22.11.09

Milano Corpo 9.

Continua il mio breve e convulso soggiorno Milanese, ospite dal Tito nazionale. Il tempo fa schifo e la città ha deciso che questa volta mi tocca sorbirmi il suo stereotipo.
Venerdì sono stato a una festa molto vivace, quel genere di feste che possono creare o distruggere una carriera (ne parla Sandrone Dazieri sul suo blog). Ieri sono andato per regali, scoprendo che a Milano è già arrivato il Natale e che sono tutti in fregola da regali. Oggi sono andato a vedere la mostra di Hopper (bella ma, sinceramente, mi aspettavo qualcosa di più dall'esposizione) e ho visto per la prima volta Zorro, il figlio di Luca e Manu: è fantastico.
Domani e dopodomani sono a spasso per varie redazioni. Poi a casa.

In giro c'è un'aria di crisi nera. La prima che avverto da tanto tempo. E non parlo delle vendite dei fumetti (che, anzi, stanno dando segnali piuttosto positivi) quanto proprio di instabilità e di un senso di incertezza per il futuro diffuso e abbastanza terrorizzante.
Qualcosa sta per cambiare e qualcosa è già cambiato, le assicurazioni di ieri sono la carta straccia di oggi e in giro si vede un sacco di gente presa alla sprovvista da eventi oscuri e inaspettati.
Mai come in questo momento sento la necessità di localizzare in fretta tutte le uscite d'emergenza disponibili: probabilmente non mi toccherà usarle, ma voglio sapere che ci sono e dove trovarle.

Per sollevare l'umore, ho deciso che nell'attesa del Natale vi intratterrò con una rassegna dei miei film natalizi preferiti, a cominciare da QUESTO, uno dei miei preferiti in assoluto.

9 commenti:

Spugna ha detto...

bhè, oggi milano era più grigia che mai, di quel color cemento che di solito mi spinge ad uscire di casa e girarmela ancora più del solito.
Quasi per cercare qualcosa che mi faccia incazzare meno o di più.
poi scoprire che in centro è già natale con un mese di anticipo, ecco quella è una buona scusa per tornare a casa.
e per la crisi, sarà un natale tosto, non ho ancora capito se più isterico o più deprimente.
speriamo che domani torni un il sole.

Manu ha detto...

Speramu ben...

Greg ha detto...

bravo Rrobe, consiglia titoli a raffica che sono due natali che ho bisogno di una ricarica pesante!

Fabrizio ha detto...

questo è un film natalizio (sempre dopo die hard)

http://www.youtube.com/watch?v=t9ooZYjF0mI&feature=fvst

McClod ha detto...

Bèh, Rrobe, dì a Sandrone che il Mass Pary non esiste, ma era un virale per Dante's Inferno.

Fabrizio ha detto...

Ah, il fan movie di Lobo... Vederlo mi commuove sempre

Tito Faraci ha detto...

E pensare che a volte tu vorresti vivere a Milano...
Sei matto, Roberto. Ma questo si sa.

maurizio battista ha detto...

Leggendo il tuo post, mi fa piacere riscontrare che forse non sono solo io ad essere matto.
Vado in giro e noto uno strano fenomeno che parafrasando il film di Tornatore, si potrebbe riassumere con la frase (gli altri) Stanno tutti bene.
Entro in negozi che fino a qualche anno fa se la passavano decisamente meglio, e quando parlo della crisi, mi sento dire che non esiste. Cioè, per intederci, i negozianti in questione si lamentano (e parecchio anche), ma da come la vedono, sono solo loro a soffrire: i "rivali", quelli del grande centro commerciale, se la passano bene. Poi vai al suddetto centro commerciale e trovi una protesta di dipendenti che rischiano il posto di lavoro. Analogo discorso per tanti vecchietti pensionati. Sono solo loro ad arrivare a fine mese con difficoltà, ma il vicino, il parente, e il lattaio invece, eh sì! Quelli si che hanno i soldi!

Forse dovremmo mettere tutti un acquario al posto della televisione.

Marco "Bamba" Zorzan ha detto...

Questo nn è: "uno dei film" è il film natalizio che ogni ragazzo(ma anke adulti come me!!!)dovrebbero vedere per formare la propria cultura cinematografica..........una pietra miliare!!!!e nn aggiungo altro!!!!!