28.8.08

Vergogna.

HAHAHAHHAHAHHAHAHAHHAH!
HAHAHAHAHAHAHAH!
HAHAHHAHAHAHHAHAH!
HAHAHHAHAHAH!
HAHAHHAHAHHAHAHAHAHHAHA!

No. Sul serio.
Non so se ridere o piangere.
Fermate quell'uomo.

69 commenti:

Phayart ha detto...

Sul serio, ma Miller ha mai DAVVERO letto qualche storia di The Spirit?

Gianluca Maconi ha detto...

pure il font ha riciclato da sin city.
comunque parafraso le parole dello stesso miller: "conoscevo will, è piuttostoché qualcuno potesse rovinare the spirit facendone un film..."
e ci ha pensato lui. fantastico. ho voglia di piangere.

Uriele ha detto...

ah meraviglioso THE SPIRIT OF 300 Sin city Girls... gia' quando avevo visto il primo trailer c'ero rimasto piuttosto male. di certo non sara' un vero film su the spirit, speriamo almeno in un film divertente. Comunque il protagonista me lo aspettavo piu' grosso e mascelluto

dario dp ha detto...

Ma a parte il tradimento di the spirit... ma che cazzo di messa in scena??? La regia ricorda in peggio i fumetti in TV di superGulp.

:(

MC ha detto...

La sagra del Green Screen.

Daniele Caluri ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Caluri ha detto...

Dai, Rrobe, ci stai arrivando piano piano anche te. Ce la puoi fare, via; ripeti con me: Frank Miller è uno dei merdoni assassini più sopravvalutati degli ultimi vent'anni... Frank Miller è uno dei merdoni assassini più sopravvalutati degli ultimi vent'anni... Frank Miller è uno dei merdoni assassini più sopravvalutati degli ultimi vent'anni...

Aldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
MA! ha detto...

Però c'è da dire che Marco Muller (l'uomo dietro le ultime 4 strepitose edizioni del Festival del Cinema di Venezia) ha fatto di tutto per averlo in apertura della nuova edizione del festival. E non mi sembra che il buon Muller sia uno sprovveduto, uno che porta Miike al Lido, che mette Johnny To in giuria, che organizza retrospettive sul cinema di genere italiano,...

Fabrizio ha detto...

Versate il maalox nella tomba di Will, please...

:D



(esteticamente mi acchiappa, però...)

Fab

Gianluca Maconi ha detto...

...un uomo che sa cavalcare l'onda del momento. non sempre la qualità o il giudizio critico sono alla base di certe scelte.

Elydon ha detto...

Si ma.. Cazzo!

el mauro ha detto...

sembra il trailer di un videoclip.

ed è la prima volta che vedo il trailer di un videoclip!

Miller sta sempre avanti:-)


El Mauro

ivanhawk ha detto...

Allora, non ho mai letto Spirit. Ma so più o meno qual è lo stile grafico di Will Eisner.

Se me lo dimentico, sembra anche interessante... ma solo se me lo dimentico.

sraule ha detto...

io non capisco tutto questo accanimento contro miller.
onestamente, avete visto constantine?
certo, questo non è spirit, è altro.
forse scoccia che il "tradimento" sia venuto proprio da uno del settore, ma la verità è che comunque miller sa fare solo miller, è un discorso che continua dai tempi di sin city (il fumetto).
anche allora c'era gente che diceva che fosse una boiata - e in un certo senso avevano ragione, ci mancherebbe.
però era una biata di un certo impatto.
spirit è il film di sin city 2, credo che andrebbe giudicato in quest'ottica.
bisognerà poi vedere se è una biata soporifera o se è una biata che ti fa uscire dal cinema con un ghigno sulla faccia.
ma finché non lo si vede un po' difficile dire.

sraule ha detto...

le "o" ce l'hanno con me, oggi. :)

Moleskina ha detto...

Sono d'accordo con quest'ultima analisi. Il trailer non promette bene, ma un film bisogna vederlo prima di poter dare un giudizio obbiettivo.

RRobe ha detto...

No, no.
Difendo a spada tratta il diritto di avere un pregiudizio.
E questo film, anche non tenendo conto di tutta la questione legata a Eisner, sarà una cagata con il botto.
Ci metto la mano sul fuoco.

Andrea ha detto...

