21.8.09

Come si fa a non parlarne?

Oggi è il giorno di Avatar.
Il giorno in cui il velo imposto da Cameron sulla sua ultima fatica, verrà finalmente strappato e il mondo potrà cominciare a farsi un'idea su cosa aspettarsi il 18 Dicembre, data in cui il film uscirà finalmente nei cinema, dopo 12 anni di lavorazione.
In una serie di sale selezionate in giro per il mondo, oggi verranno proiettati 23 minuti di film, rigorosamente in stereoscopia (o Real 3D, che dir si voglia) e il primo trailer del film è finalmente disponibile (lo trovate QUI). Anche la stampa generalista italiana pare finalmente essersi svegliata e non c'è telegiornale che oggi non abbia parlato del nuovo film "del regista di Titanic", ovviamente con la solita cialtroneria che da sempre contraddistingue gli italici giornalisti quando si parla di media di intrattenimento.
Nel frattempo, in giro per la rete, dilagano i commenti al trailer, cosa abbastanza ovvia visto l'hype che circonda il film, anche a causa delle dichiarazioni di Cameron stesso e di altre personalità di spicco dell'industria cinematografica.

Fino a oggi, quello che ci hanno detto è che:
- Avatar sarà la più importante rivoluzione per il cinema dai tempi del sonoro.
- Avatar cambierà per sempre il modo di fare e i film e di fruirli.
- Avatar salverà l'industria cinematografica.
- Avatar curerà il cancro e le doppie punte.

A fronte del trailer che è stato diffuso, io sono un poco scettico.
Chiariamoci, fino a questo punto della sua carriera, per me Cameron è incriticabile.
Mi è piaciuto tutto quelle che ha girato (compreso Piranha 2 e i documentari sottomarini) e lo ritengo uno dei registi cinematografici più influenti del ventesimo secolo.
Però parliamoci chiaro, questo trailer è deludente.
Sì, lo so: il film è concepito per essere visto in 3D (possibilmente in un cinema IMax) e un trailer in 2D, visto sullo schermo di un computer, non gli rende giustiza... ma non nascondiamoci dietro un dito, ok?
Il film (nonostante Cameron fosse di diverso avviso, fino a pochi mesi fa), uscirà anche nella tradizionale versione 2D e verrà distribuito tanto nelle sale IMax, quanto nelle squallide salette di provincia, quindi, dovrebbe reggere a prescindere... e invece, per quel poco che si è potuto vedere, le cose non stanno affatto così.

I tanto sbandierati effetti in CGI non sembrano così "speciali" come ci era stato promesso, l'aspetto visivo non pare così originale e, soprattutto, gli alieni Na'Vi (e di conseguenza l'Avatar che Sam Worthington andrà a impersonare) sembrano usciti direttamente da un filmato introduttivo di World of Warcraft (che, per carità, sono fantastici, ma nulla che rivoluzionerà la storia del cinema) e non sembrano convincenti come invece tutti dicevano.

La mia paura non è tanto che Cameron abbia fatto il passo più lungo della gamba (lo si diceva anche ai tempi di Titanic e guardate come è andata a finire), quanto che i 12 anni di lavorazione abbiano fatto invecchiare le idee visive del film e che quando la pellicola uscirà nella sale, sarà percepita come una roba già vista.

Ovviamente, spero di sbagliarmi e sono pronto a farmi un viaggetto a Londra per il 18 settembre, per vedere Avatar. Certo che se poi è brutto mi incazzerò come un'ape, eh?