16.9.09

Non sono un imbroglione.

Dunque: in Italia c'è una legge, approvata l'estate scorsa, che prevede lo stop ai processi nel caso coinvolgano le quattro cariche più alte dello stato.
I media l'hanno definita lodo Alfano.
I detrattori la chiamano legge salva Berlusconi.
Quelli che la sostengono invece, dicono che è una legge giusta che serve a tutelare le figure cardine dello stato che, in caso di processi che le vedano coinvolte, finiscono per venire danneggiate a prescindere dalla loro colpevolezza o meno.
Un esempio storico in questo senso è stato il caso del presidente Leone, coinvolto nello scandalo Lockheed, prosciolto dalle accuse ma costretto alle dimissioni. Nello stesso scandalo era rimasto coinvolto anche Moro, anche lui prosciolto.

Adesso il lodo Alfano deve essere giudicato sulla base della sua costituzionalità.
E non è detto che passi.
E' per questo che l'avvocatura dello Stato, sotto mandato della Presidenza del Consiglio, ha depositato un documento per difendere la legge.
La linea di difesa è che, se il lodo Alfano venisse bocciato, si rischierebbero le dimissioni del Presidente del Consiglio in quanto questi è imputato in almeno tre procedimenti penali.
Che per la cronaca sono:

- un processo che coinvolge l'avvocato inglese Mills (già condannato per falsa testimonianza e corruzione in atti giudiziari a favore di Silvio Berlusconi).

- un processo sulle irregolarità nella compravendita dei diritti televisivi di Mediaset.

- un procedimento penale per istigazione alla corruzione di alcuni senatori eletti all'estero.

In poche parole: l'avvocatura dello Stato (che siamo noi) è stata incaricata dalla Presidenza del Consiglio (che è Silvio Berlusconi) di perorare la ragionevolezza del Lodo Alfano perché, altrimenti, si rischia che Berlusconi debba dimettersi, in quanto indagato penalmente, situazione questa che lo metterebbe in una difficile posizione politica e lo distrarrebbe dai suoi compiti istituzionali.

E a me vengono in mente le parole di Nixon quando è stato costretto a dimettersi per evitare l'impeachment:
"Continuare la mia battaglia personale nei mesi a venire per difendermi dalle accuse assorbirebbe quasi totalmente il tempo e l'attenzione sia del presidente sia del Congresso, in un momento in cui i nostri sforzi devono essere diretti a risolvere le grandi questioni della pace fuori dai nostri confini e della ripresa economica combattendo l'inflazione al nostro interno. Ho deciso perciò di rassegnare le dimissioni da presidente con effetto a partire dal mezzogiorno di domani."

A nessuno negli USA, è mai venuto in mente di inventarsi un Lodo Alfano per parare il culo a Nixon.
Sarà forse che, pur con tutti i loro difetti, gli americani preferiscono avere un momento di instabilità politica piuttosto che un presidente in odore di galera?

27 commenti:

Spugna ha detto...

bhè si.
Nixon e Berlusconi sono due cose del tutto diverse come esempi, anche se capisco che lo usi semplicemente come "esempio peggiore che abbiano avuto" e poi purtroppo il merdone di arcore al momento serve a troppe persone, e semplicemente troppo potente.
grazie a a dio stà iniziando a fare casini a destra e manca tra fini chiesa cazzi e non...però se passa anche questa siamo proprio fottuti.

Design270 ha detto...

Quando Nixon si è dimesso Angelino Alfano aveva 4 anni...
Acc, avesse aspettato ancora un po'!

Greg ha detto...

sarà che in America si stufano molto più in fretta dei propri presidenti.

sta accadendo anche oggi

spino ha detto...

@ greg:

Si stanno stancando i "ricchi", perchè se passa la riforma sanitaria, tocca pagare più tasse...

vallo a chiedere ad un impiegato da 2000 $ al mese se preferisce pagarsi l'assicurazione sanitaria e pregere iddio che non gli venga nulla di costoso o una sanità "pubblica" che a prescindere dal tuo status, bene o male ti cura.... :)

Gianni Barbieri ha detto...

Ma dov'è finito Joseph?

Fabrizio ha detto...

Dillo che al posto di Porta a Porta, l'altra sera hai guardato "La Caduta di Hitler" pensando a John Doe... ^__^


Comunque, visto che i Berlusconiani parlano sempre del sistema americano come quello più democratico dell'universo, mi chiedo perchè non lo citino su questo determinato argomento...