E alla fine della fiera tutti andremo a vederlo...e ci metto la mano sul fuoco pure io!

Gozzer ha detto...

Ma visto l'effetto, comprensibilissimo, che ti ha fatto questo trailer, cosa ne pensi Roberto del teaserone di Watchmen ?

RRobe ha detto...

Il trailer di Watchmen l'ho trovato bello.
Coatto ma bello.
Non sono un maniaco della fedeltà all'opera originale e quindi non è che mi faccia tanti problemi.
Il problema di "The Spirit" rispetto a "Watchmen" sono ben altri.
Tipo che, il secondo, ha un regista. Il primo, no.

Uomo del monte ha detto...

dai però samuel l. jackson versione nazista vale da solo il biglietto

KoTa ha detto...

Ho letto un'intervista (su Duellanti forse) in cui Miller parlava del film. O meglio, stava a giustificare tutta una serie di scelte, ben consapevole del malcontento generale che aleggiava intorno alla "sua" "opera".
Detto questo, concordo con Rrobe sul diritto del pregiudizio, o alla più comune sensazione de "'sto trailer m'acchiappa".

Il trailer di Watchmen è figo, c'è poco da fare, perchè secondo me Snyder ha c'entrato in pieno (o almeno dal trailer pare sia così)le atmosfere decadenti e pessimistiche del fumetto, e guardando il trailer si sente un feeling con l'opera originale.

Co' 'sta roba che Miller ci sta rifilando, io non sento proprio nulla.

CREPASCOLO ha detto...

un autore è sostanzialmente una persona che ha un punto di vista che esprime in modo personale.
miller è stato oggetto di critiche, anche feroci, dai tempi di ronin, però ha continuato a raccontarci la 'sua' storia.
se dirigesse un film tratto da cappuccetto rosso, la bimba sarebbe quantomeno una ninja fatale, il cacciatore assomiglierebbe a marv, cerotti inclusi, la nonna sembrerebbe la granny del quarto mondo di kirby ed il lupo sarebbe il migliore in quello che fa.

Il Parolaio Perplesso ha detto...

Francamente lo trovo quasi inquietante. Prendi un fumetto non tuo. Lo fai quasi passare per tuo anche nei titoli. Lo snaturi, lo violenti e lo fai diventare The Spirit contro le zoccolette di Sin City...

Quando è troppo è troppo.

Miller si è ridotto ad essere una brutta copia di Christopher Paolini (che ha preso Star Wars, lo ha copiato senza ritegno mettendo un drago azzurro al posto della spada laser e riesce pure a vendere parecchio...)

E a me Miller piaceva anche...

PS: non sono solito postare su blog altrui -a dire il vero è il mio primo commento- ma questa violenza fatta a Eisner mi lascia veramente basito...

CREPASCOLO ha detto...

le riletture ben fatte spostano l'attenzione - probabilmente molti ragazzini americani sono convinti che batman è stato creato da miller.
il maiale si può cucinare in mille modi - esistono versioni punk delle canzoni di michael jackson.
lo spirit di miller non cambierà una vignetta delle storie di eisner - ci dice solo, una volta di più, che elektra è nata da una costola di sandi saref

Fabio... ha detto...

Io sono dalla parte di Miller.

Il film non sarà SC2.


E poi, Miller con Eisner c'ha parlato, c'ha mangiato.
L'ha conosciuto e sa cosa voleva, cosa piaceva ad Eisner.

Partendo comunque dal presupposto che è un film di Miller (come Shining non è King), siete sicuri che Eisner non amasse i film tamarri?
Siete sicuri che Eisner volesse una riproduzione esatta del fumetto?

Probabilmente lo stesso fumetto oggi Einser non lo avrebbe fatto uguale, pensiamo gia solo al colore, vestito blu e cravatta rossa. Non è che Eisner avesse quella gran scelta...
Magari lui voleva un vestito vinaccio con la cravatta lilla... Mica poteva farlo...

Il problema è che noi appassionati ci sentiamo traditi, quell'opera è nostra e uno "stronzofascista" ce la sta uccidendo.

E se Eisner a cena gli avesse confidato che gli piaceva un casino XXX con Vin Diesel?

In fondo Miller vi ha gia fregati tutti col primo teaser in bn...
(io lo dicevo che era una presa in giro)

Andrea ha detto...

