24.2.10

Come muore internet in Italia.

Così.

23 commenti:

[mr.beast] ha detto...

Ma pur rimanendo tra i video *divertenti* (l'upload l'avranno fatto i 4 imbecilli immagino) non è stato uno strumento di denuncia e una prova? mah...

Ogni volta che leggo la parola *privacy* e *internet* mi viene un coccolone. Ora chissà (ma chissà, eh!) per cos'altro useranno la scusa (tenendo conto anche della *diffamazione*).

Fabrizio ha detto...

Il problema sta in come tira il culo di fare leggi in Italia.

Perchè se sul ragazzo disabile potrei in parte essere d'accordo, quante denunce beccherà Google per la diffamazione di Silvio?
Così si può inculare tutto e niente, obbligando i siti a far censura.
Come in Cina.

In uno Stato responsabile non si porrebbe il problema. O ci sarebbe un'azione congiunta tra polizia postale e i siti, oppure si lascerebbero le segnalazioni agli utenti, come autoregolamentazione.

[mr.beast] ha detto...

Concordo col Furchì.

maurizio battista ha detto...


Google, nel corso del procedimento penale, ha sempre sostenuto che la responsabilità è di chi carica il video in rete. Per il portavoce di Google «se questo principio viene meno, cade la possibilità di offrire servizi su Internet».


Se non si accetta questo principio, tanto vale chiudere la rete. :-/

Riccardo Torti ha detto...

E' molto più utile e conveniente bloccare il mezzo piuttosto chi ne fa un uso sbagliato...

sarebbe più giusto il contrario, ma la giustizia non esiste... perciò: buona carota a tutti!

Riccardo ha detto...

a questo punto tanto vale condannare tutti i dirigenti di aziende produttrici di: auto, moto, scooter, alcolici e armi.
Chiunque abbia la possibilità di accedere ad uno solo di questi prodotti può usarli esattamente come la rete: alcuni per necessità, altri per svago e altri motivi ancora. Nessuno in Italia o in qualsiasi altro paese che si dichiari "evoluto" si lancerebbe mai in una crociata contro chi produce i beni che ho menzionato.
Evidentemente per il sistema "internet" c'è qualcosa che conta di più rispetto ad ogni altro bene di consumo. qualcosa che sicuramente smuove il più antico tra i sentimenti. la paura.

Luigi Siviero ha detto...

Quindi uno che pubblica un libro di foto pedofile può scaricare la colpa su Gutenberg?

Luigi Siviero ha detto...

"Come muore internet in Italia"

Non doveva morire per mano di quel cattivone di Berlusconi?

JenaPlissken ha detto...

Ma infatti, chi c'è dietro questa brillante opera? Proprio il silvione, tra l'altro guardacaso mediaset è pure impegnata in una battaglia legale contro youtube.

H-BES ha detto...

Ne parla anche Google sul blog ufficiale:

http://googleblog.blogspot.com/2010/02/serious-threat-to-web-in-italy.html

Saluti
BES

Greg ha detto...

Problema:
un pazzoide trova una calibro 38 carica nel vicolo sotto casa, la raccoglie, arriva in piazza ed esaurisce il caricatore contro uno stormo di nonnine.

Domanda:
posto che il pazzoide va nuclearizzato, con quale di questi condividerà la colpevolezza?
- il produttore della pistola
- il venditore delle pistola
- l'utente che l'ha abbandonata in terra

Tutti quanti, uno solo, due?

E gli educatori/tutori/genitori del pazzoide stanno a guardare oppure si fanno anche loro un pochino di tortura olandese?

maurizio battista ha detto...

Quindi uno che pubblica un libro di foto pedofile può scaricare la colpa su Gutenberg?

No, secondo la sentenza, in galera non ci va né Gutenberg, né l'autore del libro pro pedofilia e nemmeno l'editore. Ci va quello che stampa le cartine stradali con sopra l'indirizzo in cui si trova una libreria che vende libri di foto pedofile.

nightwing ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nightwing ha detto...

Sono anni che vogliono imbrigliare la rete.

Un pezzo alla volta,servizio tg dopo servizio ci riusciranno a chiudere il web "per la sicurezza e la libertà dei nostri figli".

Ma solo a me ogni volta che c'è un comunicato ufficiale del governo mi vengono in mente le foto di Mussolini al balcone?

Lesbo ha detto...

La mia speranza è che questo evento smuova le acque per la realizzazione di una super darknet in grado di essere performante per chi è abituato alla regolare rete.

Dark Diamond

Uriele ha detto...

Ma se i server di google non sono in Italia, google non può semplicemente mandarci a fare in culo?

Fossi in google non pagherei un cazzo manderei a fare in culo l'Italia e bloccherei l'accesso a tutti i servizi (dalla mail al motore di ricerca) per tutti gli indirizzi provenienti dall'Italia finché:

1) Il giudice non chiede scusa alla compagnia e agli utenti
2) I giudici non pagano i danni morali a Google (decisi da un tribunale americano)

gianluca ha detto...

@uriele: Google non è la paladina della libertà, se è in Italia è perchè ci guadagna dei bei soldoni, a stare qui. Sì, nei tribunali farà il diavolo a quattro per questa sentenza, ma non farà nulla che possa intaccare i suoi introiti.

Faust VIII ha detto...

In Cina fanno lo stesso per zittire l'opposizione: censurano internet con la scusa dei siti pedo-pornografici. Cosa che si allarga ad altri siti giudicati "immorali", poi a siti contro il partito e così via. Ormai questo Paese sta delirando perchè vede vicina la fine.

sherlock ha detto...

Metti che qualcuno nei commenti qui inneggi al Duce. RRobe o i responsabili di blogspot.com dovrebbero andare in galera per il reato di apologia del fascisco se non sorvegliano di continuo e non rimuovono immediatamente? (si, lo so, prendo per il culo, l'apologia di fascismo è l'unico reato che in Italia puoi allegramente ignorare)
Sentenza davvero assurda e fuori dal mondo, che equipara in modo delirante un sito ad un giornale, ma un giornale ha controllo su quel che pubblica, il web 2.0 è altra cosa .... e mi pare che "i poteri" ne abbiano paura. E cercano di azzopparlo in tutti i modi possibili.

Joseph Blue ha detto...

Sentenza senza senso che sta a indicare una certa arretratezza dell'Italia su alcuni argomenti.
C

Francesco_Imp ha detto...

Ma se investo qualcuno da ubriaco, in galera ci va il fabbricante della macchina, o il vignaiolo che fa il vino?

Però se passa il principio, si applicano interessanti possibilità: potrei tirare un decoder mediast premium da un cavalcavia e far finire finalmente mr B in galera...

Francesco_Imp ha detto...

Ma se investo qualcuno da ubriaco, in galera ci va il fabbricante della macchina, o il vignaiolo che fa il vino?

Però se passa il principio, si applicano interessanti possibilità: potrei tirare un decoder mediast premium da un cavalcavia e far finire finalmente mr B in galera...

raffaele ha detto...

Come dire che se entro in un bar e dico ad alta voce che Tizio e' un ladro, condannano il gestore del Bar.