30.5.11

Speriamo che non imparino.


Sia chiaro, sono felicissimo dei risultati di Milano e Napoli e spero davvero che questo sia il primo passo di un grande cambiamento.
Però, vedere il PD che esulta di una vittoria ottenuta da altri e per il suicidio degli avversari, mi lascia perplesso. Ho come l'impressione che Bersani e compagni si stiano facendo belli con il cazzo di un altro, esultando di essere riusciti a pestare un masochista.
Per il momento, io spero che il PDL non impari nulla dai suoi tragici errori di comunicazione, e che Berlusconi, Bossi e la loro ciurma, continuino a fare quello che hanno fatto fino a questo momento. Perché qualsiasi avversario diverso da questa allegra combriccola di picchiatelli, per me è ancora fuori dalla portata del PD di Bersani.

34 commenti:

Davide ha detto...

il pd esulta per la vittoria di un idv e un sel... :-D simpatici....

francesco ha detto...

Non scordiamoci che stiamo parlando di un partito che è riuscito svariate volte a perdere le proprie primarie...

Comunque, almeno questi giorni di gioia me li voglio godere. Il massimo sarà sintonizzarmi fra un po' su Rete 4...

comativa ha detto...

concordo su tutto, il pd straperde poi se si mette ocn l'udc..un suicidio..

Punkers ha detto...

Cosa dovrebbe fare il PD, essere triste?
Per delle vittorie che, senza il PD, non ci sarebbero mai state?

RRobe ha detto...

Mah. A me pare che questa vittoria c'è solo perché loro hanno perso, non perché gli altri hanno vinto.

Adriano ha detto...

A me piace perchè poi voi ci credete che cambiando le facce cambiano le cose, no ma davvero.

RRobe ha detto...

Il pensare che siano tutti uguali è la forma di pensiero che il governo e la società di Mondo Berlusconi, ha cercato di instillare in tutti noi.

comativa ha detto...

e si chiama qualunquismo

Adriano ha detto...

http://youtu.be/_x7ERlewURQ#t=01m13s

iwannagohome ha detto...

che diamine, almeno oggi...
sono vittorie importanti anche a fronte di uno svecchiamento, non anagrafico, chiaramente, ma etico e morale.

e pensare a quanto stia rosicando d'alema, più che il nano... ecchecca z z o, non ho parole.

Enrico ha detto...

Ma dai Roberto, scusami, come fai a dire cose del genere?
Parli della classe dirigente degli ultimi vent'anni come di "una banda di picchiatelli", che è pure vero e sono pure peggio, ma sono quelli che gli italiani hanno sempre votato. Non sono avversari che si battono facilmente: sono lo specchio della peggiore Italia, quella che li sostiene e li fa sopravvivere.

In secondo luogo: le primarie il PD le fa apposta per individuare ed esaltare singole specificità di ogni luogo, cercando il candidato ideale. E finora hanno funzionato benissimo.
Il centrosinistra ha vinto perché si è mosso bene in questa campagna elettorale, e perché il centrodestra si è mosso male. FIne.
Poi oh, criticare il PD è sempre un bello sport, ma cazzo, almeno quando vince no. Quei voti, quelli della vittoria, sono della maggior parte di elettori PD, e non bisognerebbe dimenticarlo!
Oppure credi che SEL e l'IdV possano vincere le elezioni da soli?
Le coalizioni non si fanno a caso...

el mauro ha detto...

Bersani chi?

Conte Mascetti ha detto...

L'elettorato PD è stato determinante, i dirigenti PD, almeno i D'Alema, i Bersani, i Franceschini farebbero bene a stare a casa, che se vanno nelle piazze o in tv sono più i voti che fanno perdere, di quelli che fanno guadagnare. Se qualcuno glielo spiegherà, forse tra un anno ci leviamo dalle palle il Nano con la pompetta, i La Russa, la santanchè,etc..

Giorgio Salati ha detto...

Sono assolutamente d'accordo con Roberto e anzi, direi che per come la vedo io la vittoria di SEL e IdV dovrebbero essere l'inizio dello sfascio del PD per arrivare a una nuova sinistra più pulita e propositiva.

