altro colour special ) autori/disegnatori/coloristi bravissimi, i miei sono commenti legati al gusto personale, non critico l ottimo lavoro da tutti svolto.

buon fine vacanze a tutti.

QSJesus ha detto...

Bilotta / Di Giandomenico li ho conosciuti, assieme ovviamente, su "La Dottrina".
Storia, in 3 albi, che suggerisco sempre.
Una delle cose migliori uscite in Italia, da italiani sia chiaro, negli ultimi anni ...

neikos ha detto...

Credo di essere uno dei pochi a cui la copertina di Liberatore non piace quasi per nulla. Ma, per favore, qualcuno mi spieghi cosa sono quei cazzo di tubi/pilastri/sigarette giganti.