17.10.09

[RECE] Halloween 2


E' ancora la notte delle streghe.
La stessa notte (più o meno), gli stessi protagonisti (più o meno), lo stesso approccio (più o meno). Rob Zombie torna sul luogo del delitto.
Il primo Halloween firmato dall'ex leader dei White Zombie era un discreto film horror, remake di un seminale capolavoro, che però non mi aveva convinto fino in fondo (sia nei confronti della pellicola originale sia rispetto alle prime due prove registiche di Zombie stesso).
All'annuncio di questo sequel, molti hanno urlato subito al marchettone fatto tanto per spillare altri quattrini ai soliti quattro gonzi (di cui faccio parte) e tutti i torti non li avevano perché, di questo seguito, in effetti nessuno sentiva il bisogno.
Ma nonostante quello che possa dire Rotten Tomatoes, per me le cose buone di questo film prevaricano, e di parecchio, quelle meno buone. Anzi, a dirla tutta, è un prodotto forse più riuscito del primo capitolo.
Sia chiaro, la pappa è sempre la stessa: uno slasher movie, con una spolverata di approfondimento psicologico tanto per fare finta di voler dire qualcosa di profondo, e tanta violenza (più esplicita che nel primo capitolo). La trama barcolla tra spostamenti geografici e temporali incerti, non c'è nessun dialogo memorabile e anche le morti non brillano per fantasia o originalità. Ma il modo in cui che Rob Zombie guarda alle cose e ce le mostra è sempre un piacere e la sua voce come regista ormai si è fatta consapevole, sicura e distinta. E' un autore vero, uno dei pochi che sono in circolazione, e già questo non è poco.
Poi sia chiaro, Devil's Rejects è un cazzo di capolavoro e questo è solo un filmetto, ma nel suo essere un filmetto ha una dignità non trascurabile.
E poi c'è lei... e lei vale da solo il prezzo del biglietto.

p.s.
ma quanto fa ridere la scritta sotto il manifesto originale americano? "il 28 agosto, ovunque"... a parte l'Italia, ovviamente.