6.4.09

O era il mostro di Cloverfield...

...o ho appena sentito la più forte scossa di terremoto che mi sia mai capitata in vita mia.
Le agenzie di stampa non riportano ancora niente, qualcuno ne sa di più?

p.s.
che si fa in questi casi? Si scappa in strada? Si attende il destino ineluttabile? Si guarda la persona cara, la si stringe e gli di dice quanto la si ama?

20 commenti:

Luca Melchiorri ha detto...

anche io l'ho sentita e sinceramente sono in attesa di qualche notizia.
il mio gatto si è infilato sotto il letto, magari sara' la corretta' soluzione per la sopravvivenza?

Riccardo Torti ha detto...

fai un tiro salvezza su riflessi...


cmq si l'abbiamo sentita anche noi al piano terra ed era bella forte... in teoria se esci in strada va bene... ma non prendere l'ascensore

MC ha detto...

Come esperto e vecchio reduce del'97 se hai sentito la scossa e la racconti ti puoi considerare fortunato.
Io ho rialzato un paio di statuette afro e mi sono rimesso a letto. Questa volta e' toccato all'Abbruzzo.

MC ha detto...

La doppia B di Abruzzo non e' ignoranza, e' che armeggiare con la tastiera dell'iPod stando sdraiati non e' cosi' semplice.

Garamond ha detto...

Sicuramente solo la generazione Cloverfield posta un commento sul blog durante un terremoto x chiedere che è successo.

:) AGC

TSUNAMI ha detto...

Era sicuramente il mostro di Cloverfield U_U
Controlla se il tetto del palazzo è cosparso di bava.
Lo sapevo io che quei versi terrificanti non potevano essere prodotti dai gabbiani.
...Io non ho sentito niente...

Tommy La Trebbia ha detto...

Io mi sono fatto quello del '79, e quello del '97, e so cosa si prova, comunque Rrobe: Stai calmo e aspetta che passi. Non prendere l'ascensore. Mettiti sotto una porta, preferibilmente inserita in un muro portante. Non gettarti in strada come un matto. Immagina di disegnare una scena di panico di massa: ci sei? OK, non fare nulla di ciò che hai disegnato.
PS:Comunque se la terra trema c'è poco da fare durante, se sei volenteroso puoi fare qualcosa dopo.

Enzo ha detto...

Mi sa che sei stato più veloce dell'Ansa. Qui dal mio terzo piano in Viale Marconi ho oscillato nel letto con il palazzo che si muoveva come un fuscello al vento per più di dieci secondi.
Se al posto di Repubblica.it fossi venuto sul blog ne avrei saputo di più.
Comunque per un attimo ho temuto il crollo e mi sono accorto, come te, di non saper cosa fare. Non è una bella sensazione...

Fabio... ha detto...

Nel '97 a Reggio Emilia mia madre ha schivato per un pelo due tegole...
La strada di per se non è sicura...
(se poi la scossa è forte, è un classico che un automobilista sbanderà verso un autobus pieno di bambini che si rovescerà strisciando sul fianco verso di te...)

Simone Malacarne ha detto...

In casi come questi sicuramente la prima cosa da fare è mettersi a spammare sul tuo social network preferito, vedi http://www.7yearwinter.com/2009/04/in-collegamento-con-f5/

flaviano ha detto...

si prende un limone lo si stringe e gli si dice quanto lo si voglia bere
se non smettono cos' puoi provare col Diarrealt!

alluvioni
terremoti
la prossima?
cavallette?

flaviano ha detto...

minchia, e domani il tizio che lo aveva previsto con anticipo dovrà comunque andare in tribunale accusato di "procurato allarme"
assurdo!
anzi...normale.

Avion ha detto...

