3.3.09

Evviva.


E finalmente, dopo tanto cincischiare, torna il disegno.
AUSONIA è davvero in spolvero in questi giorni.

'Affanculo i segni anemici e intimisti, 'affanculo le foto e le sperimentazioni.
Questa roba di Francesco è il trionfo del disegno e (in seconda istanza, del segno), su tante, troppe, seghe mentali e fighetterie d'artista.
Questi disegni sono il dominio di una mano forte su di una mente debole, l'indiscutibile vittoria del buon selvaggio sull'arido intellettuale.

p.s.
sì, ok... forse fanno un pelo troppo Liberatore e Bisley, ma chissenefrega. Avercene di più di roba così.

23 commenti:

Fabrizio ha detto...

Un sacco di Metallo che Urla... ^__^

Bapho aka Davide Costa ha detto...

io ci vedo anche un po' di Veitch :look:

Garamond ha detto...

Io ci vedo GLI ZOMBIE!!!

- AGC

ausonia ha detto...

"Bisogna essere preparati all'idea che quando si accetta di parlare con una persona - quando si fa un discorso con qualcuno, perché all'improvviso si ha paura di morire soffocati - sempre quella persona fa di tutto per denigrarci. Il che può avvenire nel modo più raffinato e sofisticato, ma anche nel modo più volgare.
Sempre, quando gli uomini parlano fra loro, si denigrano a vicenda.
L'arte del discorso è un'arte della diffamazione e l'arte del soliloquio è l'arte della diffamazione più atroce."

Thomas Bernhardt

:asd:

tornando seri... ma in questo paese aspirare a cose più complesse, emanciparsi, è considerato un reato? gli intellettuali (ammesso e non concesso che io lo sia o mi ponga come tale solo perché rifiuto le scelte troppo convenzionali) sono nostri nemici? conciliare i contenuti con un disegno ben fatto è un ossimoro inaccettabile? e se la sfida invece fosse davvero questa (per me), in un italia fatta di vite "disegnate male" e intrattenimento "disegnato bene"? io a questa possibilità ci penso da sempre: pinocchio e p-hpc erano ben disegnati, mi pare. e erano storie che avevano la pretesa di non intrattenere solamente.
per concludere, sono più che consapevole di essere un'anomalia strana... nel contesto fumettistico italiano attuale (dove esistono due scuole di pensiero distinte e "antagoniste") ma non è che se posto due disegnini curati automaticamente ci si debba sorprendere più di tanto. fa parte del mio percorso disegnare in modo non sciatto. poi, queste sono illustrazioni e non vignette ed è normale che siano più curate. tutto qui.

RRobe ha detto...

Qualche tempo fa avevo fatto un discorso su una certa anemia che colpisce lo stile dei fumettari che sentono di dover "raccontare" qualcosa.
Come se una narrazione forte imponesse un disegno debole per risaltare meglio o, al massimo, un disegno che si facesse quanto più possibile segno.

E' per questo che ho trovato queste tue nuove illustrazioni tanto buone: perché sono, da parte tua, di un prepotente ritorno del disegno rispetto alle tue ultime cose.
Poi, è ovvio, si tratta di vignette e io non so se tu voglia arrivare a coniugare un tipo di approccio così ricco anche a una narrazione articolata.
A me piacerebbe molto.

E no, non ti stavo insultando.
Punzecchiando magari sì, ma insultando, no.
Voglio dire... hai fatto di peggio con me qualche tempo fa :asd:

RRobe ha detto...

p.s.
ci avrei giurata che la Canepa veniva a bacchettarti :asd:

Fabrizio ha detto...

Suggerisco un percorso catartico per entrambi.

Una storia a fumetti scritta da AUS per i disegni del Rrobe.
Autoprodotta e in Tiratura Limitata alle sole edicole italiane.
Senza fighe. Ma soprattutto SENZA ZOMBIE.

Nemmeno uno, non ci provate...


:asd:

Fab

ausonia ha detto...

allora ora vi intrattengo un po' e in più vi strappo pure una risata.
perché quando mi sento dare dell'intellettuale sorrido sempre un po'. sarà che per me gli intellettuali erano persone con un background molto diverso dal mio. e il mio... è molto simile al vostro. facendola breve: non vengo da marte, quando avevo sedici anni facevo le stesse cose che facevate voi...
ora, magari qualcuno ha in casa questo albo/catalogo del "dylan dog horror fest 2" edito dalla glamour international:

http://img48.imageshack.us/img48/7034/dd2yv0.jpg

se lo sfogliate, a pagina 39, c'è la foto di un sedicenne fiorentino che era arrivato a milano solo per stringere la mano a clive barker e a jeffrey combs. solo per quello. e per farlo si era portato da casa pure i trucchi che usava in teatro (dove lavorava già come truccatore) e dei vestiti consumati e sporchi di sangue.
per non farsi mancare niente quel ragazzino si era costruito anche un bambino zombie da portarsi a presso. così.
eccolo qui:

http://www.ausonia-pinocchio.com/public/blog/auzombie.jpg

ecco. lo sapete chi era quel dark sedicenne che leggeva henry miller e amava i registi russi e passava tutti i pomeriggi a guardare film horror?

sì, avete indovinato. era proprio il piccolo ausonia.

