11.5.10

Fa abbastanza ridere... se non facesse incazzare.


Questa è la seconda recensione che UBC dedica a Don Zauker, quella scritta da Ratzinger.
Non voglio entrare nel merito del pensiero strisciante che si legge dietro a ogni riga di questa recensione. E' un pezzo fazioso, disonesto e mi ha fatto incazzare, tanto basti.
Però, la pubblicità Adsense a corredo del pezzo mi ha fatto davvero ridere.

p.s.
bisogna però dire che UBC ha anche pubblicato un'altra recensione, di segno del tutto diverso.
La trovate QUI.


41 commenti:

microdj ha detto...

ovviamente il secondo link all'altro commento non linka ;)

Davide ha detto...

ho la vaga sensazione che gli hai fatto saltare il server

Avion ha detto...

Appena il sito riprenderà a funzionare, potrò dirti che ha assolutamente ragione :asd:

Daniele - INeDiA ha detto...

Denial of service..? Son soddisfazioni.

ivanhawk ha detto...

Evidentemente anche i Paguri sono autori "con poco rispetto per valori sociali e cristiani"... ;-)

a-storm-in-heaven ha detto...

ma la pubblicità al lato destro è vera?
-_-

RRobe ha detto...

Di quella parlavo, infatti.
Sì, è vera.
E' una Adsense: in sostanza, Google rivela di cosa stai parlando e ti associa una pubblicità che, secondo lui, è inerente.

Avion ha detto...

Evidentemente anche i Paguri sono autori "con poco rispetto per valori sociali e cristiani"... ;-)

Nah, semplicemente soffrono della sindrome dell'ateo snob, per cui tutti gli altri sono esseri inferiori e vanno insultati e derisi per questo.
Almeno, questa è l'impressione che mi han sempre dato.

Manu ha detto...

Di sicuro i Paguri non lasciano indifferenti, e questo a mio avviso, con il piattume che c'è, è già di per sè un grande merito.

Design270 ha detto...

il pippottone isterico cristiano anche nel mondo del fumetto mi mancava...
G.Gentili... mmm, mi sa di nome falso
Secondo me è il figlio del Cardinal Bagnasco.

RRobe ha detto...

No, se non erro è uno dei fondatori di UBC.

Giulio ha detto...

E' IL fondatore di ubc.

RRobe ha detto...

Abbè, che culo.

gianluca ha detto...

beh che ci siano entrambe le recensioni qualcosa vorrà pur dire, no? Se "il fondatore di UBC avesse voluto" avrebbe potuto oscurare l'altra recensione, positiva. Anzi, mette anche il link (ora fuziona) all'altra, proprio per evitare che se ne legga solo una.Insomma per come la vedo io propone la sua visione senza imporla.

E chi pensa che quel che ha fatto lui sia la regola in Italia... beh forse ha problemi di percezione.

Che poi la recensione sia faziosa e disonesta ci può stare, è nel suo diritto scriverla così.

RRobe ha detto...

Infatti io ho detto che la recensione mi ha fatto schifo, ma ho pure segnalato come UBC ne avesse postata una anche di segno diverso.

watanabe ha detto...

La pubblicità in questione si mangia l'articolo.
Ci ho fatto grasse risate e allo stesso tempo fa pensare.

Avion ha detto...

L'ho letta due volte e non capisco dove faccia schifo, argomenta con rara precisione cosa non gli è piaciuto e perché.
Sarai mica incazzato perché ha detto male dei tuoi amicici?

RRobe ha detto...

Sarà mica che tra chierichetti vi capite al volo?

RRobe ha detto...

Avion, chiariamo una cosa:
ci conosciamo da tanto grazie a Manicomio e proprio per questo, non sono mai entrato in polemica con te quando mi vieni a fare il CL nei vari commenti che lasci sul blog. Ma non cercare la polemica. Non con me, almeno. Vuoi sparare le tue robe e litigare con gli altri che commentano? Fai pure. Non tirarmi in ballo o poi mi costringi a prendere davvero in esame quello che scrivi.

il decu ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
il decu ha detto...

