24.1.10

Bullarsi un po'.



Giuro che dal prossimo post non parlo più di questa storia.
Ma che ieri siamo stati l'articolo più letto del Corriere mi fa ridere.
E mi sento pure in colpa visto che al secondo posto c'è la rimonta della Roma.
Scusa Capitano.

14 commenti:

The Passenger ha detto...

E 'sti cazzi....se serve per parlare di fumetti tutto va bene....tanto questo è il paese dei mangiaspaghetti!

Planetary ha detto...

E anche prima dello split Pitt-Jolie, mica cazzi :asd:

Salvietta ha detto...

Oh che poi io l'albo manco me lo posso leggere che sto in Spagna. La notizia è arrivata anche qui, e quanto ci prendono per il culo...!

Luigi Siviero ha detto...

Superato da Brangelina! :-)

DDComics ha detto...

3 parole: 'azz 'azz 'azz :D

DDComics ha detto...

3 parole: 'azz 'azz 'azz :D

WillyWonka ha detto...

Il fatto è che ne parlano senza averlo letto...secondo me uno dei più belli...ciauz

ottokin ha detto...

GRANDE!
grande tu e grande il Capitano!

Greg ha detto...

la domanda è:

un qualsiasi jornalista o personaggio politico si permette di sentenziare e lanciare ammonimenti su di un'opera contemporanea che NON CONOSCE con lo scopo di tappare la bocca al suo (maleinterpretato) messaggio, all'autore o al media tutto?

perchè l'impressione è che si volessero mettere in riga questi fumettari radical-progressisti (cordialmente, presentandosi loro col facile appellativo di "intellettuali") per evitare che i loro ingestibili messaggi al pubblico escano dallo steccato del passatempo serale e vengano presi come "cose serie".

che invece si tratta soltanto di un fumetto che esce da quasi 25 anni ed è stato citato ed incensato da diversi autori di fama planetaria, discusso ed analizzato in innumerevoli tesi universitarie... che diamine

roba che per un qualsiasi moralizzatore/imbonitore del gregge mediterraneo c'è da intervenire con la bacchetta sulle dita e la pompa magna della carta ig... cioè quotidiana.

Luigi Siviero ha detto...

"perchè l'impressione è che si volessero mettere in riga questi fumettari radical-progressisti (...) per evitare che i loro ingestibili messaggi al pubblico escano dallo steccato del passatempo serale"

No, il sottosegretario ha semplicemente applicato il linguaggio politico standard.
Sempre e comunque lo scopo non è dialogare e confrontarsi ma demolire l'avversario senza nemmeno ascoltare le sue ragioni.
Avrebbe funzionato se dall'altra parte ci fosse stato un sinistroide qualunque (perché la sinistra adotta lo stesso metodo) invece di una persona che ha usato il fumetto per parlare senza preconcetti della sua esperienza personale.

paperoga ha detto...

sono sicuro che domani in edicola esce il nuovo dyd, "mater morbi 2": 98 pagine di frizzante avventura. si apre con dylan a letto, in stato vegetativo permanente, con un sondino nasogastrico appiccicato. si chiude con dylan a letto, in stato vegetativo permanente, con un sondino nasogastrico appiccicato. 15 anni dopo.
nelle edicole degli atei devoti andrà a ruba, vedrete.

paperogaedintorni.wordpress.com

Colera ha detto...

Ciao Roberto, io sono un ex lettore di DylanDog. L'ho letto praticamente dal 1 al 100e qualcosa. Ho smesso di leggere DYD perchè piano piano l'eroe di un mondo fantastico con i suoi vizi e virtù si è trasformato in un paladino senza macchia al servizio di questa o quella causa sociale del mondo reale, allontanandosi pian piano da quello della fantasia. Lodevole ma si perde la funzione del fumetto che è quella di farti sognare un mondo diverso dalla realtà (mio parere personale eh)
E' una cosa che non sono riuscito a perdonare a Dylan e che oggi mi vede un lettore occasionale (1 massimo 2 numeri all'anno compresi speciali ecc.)
Ho letto di questa polemica e ieri in edicola non ho resistito: ho comprato e letto il fumetto.
Disegni fantastici (mi ricordano il grande Roi che ai tempi dei primi numeri era il mio preferito in assoluto) e la storia merita davvero tantissimo. Pre prima cosa penso che un autore a qualsiasi livello abbia il sacrosanto diritto di esprimere liberamente il suo punto di vista su qualsiasi tema. In secondo luogo penso che vizi e virtù del personaggio si siano bilanciate come io credo sia giusto e soprattutto la funzione del fumetto non è stata snaturata: far sognare, dare l'illusoria speranza che le cose possono essere piu facili rispetto alla realtà. Mater Morbi esiste davvero ma nella realtà non la vediamo mentre nel fumetto abbiamo potuto vederla in tutta la sua crudelta ma anche nelle sue debolezze, hai datu un aspetto umano e quindi indebolito a qualcosa che ci fa paura e che non ha volto nè anima. Molte riflessioni poi sono state davvero superbe degne quasi di un saggio di filosofia che di un fumetto, non banali e tremendamente vere (parlo del punto di vista del malato, del parente...).
Insomma un numero che mi ha fatto tornare la voglia di Dylan Dog, quella di 15 (forse di piu non mi ricordo) anni fa.
Con stima. Michele

diflot ha detto...

dai commenti all'articolo:

"
Recchioni come Oesterheld.
23.01|19:20
rosanera

Mi torna in mente Oesterheld, lo sceneggiatore del famoso fumetto "L'Eternauta" che scomparve nel 1977, vittima della dittatura assieme alle sue quattro figlie. I suoi fumetti davano fastidio. Molti non si sono resi conto che il nostro Paese è diventato una cosa sporca e brutta. E sarà anche peggio, tra poco. Per parte mia, ho già deciso da tempo di lasciare il lavoro ed emigrare in Germania. Ormai l'unica sensazione che i governanti italiani mi trasmettono è la paura. La dittatura ha paura della satira, dei fumetti, delle poche cose belle che sono rimanste. Ma ricordate, dittatorucoli italioti: "Una risata vi seppellirà".

esticazzi!!! :P :P :P

Ivan Vitolo ha detto...

Forza Napoli!!