15.12.10

[Fantapolitica] Visto mai che invece ci è andata di culo?

Gli scrittori amano le teorie del complotto e le realtà alternative.
E io non faccio tanta differenza.

Premessa:
era giusto l'anno scorso quando "il pazzo solitario" Massimo Tartaglia, lanciò in faccia a Berlusconi una statuina del duomo. Facendogli un favore grosso come una casa. All'epoca, meno di oggi ma peggio che in tanti altri momenti, la posizione del presidente del consiglio era ballerina e la solidità del suo governo a rischio. Il suo volto tumefatto diventò il simbolo della "cultura dell'odio" che l'opposizione (hahahah!) stava portando avanti. Di Pietro divenne il cattivo del momento, l'alleanza di governo si strinse attorno al suo duce e il PD e gli altri partiti, dovettero adeguarsi al clima del "volemose bene" (c'è da dire che il PD non fece alcuno sforzo).
Nel corso dell'anno, quello che possiamo definire come "effetto Tartaglia" si è volatilizzato sotto i colpi di mignotte minorenni, cittadine da ricostruire non ricostruite, alleati non più tanto alleati, cumuli di monnezza, crisi economica, crolli archeologici, altre mignotte minorenni, e via dicendo.
Il governo vacilla di nuovo, Berlusconi è in crisi, la fiducia, nonostante pressioni e bustarelle, non è così certa.
E se manca la fiducia, manca tutto, no?


E a me viene in mente un'ipotesi fantasiosa: facciamo finta che il governo fosse stato sfiduciato.

Facciamo finta che le cose, nelle strade, a quel punto fossero degenerate molte peggio di quanto invece è stato. Ci sono le prove che nelle fila dei manifestanti ci fossero agenti provocatori infiltrati dalle forze dell'ordine, (guardate QUI e andate a 20 secondi dalla fine: "ragazzi, sono un collega"), non sembra difficile ipotizzare che, nella loro posizione, questi agenti avrebbero potuto alzare, e di parecchio, il livello dello scontro. Le foto le avete viste, i reportage li avete letti: le condizioni necessarie per una piccola guerra civile c'erano tutte.
Ecco, a quel punto, con Roma che si trasforma in una nuova Genova, sarebbe stato possibile sciogliere il governo e lasciare un vuoto di potere in un momento così delicato?
Sarebbe stato responsabile?
Non sarebbe stato forse il caso di adottare misure straordinarie? Chessò, rimandare il momento in cui Berlusconi avrebbe dovuto rimettere il suo incarico e sciogliere l'esecutivo a data da destinarsi?
Ma non è che ieri, quei tre voti serviti alla mancina, comprati o estorti, ci hanno salvato il culo da un colpo di stato "bianco"?

Ovviamente, è un gioco.
Si fa per ridere.