Sono esterrefatto un po' per tutto...
ma quello che proprio mi sconvolge é: "La Madonna ha promesso grandi grazie a quelli che la porteranno al collo".

biri ha detto...

avevo già letto la recensione e anche a me non era piaciuta proprio perché palesa un pregiudizio.
credo però che sia del tutto legittimo esprimere le proprie opinioni. saranno le argomentazioni portate a rendere valido o meno ciò che si afferma.
p.s.
l'affiancamento tra emorroidi e stigmate per me è geniale.

boris battaglia ha detto...

si chiedeva infatti quel genio, non tradotto qui nel regno del papare, di Cavanna: ma se lo avessero impalato il loro cristo, dove gli verrebbero le stimmate ai suoi fedeli?

Design270 ha detto...

@rrobe> ma sì, ma sì ischerzavo, so chi è Giovanni Gentile. Sai, tra colleghi :-)

Gipi ha detto...

Di solito quando arrivo all'argomentazione:"ma è vera satira?" smetto di leggere.
Stavolta sono arrivato in fondo perchè voglio troppo bene ai Caluripagani.
E Loro hanno ragione.

Purtroppo con i "fedeli" (rivedersi la pronuncia di questo termine fatta da Carmelo Bene a un maurizio costanzo show di mille anni fa) non si discute.

Quindi resta solo quella meravigliosa livornesità senza freni e senza regole che si chiama libertà.
Libertà di prenderli per il culo. Tutta la vita.
Amen.

Greg ha detto...

sono il solo a pensare che Santo Subito vada OLTRE la satira come gli hard-boiled andavano OLTRE agli stilemi del genere "cappa e spada"?
non meraviglia per niente che zauker abbia scoperto il velo sulle vicende delle santificazioni, degli abusi e del fanatismo. sono cose che i non credenti, o critici del cattolicesimo, sapevano/credevano/immaginavano/raccontavano già e che i credenti hanno sempre fuggito e sempre fuggiranno. in entrambi i casi sia atei che ciellini si aggrappano a una fede, perchè la verità pura e limpida, mi sembra chiaro, non sappiamo qual'è.

in sostanza, oltranzisti anticattolici e verginelle incinte stanno sulla stessa barca. fanno entrambi la figura degli sbrocconi esaltati.

per questo, credo, parlare di zauker come fumetto satirico non c'azzecca un beneamato cazzo. piuttosto mi sembra che, dai toni, dalle situazioni e dagli ingredienti il risultato sia talmente marcato ed esagerato da andare oltre il "castigare ridendo"; così come il polizziottesco è andato "oltre" il poliziesco o il giallo tout court (non c'è un colpevole, macchia nera di una società in toni di grigio, ma viceversa).

Piuttosto in Santo Subito si apprezza il carattere da fumetto NERO, il fatto che sembra voglia far ridere in realtà NON LO FA, allo stesso modo in cui Thomas Milian in Milano Odia non fa esattamente la parte del monnezza.

Nero italiano.
Di cui la terrificante cover di Carnevale è un'azzeccatissima sintesi.

Il resto dei discorsi sulla denuncia, o sulla difesa, della santa chiesa sono solo seghe.

Avion ha detto...

RRobe, fai conto che io non abbia capito il tuo disappunto e spiegami cosa non va.
E' perché ha criticato il contenuto invece di elogiare la forma?

Gipi ha detto...

Greg:
i discorsi sulla denuncia, o sulla difesa, della santa chiesa saranno anche solo seghe (secondo me potrebbero essere considerate seghe in un altro paese, non nel nostro, ma questa è altra storia.) ma la recensione di quello parlava.
A quello si risponde.

Greg ha detto...

@Gipi: difatti rispondevo in primis alla recensione, in secundis alle voci discordanti sull "èvvèèèrooo, nonèvvvèèèroooo, èsssacrrooooo, nonèsssacrooooo"; perchè non credo che dal punto di vista, per forza di cose, esagerato e farsesco della storia di Zauker (che, se non si è capito, mi è piaciuta un casino) si possano trarre particolari osservazioni o conclusioni sulla realtà del rapporto Italia/Vaticano.
Indipendentemente dalla riuscita o dall'apprezzamento della graphic novel le opinioni di entrambi li shieramenti rimangono, mi pare evidente, invariate

ergo

seghe!
Tutte quante

GuidO ha detto...

Io adoro i Paguri perchè riescono a mettere in vignetta quello che penso da sempre (oltre a farmi spisciare come pochi) e la pubblicità a lato della recensione mi ha fatto veramente rotolare, però devo ammettere che avere l'intelligenza di postare anche la seconda recensione sia una cosa che apprezzo moltissimo, alla fin fine è proprio la possibilità di scelta che conta e che di solito difetta in molti ambienti.

boris battaglia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Emiliano Pagani ha detto...