RRobe ha detto...

Ma infatti io non t'ho dato dell'intellettuale e basta!

p.s.
le foto sono un taglio!

p.p.s.
continuo a dire che, per amore di quel ragazzino, una storia sul Color Fest dovresti pensare di proporla.

ausonia ha detto...

eh... quel ragazzino, lo vedi, è morto.

=)

RRobe ha detto...

Intellettuale.

Greg ha detto...

Secondo me quel ragazzino è lo stesso che ha disegnato gli zombi e l'informità cthuloide.

Probabilmente non è morto ma spesso dorme, e si chiama SACRO FURORE ARTISTICO.

Garamond ha detto...

A proposito, ma voi lo sapete perché hanno smesso di fare il Dylan Dog Horror Fest? A me sembrava che ci fosse sempre un pienone di gente. E oggi credo che ce ne sarebbe anche di più.

– AGC

X AUSONIA: complimenti x il trucco.

perissi ha detto...

Belle, molto Liberatore, Bisley, ma anche Glen Fabry. Però vecchiotte, old style... preferisco l'Ausonia "fighetto", anche se ce ne siamo dette 4. Lì mi sembrava più personale, più autore, con qualcosa da dire e non da dimostrare... e per nulla "anemico"!
Comunque(lo stesso)tanto di cappello.

ausonia ha detto...

perissi: allora facciamo una "anatomia comparata" alla recchioni.
se ci vedete liberatore (non sei il solo a dirlo) mi fa un piacere immenso e infinito, visto che lo considero il più grande disegnatore vivente. però tanino non ha mai fatto segreto di ispirarsi a michelangelo per i volumi e per le anatomie (lo ha omaggiato spessissimo anche nei suoi lavori). e io, da fiorentino, ho subito l'influenza dei pittori rinascimentali sin da bambino, ancor prima di sapere cosa fossero i fumetti. per induzione spontanea. geografica, si potrebbe dire.
per quanto riguarda bisley: mi è sempre piaciuto un sacco, però va detto che il mio disegno di base non ha nessuna vicinanza alle sue stilizzazioni ipertrofiche e grottesco/caricaturali. bisley ha un segno spigoloso e io morbido e rotondeggiante (ad esempio) e quindi sì: glenn fabry lo sento sicuramente più vicino alle mie corde, anche se è un artista di derivazione innegabilmente bisleiana. insomma, da chi si è stati influenzati e perché e come... è sempre un percorso tortuoso. in certe mie cose ci vedo perfino la fissità del mantegna, figurati.
sul fatto del "dover dimostrare qualcosa"... boh. disegnare illustrazioni è soprattutto un piacere, e questi che vedi (come avevo detto qualche giorno fa sul mio blog) sono quasi degli esercizi. della serie: vediamo fino a che punto posso arrivare.
personalmente... anch'io mi preferisco meno tecnicistico.

Simone Longarini ha detto...

Vero, vero, vero...lo amo (in senso figuarato) quando diegna così!!!!
Vai Ausonia faccio il tifo per te!!!!

Artan ha detto...

Adoro i disegni di Ausonia, e di professione faccio il cottimaro dell'immagine, percio' intelettuale non lo sono di certo, ma sono anche allenato a un certo tipo di espressione visiva meno... beh, meno per bocche buone, e devo dire che i lavori piu' "sperimentali" di Ausonia non hanno nulla di segaiolo, di sterile, di "intelettuale" tra virgolette... Sono immagini sbalorditive con un preciso senso ed un preciso perche'. Non sono strane "apposta", se mi capite, e sono anche, secondo me "meglio" dei suoi disegni visto che i disegni paiono, stranamente, meno personali (eppure il segno e' di solito il mezzo di espressione visiva piu' personale).

perissi ha detto...

xAusonia: mi hai frainteso, sulle influenze io non ci vedo nulla di male o di impersonale, sul "dimostrare qualcosa" intendevo solo che non ne hai bisogno e che si era già visto, come hai detto tu, anche su Pinocchio e P-hpc che sai disegnare bene(nessuno, credo, lo ha mai messo in dubbio. Casomai questa voleva essere più una critica all'entusiasmo di Rrobe, che non so se ci fa o se ci è ma si gasa sempre per 'ste cose un po' tamarre.

perissi ha detto...

p.s: ci sarai sabato a Bilbolbul?

ausonia ha detto...

sì. da venerdì a domenica.

Randall ha detto...

"Una storia a fumetti scritta da AUS per i disegni del Rrobe.
Autoprodotta e in Tiratura Limitata alle sole edicole italiane.
Senza fighe. Ma soprattutto SENZA ZOMBIE."


Quoto, non sarebbe male.
Magari una roba Talesofthecrypt-iana tipo quel racconto dei vermi nei cereali. :asd:

RRobe ha detto...

Per Perissi: ci è.
A me le cose tamarre piacciono.

perissi ha detto...

xAusonia: allora mi sa che ci si becca.

xRrobe: anche a me, anche a me... Però me lo vedrei sprecato Ausonia a fare cose che hanno già fatto tutti e che ancora fanno in molti.
Voglio dire, okay il genere, ma esiste anche altro, tipo: avere qualcosa da dire.