Caro Fabio,mi hai tolto le parole di bocca. La penso come te.

Raziel ha detto...

si ma COSA HANNO FATTO a Mace Windu...

foolys ha detto...

il problema è proprio che miller con eisner c'ha mangiato :D

sono fortemente tentato di non andarlo a vedere neanche al cinema...

Raven ha detto...

Ci avrà anche mangiato, con Eisner.
Però la prima cosa che viene in mente è "Questo di Spirit non ci ha capito un cazzo."

Poi però si va a rileggere il ciclo di Daredevil con Elektra e...

Boh.

Magari aveva capito Spirit venticinque anni fa, e nel tempo che è passato si è completamente rincoglionito. Può succedere.

O magari ai produttori del film importa molto poco del fumetto e contano più sull'incasso al botteghino.

Mah.

Personalmente non è che senta la necessità di questa omologazione forzata. Se tutti i film tratti da fumetti famosi verranno realizzati allo stesso modo (Sin City, 300, da quanto si vede dai trailer anche questo Spirit e Watchmen) finisce che diventeranno sempre più indistinguibili l'uno dall'altro.

Meno male che ci sono anche i Cavalieri Oscuri di Nolan.
Almeno quello lo ricorda davvero, il Batman dei fumetti.

Andrea V. ha detto...

Pare la pubblicità di un body shampoo. O di una lavatrice.
'Sto giro passo.

Thomas Magnum ha detto...

Boh. Miller avrà pure magnato con Eisner ma evidentemente non ci ha parlato.
O meglio, forse parlava solo lui e il vecchio Will, tra sé e sé, pensava cose come "so ragazzi..."

Il problema non è come realizzi un film o quanto sei bravo o meno a dirigerlo. Il problema è che non è roba tua e nemmeno di uno qualsiasi.

Ceno coi pochi amici che mi sono fatto/
e tutti intingono il loro pane nel mio piatto/
Ma porco Giuda, avete i vostri, un minimo di rispetto!/
"Sei tu Will Eisner?"
Tu l'hai detto!

Fabio... ha detto...

No.
Il film non è di Eisner.
Suo è il fumetto.

Posso lamentarmi di Cooke.
Non di un film tratto da.

Cioè, posso lamentarmi perchè (come ho detto su) non è come lo vorrei.
Ma inutile dire "Eisner si rivolta nella tomba".
Magari Eisner lo voleva così.
Magari Eisner non lo voleva così ma gli piacerebbe lo stesso un casino.


Qui il punto è che non piace a voi.
Eisner non c'entra.
(e continuo a dire che vi ha gia fregati col primo teaser)

Thomas Magnum ha detto...

Boh, secondo me c'è un limite a quanto tu possa snaturare qualcosa, pur leggittimato dal fatto che con un tuo film tu stia dando una tua intepretazione.
Fosse solo quello, secondo me sarebbe digeribile.
Il guaio - a mio avviso - è che qui si stia speculando sulla cosa con poca eleganza e per "poca eleganza" intendo la scelta di permeare tutto di un'estetica palesemente "cool" senza farsi troppe domande, semoplicemente perchè si è capito che, commercialmente parlando, funziona.

cristiano ha detto...

a me sembra che questa gente (miller, snyder, rodriguez...)stia lavorando ad un nuovo linguaggio, ed in fase pioneristica il contenuto è abbastanza normale che capitomboli, ogni cosa ha i suoi tempi.
per quel che mi riguarda apprezzo l' urgenza della ricerca.
in più credo sia pure giusto che miller inizi a capitalizzare su una generazione di cinematografari cresciuti con le sue storie.

CREPASCOLO ha detto...

i personaggi sono veicoli su cui salgono gli autori ( nel senso più ampio del termine ) per andare dove devono andare, come direbbe totò - anche il demon di ennis e mccrea non è quello di kirby - i challs di loeb e sale non sono quelli di kirby - il daredevil di miller non è quello di lee/everett.
le eventuali revisioni non intaccano la prima versione, nemmeno quando ne sono una parodia o una distorsione. l'inno nazionale americano suonato da hendrix non ha cencellato quello ufficiale

Fabio... ha detto...

Thomas.
Poca eleganza se ti leghi indissolubilmente alle pagine di Spirit.

