10.1.10

[RECE] Rec 2

Ci vogliono le palle per prendere qualcosa che ha funzionato e nel darle un seguito, riscriverla, alterandone del tutto la natura. Palle e incoscienza, due qualità che i Balaguero e Diez, i due sceneggiatori di Rec 2 (Balaguero è anche co-regista insieme a Paco Plaza) sembrano avere in abbondanza, insieme a una grand dose di mestiere, consapevolezza, talento e idee.

Rec 2 è il seguito diretto del primo capitolo (la vicenda si apre quindici minuti dopo la fine del film precedente) e la prima cosa che fa è stravolgere i supposti della pellicola originale, riuscendo a sottrarsi alla mischia sin troppo affollata di film a base di morti viventi.
Sì perché, occhio allo spoiler...

WARNING!

...Rec 2 on è un film di zombie.
E, alla luce di quanto racconta, nemmeno il primo lo è più.

WARNING!

Per farla breve, questo Rec 2 è un ottimo film: spaventevole, angoscioso e a tratti decisamente spassoso. E' ben diretto, riesce a eludere tutte le trappole del suo tipo di approccio (parlo di tutti quei problemi in cui incappano puntualmente i film, dalla strega di Blair in poi, che raccontano qualcosa attraverso l'occhio di una telecamera diegetica) e in più ha il merito di appartenere a un club estremamente esclusivo: quello dei sequel che non solo sono migliori del capitolo originale ma che lo arricchiscono.
In sostanza, dopo aver visto Rec 2, amerete di più il primo Rec e non vedrete l'ora di poter andare a vedere Rec 3 (per sapere come finisce la storia).

Consogliato.
Tanto.


p.s.
notarella a margine: nel film appare la versione in carne, ossa e tonaca di Don Zauker.
Giuro.