Daniele Caluri ha detto...

Come "fascista zen" lasci veramente a desiderare, lasciatelo dire.

RICCARDO ha detto...

Mi piace quando fai servizio.
E quoto il Calurio (nonostante sia livornese)

Eddie ha detto...

dovrebbero vergognarsi solo a pensarle certe puttanate... povera italia...che non ci fa di certo bella figura

werther Dell'Edera ha detto...

A me una differenza con il caso Nixon sembra di vederla nel fatto che all'epoca, lui e chi per lui, cercarono di coprire il casino in tutti i modi possibili. Oggi questi signori, invece, non hanno la benché minima preoccupazione al riguardo. Quale altro paese ha un primo ministro con così tanti conflitti di interessi in atto? Non paghi di tutto ciò gli stiamo pure pagando la concorrenza a Sky di tasca nostra, grazie al digitale terrestre...

CREPASCOLO ha detto...

In realtà, e per quanto paradossale possa apparire ai nostri occhi di smaliziati europei, le persone che ''coprirono '' Trickie Dickie lo fecero anche per spirito di servizio. Qualche scatola nera è stata aperta ed adesso è noto che gli ultimi giorni di Nix avevano qualcosa del Caligola di Camus - il prez era stanco, disilluso e disconnesso - parlava con i manifestanti, senza scorta, davanti alla Casa Bianca. Telefonava di notte a Kissinger - la risposta USA al nostrano divino Giulio - per ordinargli di bombardare l'Egitto e richiamava il suo consigliori, che aveva appena ripreso sonno, per dirgli di non farne nulla. Naturalmente Henry K. non aveva fatto nulla per atomizzare le piramidi, ma la situazione era questa. Il signore della stanza ovale aveva demandato ad altri i suoi compiti. Il Paese era retto da una sorta di comitato di ''probi viri''.
Il Watergate è stato il pretesto - tutta la retorica sul mentire al popolo ci ha consegnato una pellicola con Redford, Hoffman ed un credibile Robards e poco altro - ma Nix doveva uscire per la comune perchè era tempo di lavorare. La Washington Post ha provocato anche lo Irangate, ma Reagan è rimasto al suo posto anche se vendere armi ad un avversario dichiarato è + grave del mettere una microspia in un albergo.
Sia chiaro che amo l'America, il suo tenente Colombo, i comics ''cubisti '' di Kirby ed i film Usa di legal aliens come Hitch e Wilder, ma riconosco che il maggior talento dello zio Sam consiste nel crearsi una mitologia che esporta con entusiasmo, una storia di frontiera sospesa tra Mark Twain e Paris Hilton, maneggiata con disinvoltura da un presidente abbronzato e sempre ad un tiro di colt dal lontano ovest. Non per niente la loro macchina per scaricare i colleghi di Benjamin Franklin si chiama impeachment.

Uriele ha detto...

@ Spino: non solo i ricchi (quello si sapeva gia'). A meno che tu non consideri anche gente come John Pilger un ricco:
http://www.youtube.com/watch?v=C62KAmMzu0E&feature=player_embedded

Per me ce la fa anche sta volta: non se ne va finche' non arriva al quirinale o schiatta. Speriamo che il principino Pier Silvio sia un monarca migliore

Uriele ha detto...

@ Wherther: La crisi energetica del 1979 colpì anche la Arbusto Energy e, dopo averne cambiato il nome in "Bush Exploration Oil & Gas Co.", Bush la vendette nel 1984 a Spectrum 7, un'altra compagnia texana di ricerca di petrolio e gas per circa 1 miliardo di dollari. Secondo i termini della vendita, Bush divenne amministratore delegato di Spectrum 7. La storia si ripeté quando durante la crisi del 1985-1986 Spectrum 7 fece bancarotta. Spectrum 7 fu infatti salvata dall'acquisto deciso dalla "Harken Energy Corporation" nel 1986 e Bush entrò nel Consiglio di amministrazione della Harken.

... diciamo che non siamo i soli ad avere qualche piccolo conflitto di interessi (http://en.wikipedia.org/wiki/George_W._Bush). Mettiamo poi anche quello che "giustamente" fanno per favorire le lobby che li hanno fatti salire al potere.

spino ha detto...

@ Uriele:
Se non erro Pilger diceva le stesse cose anche prima che obama fosse eletto.

