19.10.09

Lo ammetto, ero scettico...

...e invece Greystorm si è rivelata una lettura davvero piacevole.
Serra imbastisce una storia tradizionale, introducendo un protagonista atipico per il contesto bonelliano (un "cattivo"), e concedendosi (a mio parere) anche un divertente e divertito sottotesto omosessuale che ironizza su alcuni stilemi della narrativa d'avventura classica e, al tempo stesso, strizza l'occhio alle lettrici di shojo.
La sceneggiatura scorre fluida e non annoia, lasciando la voglia di leggere i successivi capitoli.
Sul fronte grafica e disegni, diciamo che non è la mia tazza di tè ma rispetto il lavoro di forte coerenza che ha tutto l'albo nell'insieme.
Insomma, m'è piaciuto.