22.9.08

Certe volte sono davvero un nerd...

Per ragioni troppo lunghe e pietose da stare a spiegare, mi sono ritrovato sprovvisto di un computer desktop.
IO! PROPRIO IO!!
Quello che, in un certo momento della sua vita, aveva tre desktop (un MacMini, un Imac e un PC Ninja per i giochi) e un portatile... e non gli sembrava una cosa strana!
Ebbene sì.
Fai il generoso una volta, fai lo splendido un'altra volta... e ti ritrovi con a casa due portatili (il MacMabbok Air e l'Asus EEE 701), qualche console, e  nessun computer da scrivania.
La vita è una puttana, sappiatelo...

Comunque sia, negli ultimi tempi sono andato avanti collegando l'Air al Cinema Display della Apple che avevo preso per il Mini e utilizzando l'EEE come computer da asporto, ma sapevo che non poteva essere una soluzione definitiva.
E infatti, ieri non ce l'ho fatta più e ho deciso che così non si poteva andare avanti.
Che va bene che in Africa ci sono i bambini che hanno ancora lo ZX Spectrum ma... che cazzo! E' forse colpa mia se sono nato nel 20% del mondo che l'ha messa in culo a tutti gli altri?
Sedata la mia coscienza e visto che sono un Apple Zombie, non ci ho pensato sopra un attimo e ho aperto lo Store della mela con l'idea era di comprarmi un nuovo Mac Mini. La mia idea era quella di non spendere troppo e mettermi in condizione di sfruttare il bel monitor che mi avanzava per casa.
Nella mia memoria, il Mac Mini era una macchina solida, infaticabile, piccola, silenziosa e sicuramente adeguata alle mie esigenze visto che, fino a poco tempo fa, usavo con soddisfazione la sua prima incarnazione(un G4) e  ora doveva per forza essere stata potenziata.

E invece... sorpresa!
In primo luogo il potenziamento non è stato poi così evidente (processore core 2 duo, un hard disk più grande... ma la stessa scheda grafica integrata di merda e la stessa memoria ram), in secondo luogo, il prezzo non è più economico manco per il cazzo: 499 euro nella versione da 1,83 GHZ, con 80 giga di HD, 1 giga di ram e SENZA IL MASTERIZZATORE DVD E SENZA MOUSE E TASTIERA!!!
No, non ci siamo proprio.
Scartata l'idea del Mac Mini,  inizio a entrare nell'ottica  di prendermi un Imac.
Il modello base però, costa 999 euronzoli e io non voglio minimamente spendere una cifra simile (non ci crederete ma sto risparmiando)... e poi, mi avanzerebbe un monitor (che, per la cronaca, è meglio di quello proposto dalla soluzione all in one della Apple).

Mumblemuble... cogito.
E mentre cogito mi casca l'occhio sull'Asus EEE buttato sul letto di camera mia.
Ma non dovevano fare una versione dekstop dello stesso giocattolo?
Essì che la dovevano fare... e infatti l'hanno pure fatta e si chiama EEE Box.

Leggiamo le specifiche:
Sistema Operativo: Microsoft Windows XP Home
Cominciamo malissimo...

Processore: Intel Atom 1,6 gh, overclockabile a 1,75.
Mica malvagio... 

Scheda grafica Intel GMA950
La stessa merda del MacMini (e del Mac Book e dell'Air, se è per questo...)

Memoria: 1GB
Disco: HHD 80GB
Connettività: WiFi 802.11b/g/n

Come il Mini...

Card reader: Lettore integrato 5 in 1
Il Mini questo non ce l'ha.

Porte: 4 USB 2.0, uscita DVI-I
Il Mini ne ha solo due (però ha il firewire e il bluetooth).

Dimensioni: 223x178x16 mm (senza supporto)
Poco più largo del Mini, stessa profondità, molto più fino.

Nessun lettore ottico
Vabbè... con l'Air ormai mi ci sono abituato.

Tastiera, mouse, supporto, staffa per appenderlo dietro al monitor, antenna per aumentare la ricezione Wi-Fi, commutatore DVI-VGA, compresi nella confezione
In pratica, l'unica cosa venduta a parte è l'EEE "Stick", una specie di motion controller molto simile al sistema utilizzato dal Wii.

In più, qesto scatolotto non sarà di sicuro una scheggia nel multutasking come il Mac Mini (dotato di core 2 duo), ma in compenso ha una stronzatina utilissima che permette di avviare solo alcune parti del sistema operativo (il browser internet e mail, un visualizzatore di foto, Skype e qualche altra cazzatiola) in meno di sette secondi dalla pressione del tasto di avvio. Mica male, no?

Ah... e quanto costa questo cosino?
249 euro... contro i 499 voluti dal Mac Mini.
Apperò!

Certo, il nuovo prodotto della famiglia EEE non ha Mac OsX (ma sono sicuro che qualcuno troverà il modo di istallarcelo a brevissimo) ma, siamo sinceri... per quanto buono, un sistema operativo non può fare una differenza di 250 euro!
L'impressione è che qualcuno, in quel di Cupertino, stia davvero tirando troppo la corda e che se continuà così, l'Asus farà di nuovo il colpaccio (dopo la bastonata dell'EEE 701 ai danni dell'Air).

Morale della favola, è da ieri che ho di nuovo un sistema Windows in casa.
Storco il naso ma, in fondo in fondo, mi ci sto divertendo a sistemarlo per bene.
E finalmente ho potuto provare Chrome (miglior browser di sempre, per me).
Ah, per la cronaca, WoW non ci gira malaccio (l'ho messo giusto per provare, sia chiaro... non ci ricasco... no, no... non ci ricasco!).
In sostanza, il nuovo giocattolo è una figata e m'ha dato pure qualche spunto di riflessione sui fumetti e sul mercato (strano come io riconduca tutto ai mio cortiletto, eh?).
Appena ho tempo, posto la recensione e le profonde elucubrazioni.