Ma ti sfugge un piccolo dettaglio: le affermazioni di Pilger sono un giudizio sull'Obama politico... il nano di politico ha veramente poco...

Uriele ha detto...

@ spino: non ho mai paragonato i due uomini. Dico solo che adesso non sono solo i ricchi che ce l'hanno con lui. Secondo me è uno dei presidenti più sfigati della storia (o degli ultimi 150 anni, fate voi). È salito al potere in uno dei momenti peggiori per gli stati uniti, con la crisi finanziaria, l'eredità offshore di bush e compagnia bella. Più di tanto non gli si può dire, sembra una persona per bene, ma si sta imbarcando in dei progetti che già sarebbero difficili da realizzare in un buon periodo. Se riesce a cambiar qualcosa tanto di capello, sarei felice

Seconda cosa, e questo lo dico perchè ho due fratelli che vivono e lavorano in USA da 5 anni (un'avvocato con abilitazione in california e un ricercatore della UCSD). In America anche senza assicurazione sanitaria per cose urgenti ti curano. Il punto è che dopo ti chiedono indietro uno sproposito (costi altissimi di degenza nelle stanze, costi medici, ecc...). Se non hai un'assicurazione la degenza viene ridotta al minimo assoluto (o addirittura non c'é e appena stai abastanza bene da stare in piedi ti cacciano). Insomma al momento ti curano poi vivi sommerso dai debiti, se invece si tratta di una malattia debilitante con costi lunghi e molte medicine, bhé sì, lì sei abbastanza fottuto.
Esistono però alcune associazioni che si fanno carico delle spese dei non abbienti (tale Sean McKracken è riuscito a farsi pagare tutte le spese per il braccio rotto data la situazione economica e familiare, e se l'era rotto da ubriaco cercando di saltare dalla cima di un albero al tetto di una casa).

L'assicurazione pubblica sarebbe una grande idea, sempre che avessero i soldi necessari per farla e che non tiri indietro il culo nel momento del bisogno (come molte assicurazioni sanitarie che tendono a coprirti solo finché stai bene e appena stai male trovano tutte le scappatoie per non pagare trovando qualsiasi scappatoia possibile)

spino ha detto...

@ Uriele.

Era proprio questo che intendevo...è chiaro che se arrivi al pronto soccorso con un infarto ti curano...ma senza assicurazione, sarebbe stato meglio restarci secco... (non ho parenti in america, ma vedevo anche io E.R. ^__^ )

Ti quoto sul fatto che Obama sia capitato in un momento sfigato...

ma converrai con me che se non ci fosse stato questo momento, col cazzo che un negro (o un diversamente ariano, fai te) siederebbe alla casa bianca :)


Personalmente mi accontenterei che non peggiorasse la situazione: sarebbe già un grande risultato, anche se ci spero poco...

certo che se continua così ( http://www.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/?id=3.0.3780459211 ) di nemici se ne farà parecchi :P

werther Dell'Edera ha detto...

@Uriele
ok, ma quanto tempo è rimasto nel consiglio di amministrazione (domanda che non vuol essere ironica, non lo so davvero)? Considerando che W è stato eletto nel 2001, che questi fatti risalgono all'ottantasei e che gli americani ci stanno abbastanza attenti a queste cose, direi che questa è una nozione importante.

Ad ogni modo, meno male va... adesso mi sento un po' meno solo nel mondo. :)

Greg ha detto...

Ma appunto perchè il furore di popolo, i concerti, le adesioni da tutti i continenti e dal web se poi, dopo neanche un anno, mi sento dire in prima persona da un amerighèno "we expect him to be shoot like kennedy..."?!?!?!?

Questa non è più questione di essere contro o a favore...

spino ha detto...

@ Greg:

Sono Pazzi Questi Americani... :D

Uriele ha detto...

purtroppo vedevo solo Scurbs, E.R. mi rompevo le palle dopo due minuti. :D

Per quanto riguarda lo scudo spaziale accantonato penso che possa fare incazzare solo qualche Repubblicano che tanto non lo avrebbe votato lo stesso. Alla fine taglia una spesa inutile di cui non penso freghi molto a qualcuno dei suoi elettori.

Per quanto riguarda mantenere lo status quo o non fare altri danni, non è quello che ci si aspetta da un presidente in questo momento:
"Siamo nella merda fino al mento"
"Sì, ma con Obama non ha raggiunto le narici. Che Bello!"