Come lo sfascio di Berlusconi sarà l'inizio di una nuova destra meno eclatante e più diabolica (Fini, Montezemolo, Casini).

Giulio GMDB© ha detto...

Oh, finalmente qualcuno che non esulta come se avessimo vinto al superenalotto...

Hellpesman ha detto...

@giulio GMDB: "come se avessimo vinto al superenalotto...", no abbiamo vinto qualcosa di molto più importante e serio, molto più di un semplice superenalotto!

Skull ha detto...

L'ha già detto Enrico, ma fa bene ribadirlo: hanno vinto gli ELETTORI del PD, che dopo le primarie ufficiali (Pisapia) o non ufficiali (il primo turno a Napoli) hanno votato il candidato del centro-sinistra.
E quindi ha vinto anche il PD, che quegli elettori comunque ce li ha e se li è tenuti stretti nonostante tutto.
Se non è da festeggiare questo, allora forse non si è capita l'importanza politica di questa vittoria.

AlessandroDiVirgilio ha detto...

Sono d'accordo con Roberto.
Gli elettori il PD se li tiene stretti?
Ma stiamo scherzando?
Non dico da quando c'era il PCI, ma dall'ultima volta di Veltroni, ha perso punti percentuali in modo vergognoso.
Per non parlare di come non ha pià elettorato in quella che una volta veniva chiamata "classe operaia".

No, queste elezioni sono la sconfitta dei berluscones e la riprova che gli italiani si sono rotti il cazzo di idioti saccenti come D'Alema.

Posto che, personalmente, considero Vendola e il SEL anche troppo conservatori.

Simona Cappiello ha detto...

ovviamente non è che cambia così, e il pd è fatto da morti viventi, che per altro ripropongono male i valori del pdl, e sicuramente l'amministrazione moratti aveva reso milano pessima, e quindi ha perso, ma a napoli, ad esempio, il risultato, su metà degli aventi voto che sono andati a votare, è interessante: i sostenitori di lettieri non hanno votato, pagare due voti costa troppo. non siamo tutti uguali, ha ragione rrobe, quello è il trucco

Manuel Colombo ha detto...

avete mai sentito parlare di coalizioni, di parti, di ballottaggio, di primarie, di partecipazione, di consigli di zona, di comitati elettorali, di discorsi nelle strade e sui metrò, di democrazia?
No, perché sembra che state commentando una partita a briscola tra bersani, berlusconi, la russa e franceschini

Gala ha detto...

Ma infatti hanno detto bene: il PD non avrà avuto i candidati vincenti di Milano e Napoli, ma ha mobilitato fedelmente i propri elettori in quelle città (al contrario della Lega, per dirne una) anche per DeMagistris, che non le ha mai mandate a dire per il PD.
Per tacere del fatto che, tranne 3 o 4, di tutti i comuni in cui ha vinto il centrosinistra il candidato è del PD.

AlessandroDiVirgilio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
AlessandroDiVirgilio ha detto...

@Manuel Colombo e tutti gli altri difensori del PD: quindi va tutto bene, giusto?
Che il PD perda sempre più elettori continuando ad inseguire un elettorato centrista è un bene per la democrazia, no?
OK.
Basta saperlo.

RRobe ha detto...

Sì, una grande vittoria del PD, certo, come no.
Che contro la Moratti, visto come ha gestito Milano, visto come l'ha "aiutata" Berlusconi e visto come si è comportato il suo ufficio stampa, sarebbe bastata una figurina Panini per batterla (e infatti, non è che ci siamo andati troppo lontani) e a Napoli ha vinto un signor alleato del PD che quasi morivano quando si sono visti capitare tra capo e collo De Magistris.
Ma fatemi il piacere.

AlessandroDiVirgilio ha detto...

Ragazzi, sul serio.
A Napoli il PD andrebbe commissariato, per tutte le schifezze che hanno fatto.
Bassolino i napoletani lo vivono come un grande tradimento.
E parlo da napoletano che plaudiva il suo primo mandato da sindaco.

Pisapia non è una figurina panini, ma senza le cazzate di Moratti-Lega-Berlusconi non ce l'avrebbe mai fatta.

Siamo seri, per cortesia.

Skull ha detto...

