30.1.09

ah, però!

Di solito non mi bullo di qualche recensione o citazione su quotidiani o magazine generalisti a tiratura nazionale, non più di quanto faccia normalmente con recensioni o citazioni di siti di fumetto, riviste specializzate, prozine o fanzine, perlomeno.
Nel caso specifico però, lo ammetto, mi ha fatto un certo piacere vedere una frase del mio primo Dylan Dog, citata dal filoso Giulio Giorello nel contesto di un discorso piuttosto interessante, sulle pagine del "Corriere della Sera Magazine".
Mi ha fatto piacere perché mi ha sorpreso che Giorello leggesse Dylan (e pure con serietà, a quanto pare) e perché di tutto l'albo, quella è la battuta che preferisco.