Poi sul fatto che se la situazione non fosse stata questa non lo avrebbero eletto mi trovi pienamente d'accordo, ma lo vedo più come uno scherzo sadico dei repubblicani piuttosco che una vittoria di Afroamericani o democratici. Se non riesce ad ottenere nulla punteranno il dito verso il presidente incapace che potrebbe essere ricordato peggio del suo predecessore.
Gli auguro di riuscire, ma sta puntando su cose troppo grosse (combattere le lobby delle assicurazioni sanitarie è un ottima cosa quando il resto va a gonfie vele, se poi si mette a combattere anche quei figli di cagna delle compagnie aeree americane è finito, una fine onorevole, ma sempre una fine).

Uriele ha detto...

@ Werther: devi guardare anche alla "famiggghia" se non sbaglio adesso Mediaset risulta interstata al Pierfiglio, mentre il Milan a qualche Pierlacchè. Il padre di Bush ha ancora le mani in pasta nel businness di famiglia. Considera poi che in America le Lobby sostengono finanziariamente e legalmente i loro candidati e questo in un certo modo influenza le loro scelte politiche (come ricorda anche la bellissima battuta di Thank you for Smoking). La campagna di Bush era finanziata "pesantemente" anche dalle compagnie petrolifere americane.

Poi considera quel mastino di Murdoch, a parte le mignotte, fa esattamente quello che fa Berlusconi. Solo che, a mio avviso, è più furbo: sostiene le varie forze politiche in cambio di favori, ma non mettendoci mai le mani direttamente (un po' come il nostro periodo Craxi). Inoltre le campagne che conduce sono migliori e meno smaccate delle nostre:noi abbiamo il tg5, loro hanno 24...

Nell'anno della 4° serie (prima con i terroristi mussulmani) è scoppiato lo scandalo delle torture di Abu Grahib e Jack incomincia ad indulgere alla tortura pesante come mezzo per ottenere informazioni e salvare delle vite. Ci sta perfettamente, si crea empatia con il personaggio e si incomincia a credere alla storia del bene maggiore. Da noi abbiamo il tg5 che calca sui delitti degli immigrati o dei recidivi usciti con l'indulto con la grazia di un tritasassi che non crea empatia, ma solo fastidio o paura nello spettatore. Anche nella manipolazione mediatica gli Americani sono troppo avanti

Noi guardiamo all'Italia come ad un' anomalia. Per certi versi lo è, ma solo perché è molto più smaccata. Pensavamo che le cose dopo tangentopoli sarebbero cambiate, invece continuano a far le stesse cose, solo che le fanno alla luce del sole, sbattendosene altamente di coprire le proprie vergogne e di dare al tutto una sbiancata di dignità (vedi ad esempio il tipo dell'UDC che dopo che un collega era stato beccato con una puttana in overdose aveva avuto la faccia tosta di chiedere più soldi per i parlamentari dicendo che certe cose succedevano "perché con il loro stipendio non potevano tener con loro le proprie famiglie e si sentivano soli")

PS:io adoro 24, guarderei altre mille giornate se le facessero, anche se dubito che Jack riesca a vivere tanto, soprattutto dopo la fine dell'ultima serie

Vertumno ha detto...

Dibattito interessante ma vorrei far notare che gli USA non sono l'unico esempio di democrazia parlamentare degna di questo nome. In Francia, le massima cariche dello Stato godono da sempre (intendo nelle varie incarnazioni della Repubblica) di una immunità penale che garantisce la sospensione dei provvedimenti che li riguardano fino alla scadenza del loro o dei loro mandati (se successivi). Negli ultimi anni della Presidenza Chirac non si è parlato d'altro... E guarda caso, oggi non se ne parla più.
Fra l'altro, l'idea di vedere il Presidente Playmobil fuori gioco per ragioni penali, mi farebbe lo stesso effetto di una vincita al Lotto. Una ricchezza inebriante, ma non esattamente meritata.

Ed! - the webcomic ha detto...

Se solo la gente pensasse più a scopare!

Ed! - the webcomic ha detto...

Dimenticavo il video (che magari a Rrobe interessa di più).
;)

Greg ha detto...

@Ed!:
...
...
...

sti cazzi che video!

sti cazzi e basta

Ed! - the webcomic ha detto...

IL video.

Non a caso i Rammstein sono i migliori. In tutto.

Spugna ha detto...

finalmente la discussione torna su qualcosa di facile comprensione...hehe