26.11.08

Una botta d'intrattenimento...

Quando mi capita di stare male recupero sempre un sacco di tempo perso a fare cose inutili (tipo lavorare) e mi vedo, leggo, sento, gioco, un sacco di roba...

Romanzo Criminale: la serie
Per dirlo alla romana, se magna e se ricaga il film di Placido (che pure orrendo non era).
Questa serie è la perfetta trasposizione del romanzo capolavoro di De Cataldo, è la miglior serie italiana mai prodotta, ed è pure meglio di molte serie televisive americane.
Imperdibile.
Questa sera la quarta puntata su Sky. Domani...

L'Età del Bronzo: volume 3
Ho fatto il diavolo a quattro, qualche anno fa, per far premiare con il Gran Guinigi i primi due volumi di questo fumetto. E ci sono pure riuscito.
Poi, per un tempo davvero troppo lungo, la Free Books non ha dato alle stampe il terzo.
Adesso lo ha fatto.
Il disegno un pelo rigido e la mole di testo nei baloon sono poco invitanti, lo ammetto... ma cazzo, superato lo scoglio iniziale ne vale assolutamente la pena.
Spero solo che adesso la Free pubblichi i 4 volumi rimanenti o passi la mano a qualche altro editore volenteroso.

All Star Superman TP1
Poche parole: il miglior fumetto di supereroi dell'anno. Fresco, divertente, intelligente, arguto ma mai fasullo.
Disegnato da dio e colorato meglio.
Un fumetto seriale che ti rimette in pace con il media.
Non ho idea se la Planeta lo abbia già pubblicato in italiano (e poco mi interessa, a dire il vero): la lettura in inglese non è per nulla ostica e l'edizione USA è molto ben curata.

Fantastic Four di Millar & Hitch
Ho letto il primo ciclo (4 numeri) e l'inizio del secondo.
Carino. Disegni favolosi (ma davvero sacrificati dal formato) e una storia a mezza via tra l'immensa cazzata e il colpo di genio. Il tutto raccontato in maniera piuttosto affrettata. In poche parole: il solito Millar degli ultimi tempi.

Al Crepuscolo
Non la migliore delle antologie di King. Ma nemmeno la peggiore, anzi.
Il livello medio dei racconti è generalmente piuttosto alto, senza nessuna caduta rovinosa.
M'è mancato il racconto geniale in grado di far brillare il tutto, ma è un King decisamente in forma e ispirato.


Left 4 Dead
Ha una grafica risibile ed è arrivato sugli scaffali con poco hype, messo in ombra da titoli ultrapompati come "Gears of War 2", "Fallout 3" e "Fable 2".
Però è un gioco della Valve.
E la Valve, a che io ricordi, non ha mai sbagliato un cazzo, specie quando si parla di multiplayer.
Ci gioco da questo pomeriggio ed è la cosa più spassosa che si possa fare con un joypad, in assenza di una ragazza.
Credo che rimarrà nella mia 360 per un mucchio di tempo.