Come già detto a Rrobe, noi siamo contentissimi di entrambe le recensioni.
Davvero, senza ironia.
Tutte e due stanno a significare che abbiamo raggiunto in pieno gli scopi che ci eravamo prefissi.

Per il resto: grazie Gipi, grazie a tutti per gli apprezzamenti.

@Greg: hai ragione, Don Zauker - Santo Subito, anche secondo noi è più un fumetto nero che un fumetto umoristico.
E il prossimo sarà, se possibile, ancora più nero.

Hanuman ha detto...

A me non ha convinto proprio la forma della recensione. La prima parte non ho nulla da dire, l'albo non l'ho ancora letto, magari il recensore ha ragione.
La seconda parte, la lezione di catechismo non richiesta, non mi parla dell'albo. Non è più nè precisa nè puntuale, fa un discorso che non sta molto in piedi su come l'Obi Wan di Pietralcina non sia un bersaglio contro cui scagliarsi perchè le indagini della Chiesa blablabla, quando anche senza leggere il fumetto è evidente che forse è stato preso principalmente per il suo valore iconico. Nonché un discorso sulla Chiesa che per me, davvero, non centra il punto. Bah.

Daniele Caluri ha detto...

Figlioli, fratelli, amici.
Quando decidemmo di iniziare la serie di Don Zauker, io e Emiliano partimmo da un presupposto semplice: è impossibile piacere a tutti. Certo, si può ampliare la forbice in modo da abbracciare quante più persone possibile, ma la totalità sarà sempre una chimera. E' un limite tendente a x (e a matematica ciavevo 3), ci sarà sempre qualcuno a cui non piace un'opera. E' banale, ma ci se ne dimentica troppo spesso.
La conseguenza è stata quella di rispondere solo ed esclusivamente ai nostri gusto e senso dell'umorismo, sapendo di pregiudicarci una fetta enorme di pubblico. E il bello è che c'importa una sega.
Santo subito non è che una storia; ne seguiranno altre. Qualcuna riuscirà meglio, qualcun'altra peggio. Ma state certi che nessuna di esse sposterà pareri: nessun ciellino incendierà la chitarrina dell'oratorio per darsi a Cartesio e Feuerbach, né ci saranno focolarini che dalle domeniche in Piazza S. Pietro passeranno ai rave party fra rock, alcool e uragani di topa.

E alla fin fine, va bene così.

Gigio ha detto...

Beh, da oggi potrò dire (e ciò è vero al di là di cosa diranno le indagini) che "la Madonna è apparsa in un mio articolo" :-).

Il fatto che sia apparsa proprio a Roberto avrà un significato, ma lascio a lui l'interpretazione della "rivelazione privata" ;-).

Con affetto, Giovanni.

sergej ha detto...

Ma Gentili non è quello che qualche tempo fa, sempre su uBC recensì una storia di Rat-Man leggendola come una metafora cristologica volta ad esaltare il valore salvifico della Chiesa?
E vabbè, con quelle premesse, non mi meraviglio più di niente...

U carcamagnu ha detto...

gli anarcosionisti che invadono la terra hanno già provveduto a insinuare un loro banner al posto di quello sulla Santa Maria: let's go to israel and have fun! :-|

Tani ha detto...

@ Carcamagnu.
Rimarrà solo il blog di Rrobe a testimoniare la miracolosa apparizione della Madonna.
@ tutti i commenti pregiudizievoli che hanno seguito l'apparizione: farebbero incazzare se... non facessero abbastanza ridere.

Tommaso ha detto...

La Madonna in questione sta apparendo un po' ovunque, con effetti davvero notevoli.
In un forum musicale che frequento è apparsa in una discussione calcistica dove si smoccolano bestemmie alla grande!
Il mondo assomiglia sempre di più ad una gag dei Monty Python...

Gio' ha detto...

Come si direbbe qui a Livorno "poggi e bue fa pari" viste le due recensioni...

Fuz ha detto...

Premetto che sono un grande estimatore di Don Zauker e dei paguri in genere.
Ho comprato giusto ieri l'albo, e sinceramente mi ha un pò deluso.
Ben lotano dall'essere "brutto", intendiamoci, ma lo trovo troppo palese e "a grana grossa" rispetto ad altre storie, che lavorano più di fino.

La recensione dell'albo, comunque, è abbastanza patetica.