A me anni fa accadde una cosa quasi surreale.
Ci fu il terremoto in friuli mentre mi allenavo a UT2004 coi compagni di clan.
A un certo punto uno di noi, veneto, dice in Teamspeak: "Oh, cazzo, il terremoto!" Nemmeno il tempo di capire cosa stesse dicendo che mi inizia a tremare tutto (sedia, computer, lampadario...) e mi sono anche abbastanza cacato in mano, infatti per il resto della serata mi è tremata la mano finché ho smesso di giocare perché tanto non riuscivo a mirare...
Ah, la potenza delle notizie in tempo reale via internet. Sai del terremoto prima ancora che ti colpisca.

el mauro ha detto...

il nostro palazzo di vetri e shangai ha oscillato come un pendolo. Veramente cagato addosso (Cacato, non cagato). Ho ostentato prode sicurezza dicendo a sandrella di scendere in strada anche noi così, tanto per fruttare l'occasione per conoscere finalmente gli altri condomini. La festa in strada ha avuto picchi notevoli di cui mi piace citare la polacca del piano superiore che ha capito che c'era il terremoto perchè alle 3 passate stava guardando il grande fratello e ci raccontava, concitata, come quella casa si muoveva come se fosse di cartapesta e i partecipanti si sono precipitati all'aperto mentre la produzione li rassicurava che era tutto sotto controllo.
Invece sembra che a l'aquila, in 50.000 siano sfollati, pardon, in nomination.

Mauro Uzzeo

Andrea Cavaletto ha detto...

Ho visto le foto su internet e in Abruzzo è successa una catastrofe immane...
Non ho parole...

Drugantibus ha detto...

giusto perchè frequento spesso il blog, ti dirò in questi casi si guarda la città crollare. Non puoi fare altrimenti

rae ha detto...

"minchia, e domani il tizio che lo aveva previsto con anticipo dovrà comunque andare in tribunale accusato di "procurato allarme"
assurdo!
anzi...normale."

copio incollo da altrove, perchè sono una persona semplice e mi piace pensare che il modo migliore per combattere la disinformazione sia l informazione:

in generale i geologi studiano le emissioni di vari gas dal suolo per fare predizioni su terremoti, eruzioni, ecc., perche' e' abbastanza intuitivo che in linea di principio possa funzionare: se a grande profondita' cominciano a frantumarsi rocce, i gas in esse intrappolati tenderanno a salire.

non ne so molto, ma credo che in generale queste cose siano effettivamente utili (anche se poi magari in certi casi particolari l'un gas o l'altro non servano a un cazzo). questo cretino qua insomma non ha inventato niente.
ma intendiamoci su cosa vuol dire utile: come inutilmente cerco di spiegare a questo forum da anni (in particolare ricordatevi la tremenda discussione con golem di qualche mese fa), una correlazione non e' una predizione.
come giustamente dicono quelli dell'istituto di geofisica in questo caso (e come fa benissimo a ribadire Boschi, che nel suo campo e' davvero un esperto), non esiste alcun modo di fare predizioni deterministiche di terremoti (come invece crede questo cretino qua, e i cretini di giornalisti che ora gli danno ascolto).
se la tua rete di monitoraggio di gas (*) ti dice che la probabilita' che ci sia un grosso terremoto nei prossimi 50 giorni e' passata da 2*10^-9 a 5*10^-9, cosa fai, evacui una regione nel dubbio? in passato e' stato fatto (c'e' un esempio famoso in cina, qualche milione di persone fu spostato, poi il terremoto non ci fu, i costi sociali furono immensi), ma esistono vari criteri per gestire queste cose.
la triste realta' e' accettare che bisogna sempre fare un calcolo costi-benefici perche' e' necessario per un societa' agire solo quando il rischio e' sopra una certa soglia.
questo tizio ci ha azzeccato stavolta, ma il fatto che ci abbia azzeccato non lo riabilita a posteriori: la denuncia per procurato allarme, in un mondo logico, rimane valida.

(*) ne esistono parecchie in italia e presumo anche in quella regione, visto che e' regione sismica, e per quanto sia una vergogna che non siano finanziate maggiormente e' ridicolo pensare che questo tizio abbia potuto fare di meglio con i suoi apparecchi messi qui e la'.

rae ha detto...

un link correlato:
http://www.sciencedirect.com/science?_ob=ArticleURL&_udi=B6V72-4F662HB-2&_user=532148&_rdoc=1&_fmt=&_orig=search&_sort=d&view=c&_acct=C000026778&_version=1&_urlVersion=0&_userid=532148&md5=557cd68d0d30d9f02be2ace2fcd957ad

Avion ha detto...

L'appoggio fortemente a Rae.

Ma mi sorge il sospetto che sia colpa del RRobe, che stava pensando a una nuova storia di DM ambientata in abruzzo.

spino ha detto...

Sentito una mazza...ma noi abbiamo 2 oppiacei naturali a conciliarci il sonno :)