8.9.08

Aggiornamenti.


Che si fa prima via blog che per cellulare.
Il fronte salute è in stallo. Non è ben chiaro che sta succedendo ma la febbre è scesa da un minaccioso 39-40 a un rassicurante 37 fisso. Gli antibiotici fanno il loro sporco lavoro e io sono uno straccetto in attesa di capire se è tempo di andare (e dare il via alla solita procedura ospedaliera) o di restare (e procedere con la mia vita). Quello che pare certo è che non andrò a Milano a vedermi i Twisted Sisters e la cosa mi rode. Sono sicuro che c'è una lezione da poter apprendere dietro tutto questo ma, per ora, non la riesco a vedere.
Lavorativamente parlando, mi sono rimesso alla tastiera (notizia confortante per i disegnatori che aspettano tavole) e al blocco da disegno (notizia sconfortante per il mondo dell'arte).
Ah, sì... Melissa ha postato il suo resoconto sulla storia del mobiletto. Lo trovate QUI.

Per il resto... sto leggendo della roba sulla vita di Jack London (non chiedetemi perché, non lo so nemmeno io). Ma quanto è bella questa frase?
"The proper function of man is to live, not to exist. I shall not waste my days in trying to prolong them. I shall use my time.”