30.11.10

RRobe in the SKY with diamond.


A giudicare dal tono degli interventi degli altri blogger nell'ambito dell'iniziativa voluta da Sky e Liquida (QUI trovate tutto), pare che a recitare il ruolo dello scettico ci sia solo io e a me viene da chiedermi: ma se My Sky HD vi piace così tanto, perché non vi eravate abbonati fino ad adesso?
Comunque sia, perplessità promozionali a parte, continuiamo a esplorare le potenzialità (e i limiti) della piattaforma di Rupert Murdoch.

Dove eravamo rimasti?
Grossomodo, QUI.
A mezza via tra l'entusiasmo per la novità, la sorpresa per come, in effetti, l'esperienza di Sky si sia integrata nella mia giornata e le mie esigenze, diverse da quelle del pubblico medio di questo servizio.

Come qualcuno dei lettori del mio blog sapranno, nell'ultimo mese non sono mai stato a casa e questo ha portato a galla uno dei problemi principali che mi hanno sempre dissuaso dal sottoscrivere un abbonamento televisivo: mi irrita il dover pagare per qualcosa nel momento in cui non la posso fruire.
Ecco, questa lunga assenza da casa, mi ha permesso di capire come My Sky HD ha risolto questo impiccio con un sistema semplice, ben pensato e abbastanza flessibile (ma lo dico subito: ancora migliorabile).

Problema:
siete fuori casa e vi siete scordati di programmare il decoder per farvi registrare i vostri programmi preferiti?

Soluzione:
aprite il vostro portatile, accedete alla guida TV e fatelo online (QUI trovate tutte le istruzioni dettagliate). Oppure, ancora più semplice (ma solo se disponete di uno iPhone, un iPod Touch o un iPad), scaricatevi l'applicazione di Sky (gratuita), inserite il numero della vostra smartcard e, sempre attraverso la guida TV, programmate il vostro decoder a casa. Non disponete di un collegamento a internet o di uno smartphone? Un sms possono mandarlo tutti. Perché, si può fare anche così (QUI vi spiegano come funziona).


Con questi strumenti, al ritorno dal mio esilio forzato, mi sono ritrovato un bell'hard disk con la pancia satolla di episodi di Walking Dead, di Romanzo Criminale, di partite della Roma e via dicendo. Lo ammetto, è stata una cosa piuttosto appagante.
Quella proposta da Sky è una soluzione efficace, che si integra bene con la tecnologia che oggi abbiamo a disposizione (e non è ferma al medioevo come i servizi del digitale terrestre) e che tutela pienamente i consumatori.

Detto questo e ribadita la mia piena soddisfazione, c'è da dire che alune limitazioni e dei "colli di bottiglia" abbastanza inspiegabili (data la natura digitale di tutto il servizio) ci sono. Per esempio, non è possibile registrare più di più di 10 programmi al giorno (limite che però, a onor del vero, non mi ha creato problemi) e non si possono registrare più di due programmi contemporaneamente nella stessa fascia oraria (ma questo è un problema di My Sky HD tutto, di cui parleremo in futuro).

Comunque sia, aldilà di questi dettagli, un'altra mia perplessità è crollata alla luce di un servizio che, settimana dopo settimana, mi sta convincendo sempre di più (pur continuando a non ritenerlo il prodotto adatto a uno come me).