21.1.09

[RECE] L'Ispettore Coliandro

Brutto.
La serie televisiva di "Romanzo Criminale" mi aveva illuso che anche in Italia si potessero fare produzioni di grande livello e forse, le mie aspettative sulla seconda stagione di "Coliandro" erano un pelo troppo alte... però, sinceramente, non mi aspettavo un prodotto di così bassa qualità.
I Manetti Bros continuano a essere degli incapaci volenterosi e di buon cuore (esattamente allo stesso livello di 11 anni fa, quando esordirono con "Torino Boys"). Scimmiottano (male) gli stilemi del cinema moderno americano e di quello (un pelo meno moderno) honkonghese, ma poi ti sbagliano i campi e controcampi, non hanno alcuna grammatica del racconto e non sanno comporre un'inquadratura decente neanche se ne andasse della loro stessa vita. Oltretutto, continuano a strizzare l'occhio al cinema di genere italiano, non riuscendo a capire che alla base di quel cinema c'era un mestiere che loro non hanno mai acquisito.
Però, in tutto questo squallore, qualcosa di buono c'è: il personaggio rimane favoloso e il suo interprete bravo, il che fa perdonare (almeno un poco) la brutta regia, il soggetto discutibile e lo script moscio.
Speriamo che i prossimi episodi siano migliori... oppure che Lucareli torni a scrivere un nuovo romanzo con Coliandro come protagonista.