15.10.10

Exalted!

Negli ultimi tempi sto passando un sacco di tempo a giocare.
Videogiochi (che, comunque, non sono mai mancati), giochi di ruolo tradizionali (con cui ho ricominciato da un paio di annetti) e, recentemente, quelle pistole di plastica.
Inutile dire che le solite persone "serie", non hanno perso l'occasione di darmi del coglione ma, sinceramente, chissene. Per me sono loro che fanno una gran fatica a dover sempre recitare la parte delle persone adulte e, detto tra noi, non ci vedo alcuna particolare qualità nell'essere adulti se questo significa perdere il lato ludico dell'esistenza.

Comunque sia, anche quest'anno abbiamo ricominciato a giocare di ruolo.
La compagine è ancora mutata (Emiliano si è tirato fuori e sono arrivati Giovanni, Marco e Adriano), poi c'è Federico e, del gruppo originale, io, Riccardo e Giulio.
Anche il sistema di gioco è cambiato e, dopo D&D, Call of Cthullu, Super! e Pathfinder (QUI trovate tutte le cronache delle nostre partite), siamo arrivati (come era prevedibile) a Exalted.

Adesso, potrei stare a dilungarmi su questo gioco ma non lo farò. Prima di tutti c'è Wikipedia che vi dice tutto il necessario e poi, se ancora non vi è chiaro lo spirito, c'è questo motivational

In sostanza, se Exalted non fosse un gdr, sarebbe un anime in stile Ninja Scroll, ambientato in un universo wuxia, prodotto da Michael Bay e diretto da Zack Snyder. E con delle belle illustrazioni di Adam Warren.
Praticamente, quella poetica intimista stile Coconino che tanto mi garba.
I personaggi che Exalted vi chiama a interpretare sono delle mezze divinità, capaci di spianare le montagne con un gesto, di vedere tutte le stagione di 24 in un giorno solo, di dare le palle a Bersani con la sola forza di volontà. Insomma, gente sgravata che fa cose sgravate, come saltare dalla cupola di un palazzo all'altro, zigzagando tra nubi di frecce e brandendo una spada grande come un SUV. Il tutto declamando frasi come i Cavalieri dello Zodiaco.
Adesso, io, in un ambiente così poco raffinato, non mi trovo proprio a mio agio ed è per questo che ho deciso che il mio personaggio avrebbe dovuto portare calma, dignità e classe, al party di gioco.
Ecco perché ho creato Roma:
disegno mio

Madonna del Deus Sol Invictus. Grande scrofa progenitrice. Puttana Sacra. Protettrice di tutte le cose calde e umide e dei serbatoi delle Harley Davidson.

Riccardo, invece, ha fatto una specie di cantante Death Metal norvegese.
disegno di Riccardo

Giulio ha dato vita a un simpatico sociopatico, genio e imprenditore che ha ancora non ha un volto.

E, accanto a loro, i personaggi già esistenti di Adriano:

Marco:

e Federico (è il personaggio a sinistra, quella è destra sono io):
disegni di Federico

Giovanni Masi a fare da master a questa combriccola.
Insomma, è divertente.
Vi aggiorno via via che giochiamo.

7 commenti:

Fabrizio ha detto...

Sulla "poetica intimista stile Coconino" stavo cadendo dalla sedia! :D

spino ha detto...

la tua Roma è palesemente ricalcata con iPad! :D Se sì, tai a diventà un fottuto ricopiella...


o sbajo? :)

RRobe ha detto...

Spino, uso foto di riferimento quando lo trovo opportuno. Sia su carta, sia su digitale. Come fanno la maggior parte dei disegnatori che conosco, eh?

Mille ha detto...

Exalted è potentissimo, e va giocato sotto steroidi!
Strano però che non abbiate mai giocato a feng shui

Andrea Cavaletto ha detto...

Bello Exalted. Ci ho giocato anni fa quando era appena uscito e sono andato avanti per un bel po'. Molto più tamarro di D&D

Fabrizio Ricci ha detto...

Approvo moltissimo la prima parte del tuo discorso!!

Ad Exalted ci giocai anni fa, ma non mi è mai piaciuto molto, soprattutto il sistema di combattimento (forse lo avevamo capito poco, ma ogni combattimento era lentissimoooooooo)

Tyler ha detto...

Proverollo....
:)
Dal tono che usi Joe Mad potrebbe averci giocato prima di aver ideato i characters di Darksiders.
Tra l'altro l'artbook - mi han detto - è da ululato....