15.3.11

Sarò strano io...

Ho un blog discretamente popolare (oggi faccio il modesto), specie nell'ambito fumetto/cultura/intrattenimento.
Su questo blog mi occupo spesso di cinema e proprio in virtù di questo, mi capita di venire invitato alle varie anteprima stampa con una certa frequenza.
Invitato per il blog, non per il mio mestiere "vero".
Che, per inciso, è quello di sceneggiatore. Sceneggiatore, tra le altre cose, di Dylan Dog.

E io mi chiedo...
Ma come cazzo è che a te, anonimo ufficio stampa della Moviemax, non sia passato manco per l'anticamera del cervello di invitarmi a una delle proiezioni stampa del film di Dylan?
Voglio dire... sommare il concetto "blog popolare" con quello di "portato avanti da uno degli sceneggiatori del fumetto da cui il film è tratto" e capire che sarebbe stata una buona occasione per far parlare del film, non mi sembra un'operazione così difficile, no?
E, invece, pare di sì.

Però mi consolo: non è che ne hai fatto una questione personale. Come non hai invitato me, non lo hai fatto con nessun blogger di rilievo che si occupa di fumetti e con nessuna redazione di siti di news e critica fumettistica. A chiunque altro, sì. Ma ai fumettari, no.
Ma che è: hai paura?
Guarda che il film potrebbe non essere male.
Meriterebbe un trattamento migliore di quello che gli ha dedicato fino a questo momento.

Vabbè, poco male.
Lo scarico.