28.8.09

[RECE] Parker: the Hunter



Tratto dal primo romanzo di Richard Stark (pseudonimo di Donald Westlake) dedicato al personaggio di Parker, adattato e illustrato da Darwyn Cooke.
Dalla stessa storia sono stati tratti due film (questo e questo) ma l'adattamento di Cooke è il primo che ha ricevuto il permesso di usare il nome di Parker (nel primo film si chiamava Walker, mentre nel secondo Porter).
Il libro è edito in america dalla IDW (qui trovate una preview) e dovrebbe uscire tra pochi mesi in Italia per i tipi della BD.

Era uno dei volumi che aspettavo con maggiore trepidazione quest'anno e, devo ammetterlo, sono rimasto un poco deluso.
Non perché sia un cattivo fumetto, tutt'altro. E' di parecchio superiore alla media di quello che si vede in giro e ha dei momenti davvero notevoli... ma è meno buono del resto della produzione di Darwyn Cooke (che invece è davvero straordinaria).
In particolare, mi hano colpito in negativo alcuni brutti passaggi narrativi (specie quelli muti), il fatto che Cooke si sia affidato troppo spesso a lunghissime parti di testo per raccontare la storia del romanzo e, strano a dirsi, qualche incertezza sul disegno (una delle quali proprio sulla copertina: ma quanto è grande il cadavere della donna rispetto a Parker?!).
In sostanza, mi aspettavo il lavoro della vita da parte di un autore che stimo enormemente e, invece, mi sono ritrovato per le mani un buon fumetto, ma nulla di memorabile.
Speriamo che nel prossimo volume Cooke metta da parte il rispetto reverenziale che pare avere nei confronti dell'opera di Stark e faccia sentire con più forza la sua voce di narratore a fumetti di razza.

3 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Anche l'Alligatore di Carlotto/Igort è straordinariamente didascalico all'inzio e ''diventa '' fumetto in seguito. Probabilmente Cooke aggiusterà il tiro. Avremmo preferito David Lapham, Paul Grist o Chuck Dixon ai testi e Goran Parlov ai disegni , ma attendiamo impazienti il volume della BD in ogni caso.
Una curiosita: qualche anno fa sono state tradotte in italiano le ultime tre imprese di Parker in una collana intitolata '' Diabolik presenta '' - Mario Gomboli introduce il personaggio, tracciando un parallelo tra la creatura di Parker ed il figlio delle Giussani: stesso anno di nascita, stesso grado di professonismo ed assenza di
auto-ironia.

benzedrina ha detto...

a parte che è gigante, sebra essere morta perchè tagliata in due...
che vita ha?

sraule ha detto...

gli ho dato un'occhiata mentre ero in inghilterra e ho avuto la tua stessa impressione.
ma rassereniamoci: quella è forse la storia più intricata di parker e non era facile da rendere. le seguenti sono più lineari: speriamo.