Speculando su cosa?
Spirit non è spiderman, i fans "duri&puri" stanno gia inorridendo,
i non fumettofili, che si chiami spirit o dick tracy, essendo estranei al fumetto non capiranno la differenza.

Tu (e chi critica) parte dal presupposto che un film debba essere il fumetto animato.

A parte che il trailer non è il film (qui comincio a ripetermi), il film è di Miller che da la sua versione (che nessuno ha ancora visto sottolineo) di Spirit.

E ripeto, nessuno di noi sa che film avrebbe voluto Eisner.
Non per forza un film in tecnicolor con la giacca cobalto.

Miller non sta tradendo Eisner.
Sta prendendo per il culo i suoi fans.

KoTa ha detto...

Si ma qui sta semplicemente "sincityzzando" Spirit, ed è questo che non mi va giù.
Vuoi provare a fare un nuovo tipo di cinema e di rappresentazione? Benissimo, ma fallo con qualcos'altro, e non con un prodotto che ha già una sua vita propria ed una sua anima.

Se avesse diretto lui Il Signore degli Anelli, realizzandolo con colori saturi, bianco e nero e via discorrendo, penso ci saremmo incazzati un po' tutti.
E non si poteva dire "Eh, ma non sapete se Tolkien l'avrebbe voluto così o no".
Ha denaturato l'atmosfera originale.

Thomas Magnum ha detto...

@ Fabio

aspettaspettaspetta:
Non sono un "duro&puro".
Poca eleganza NON perchè il film non non sia l'esatta trasposizione delle pagine di Eisner (a che serve?) e mi sta bene che l'autore (sia esso Miller o chiunque altro) proponga la sua visione. Poca eleganza perchè credo che quell'estetica fin troppo collaudata (per non dire abusata) stia li per ragioni esclusivamente commerciali che ben poco hanno a che vedere con un intepretazione personale dell'opera di un altro.
Voglio dire, in questo periodo Miller realizzerebbe in quel modo anche un remake di A spasso con Daisy se ne avesse l'opportunità.

Sempre opinioni, s'intende.

CREPASCOLO ha detto...

un personaggio seriale appartiene - naturalmente al di fuori dell'ambito legale - al creatore o al pubblico ? aveva ragione l'infermiera kinghiana quando protestava per la morte di misery?
è possibile concepire uno spiderman tanto differente dal nerd in calzamaglia con superproblemi e zia millenaria ?
dick tracy e spirit - successi di massa nella golden age, di nicchia oggi - possono essere riletti in modi che a gould ed eisner non sarebbe interessato esplorare?
è possibile postare solo domande?

Fabio... ha detto...

Poster teaser:
Che schifo Spirit disegnato alla sincity

Trailer teaser:
Lo sapevo, lo fa in bianco e nero quello stronzo.

Secondo teaser:
A vabbeh non è in bianco e nero però è culo lo stesso...


Miller si sta facendo delle grasse risate...

Thomas Magnum ha detto...

Heh, io risponderei SI a tutte le domande, sul serio.
Bisogna saperlo fare senza sembrare sciacalli, però. Purtroppo non ho avuto la gioia di conoscere Eisner di persona ma per quel che ne so mi dispiace che sia coinvolto nel mantra "squadra che vince non si cambia".

CREPASCOLO ha detto...

forse il problema è di noi fans -
il true believer di geppo il diavolo ne conosce ogni singola vignetta, ne ama ogni singola avventura, ma resta di sasso quando i fratelli coen lo inseriscono in una rilettura pulp, non accetta la versione trash dei manetti bros o il film poetico dei fratelli taviani.
eppure geppo è sempre lì, in b/n o quattro colori, per nulla intaccato da legioni di fratelli cinefili che, la prossima volta, se la prenderanno con spirit. cattivi.

Thomas Magnum ha detto...

Un adattamento ha la natura di un omaggio (no?)
Se non omaggi nulla a parte il nome fai prima ad inventare qualcosa da zero (no?)
Non è questione di vedere o tutto bianco o tutto nero. E' che qui è tutto bianco, nero e rosso.
Basta! (no?)

benzedrina ha detto...

l'hellboy a fumetti non è l'ellboy cinematografico, l'ultimo batman non è il batman a fumetti come gotham non è gotham nell'ultimo batman. e fortunatamente, perchè ogni vota che si cerca di fare la copia sputata di questo o quel fumetto esce fuori la solita cagata.


ben vengano i film fatti da registi che interpretano e non riproducono o copiano.

è triste riprodurre. preferisco vedere la versione di che, anzichè la copia di. od almeno una leggera interpretazione.

se il fumetto è sinergia tra disegno e scrittura, non vedo perchè il cinema tratto da un fumetto non possa essere una sinergia tra fumetto, cinema e scittura.

Fabio... ha detto...

Thomas...
non so, io il film non l'ho visto ancora.

Thomas Magnum ha detto...

se il fumetto è sinergia tra disegno e scrittura, non vedo perchè il cinema tratto da un fumetto non possa essere una sinergia tra fumetto, cinema e scittura.

Ben venga!
Sempre che la sinergia in questione non sia tra fumetto, cinema e un marchio che rende tutto uguale a se stesso.

@Fabio:
Gia, neanch'io ma mi sembra un pò difficile giunti a questo punto ipotizzare una pellicola con una fotografia diversa da quanto visto in tutto il materiale promozionale che gira. Poi, se succede e Millier ci "stupisce con gli effetti speciali" (diversi da quelli a cui ci ha abituato la sua cricca), chissà. Chi vivrà vedrà, tattarattà.

spino ha detto...

Sottoscrivo quanto scritto e ripetuto da fabio...

dario dp ha detto...

Vi state tutti (tranne Rrobe) concentrando su un falso problema.
Chissenefrega di Eisner e della fedeltà al fumetto!

Il problema qui è che Miller non sa girare.
Quella roba che si vede nel trailer è statica, morta. Non è cinema e non è fumetto: è una cazzata presuntuosa.

In 300 invece Snyder ha usato il montaggio e il bullet-time per dare lo stesso ritmo delle tavole di Miller, ma ha usato la grammatica del cinema.
Miller (a giudicare da quel che si vede in quel trailer) non sa cosa cosa sia e si ritrova ad usare la MdP per inquadrare Splash Pages...

qui siamo un pelo sotto al presepe vivente...

Poi magari il film e un'altra cosa...

RRobe ha detto...

Esatto Dario.

CREPASCOLO ha detto...

speriamo che nei contenuti speciali del dvd sia visibile il corto del film girato con le dinamiche del presepe vivente, magari da kitano.
forse tra i compilatori degli ultimi 50 post, non ci saranno dei bullseyes, ma se il bersaglio è decidere se miller è un regista in base ad un trailer, occorre entri nella tenzone colin farrell con la crapa lustra ed il tatuaggio in faccia.
è lecito/utile/necessario , invece, discutere se sia lecito/utile/necessario rileggere un concetto in modo da allontanarsi dal modello iniziale

KoTa ha detto...

Ma infatti il trailer mi fa cagare a prescindere da quello che è il soggetto.
Non mi trasmette proprio niente..

Fabio... ha detto...

Quella roba che si vede nel trailer[...]
è il trailer

Non è cinema e non è fumetto: è una cazzata presuntuosa.
E' Miller mai ha nascosto la sua "presuntuosità"...

Sarà che ho letto il libro Miller/Eisner, Miller lo ha detto chiaramente, VUOLE che la gente alle sue cose dica: "ma che cazzo sta combinando?"
E ne gode...

CREPASCOLO ha detto...

qualcosa ci dice, in realtà:
un babes oriented spirit.

dario dp ha detto...

io ho scritto un sonetto

VOGLIO che sia meglio di quelle di Shakespare.

Ma lo VOGLIO proprio.

CREPASCOLO ha detto...

shakespeare è un ottimo esempio -
ha preso un'antica leggenda - mi pare fosse lo ur-hamlet - su di un principe che si era finto pazzo per scoprire l'assassino del padre.
il suo amleto è ancora in giro e le versioni della sua storia sono tante quante i costumi della wasp dei vendicatori.
nell'ottocento girava anche un opuscolo su una leggendaria mocha dick - il concetto del bianco come infinito ha portato alle pagine del gordon pym di poe, la balena al moby dick di melville.
se lo avessi letto io, avremmo avuto un racconto sulle peripezie di qualcuno che che cerca di aprire una caffetteria al polo nord, ma non sono poe o melville.
ho letto da qualche parte di un banbino di sei anni che vede un film sulle termopili e, da grande, ne fa un fumetto ed un film

RRobe ha detto...

Il film l ha fatto, fino a prova contraria, Snyder.

Thomas Magnum ha detto...

Le due cose viaggiano in parallelo.
Per fare il regista non basta qualche gnocca e il blue screen.

CREPASCOLO ha detto...

chiedo scusa - il film di 300 è stato diretto da terzi -
non cambia la sostanza - amnmesso ce ne sia - del mio post: le idee sono appese intorno, alcuni saltano e le acchiappano, altri le sbucciano, le friggono e le rifriggono.
il miller ragazzo detestava tanto il batman camp che combatteva, di giorno, contro il pinguino che fa cra cra da presentarci il dark knight.
peccato che dario argento non segua i puffi.

Marco ha detto...

>E poi, Miller con Eisner c'ha >parlato, c'ha mangiato.
>L'ha conosciuto e sa cosa voleva, >cosa piaceva ad Eisner.

E questo stupisce ancora di più.
Perché, almeno leggendo conversazione sul fumetto, si capisce benissimo quale opinione negativa Eisner nutrisse nei confronti delle trasposizioni cinematografiche.

In ogni caso...
Io al film una chance la do.
Miller ha comunque il diritto di raccontare il mondo di Eisner seguendo la sua sensibilità.
Come chiunque.
Al pubblico poi resta il diritto di giudicare questa rivisitazione gradevole o no.
Ai tempi di Daredevil però la sensibilità di Miller era più narrativa che grafica.
Basti pensare al modo in cui la commedia fusa al noir di Spirit si sposava perfettamente ai ritmi delle avventure di MAtt Murdock, con tantissime, gradevoli, citazioni.
Insomma, negli anni ottanta leggendo Daredevil avresti detto che Miller conosceva alla perfezione i tempi narrativi di Eisner.
Adesso, dopo Sin City ( che pure mi piacque ), sembra invece che Miller abbia semplificato, reso estetico e ingombrante, il suo stile.

MA! ha detto...

Scusate, ma chi di voi si preoccupa (lecitamente) della tecnica cinematografica di Miller: pensate veramente che una major fornisca tutti quei soldi a uno che non ha mai diretto nulla? Il buon Frank non sarà di più che un direttore artistico! Per dolly, steady e ottiche varie ci saranno un cazzutissimo aiuto regista e un altrettanto cazzuto regista della seconda unità. Mi pare logico, non è che basta fare la spalla di Rodriguez per diventare il nuovo Raimi (tanto per citarne uno che come tecnica non è secondo a nessuno).

Thomas Magnum ha detto...

E questo stupisce ancora di più.
Perché, almeno leggendo conversazione sul fumetto, si capisce benissimo quale opinione negativa Eisner nutrisse nei confronti delle trasposizioni cinematografiche.


Esatto. E da qui alle malignità tipo "ok, aspetto che il vecchio tiri le cuoia" il passo è breve.

Ai tempi di Daredevil però la sensibilità di Miller era più narrativa che grafica.

Precisamente. E questo a mio avviso è un altro elemento a favore della tesi "quella non è la mia sensibilità, quello è un marchio che vende bene" e stop.

Raven ha detto...

Mah... vabbè il relativismo, vabbè la visione artistica del regista, vabbè che "il film non è il fumetto"... va bene tutto, ma se un (qualsiasi) fumetto - o romanzo - viene trasposto da un regista incapace di fare il regista, è anche normale che il pubblico pagante si senta preso per il culo.
E se conosce il materiale di origine, il discorso vale doppio.

A un certo punto si possono e si devono fare dei distinguo, anche perché altrimenti si finisce per mettere sullo stesso piano il film di "From Hell", "V per Vendetta" e quello della "Leg(gend)a dei Gentlemen Straordinari"...

Fabio... ha detto...

E il lm neanche è uscito asd

Frank sei un mito...

Fabio... ha detto...

*film

Andrea ha detto...

Giudichiamo 'sto benedetto film a giochi fatti e basta. Le chiacchiere,ora,stanno a zero.
Sarà quel che sarà...

Evilex ha detto...

Anche io ci ho messo un pò a capire che non era la pubblicità di un qualche prodotto cosmetico!

Avion ha detto...

macchissenefrega, è uscito Postal in Italia e voglio andare a vederlo. Deve essere una zozzeria spassosissima.