@ Ale di Virgilio: il PD avrà anche perso elettori negli ultimi anni, ma non è che siano andati molto distanti; e la vittoria di Pisapia e De Magistris è un messaggio politico molto chiaro: "cari maggiorenti del PD: questa è la strada maestra; allontanatevene a vostro rischio e pericolo, che la pazienza è finita".

@ Rrobe: guarda che non esistono solo Milano e Napoli, eh? Il PD ha fatto cappotto quasi ovunque, e dove non ha vinto coi suoi è stato determinante coi voti: se non è una vittoria questa allora non vi ricordate più cosa vuol dire vincere (troppo nano?).

RRobe ha detto...

Per Skull: ripeto, troppo facile farsi belli con il cazzo di altri.

AlessandroDiVirgilio ha detto...

bella sta frase del "cazzo".
E' l'equivalente etero di "fare i froci coi culi degli altri", giusto? :D

@Skull: hai detto bene. Il voto di Milano e Napoli è stato un segnale per i quadri del PD, ma dubito che l'abbiano capito. Tutto qui.

Locomotiva ha detto...

Segnalo una riflessione de Il Bisonte Insaponato: Pisapia sa parlare alle persone.
Il comunista che avrebbe conquistato tutti ("vedete che i comunisti sono solo nella testa della destra?").
Pisapia parla con le persone, a differenza di molti a Sinistra, e soprattutto Vendola e Bersani.

Ho paura anch'io che questo Piddi, questa dirigenza piddi, si sieda sugli allori convinti che va tutto bene così com'è, ormai è tutta discesa fino alle prossime elezioni che vorremmo fossero domani, ma forse tra tre anni, boh, mah, dipende.
Siamo un po' impegnati a litigare sulle poltrone della Giunta a Torino per occuparcene...

Gala ha detto...

Chiariamoci:
A Napoli il PD ha fallito. Bassolino mi fa ribrezzo. Le primarie sono state cannate. Ecc ecc. Rimane il fatto che, una volta che De Magistris è andato al ballottaggio, tutti i volontari PD (che con Bassolino c'entrano molto poco) hanno fatto campagna elettorale per De Magistris senza fiatare e senza che lui facesse sconti al PD locale. E difatti il numero di voti dimostra che gli elettori del PD che NON avevano votato DeMagistris hanno votato in massa per lui. Cosa che, senza il contributo dei suddetti volontari non sarebbe necessariamente successo (ripeto: gurdate la lega che non ha mobilitato i suoi manco per il cazzo).Poi, a Torino il PD ha stravinto (con Fassino, niente meno), a Bologna ha vinto al primo turno (con il casino che era successo è un mezzo miracolo) e il PD è anche quello che ha promosso le primarie di Milano e Torino.
poi, le cause della vittoria sono tante, anzi di più. Ma senza il PD (e i suoi elettori, ovvio) non penso si sarebbe vinto tanto.
Detto questo, si, cè ancora da lavorare e neanche poco. Cosa che Bersani continua a ripetere SEMPRE.

Gala ha detto...

E aggiungo un editoriale del Post che dice cose simili alle mie con alcune varianti:
http://www.ilpost.it/2011/05/31/bersani-vince/

Ripeto: non va tutto bene madama la marchesa. Ma se il PD non può esultare ora non lo può fare mai.
Sarebbe come se il "mediano" di Ligabuiana memoria non potesse esultare per aver fatto segnale l'attaccante, che mica l'ha fatto lui il gol.

RooB. ha detto...

Da Napoletano posso solo dirvi che la stragrande maggioranza della forza di De Magistris è nella discontinuità di metodi, linguaggi e modi di fare. Niente manifesti, poca o nessuna retorica classica, aggressività e dialogo diretto hanno fatto sentire ai Napoletani qualcosa di vero e non oramai tiepidino e un po' viscido come le strette di mani di buona parte dei mestieranti politici. De Magistris ha avuto una campagna elettorale supplementare dai ragazzi che entusiasti, dopo aver parlato con lui (disponibilissimo) hanno deciso di accompagnarlo e difenderlo nelle sue camminate ed incontri, nonchè supportarlo su di un sito che aggiornato di continuo faceva sempre sapere dove trovarlo. De Magistris ha vinto per l'entusiasmo crescente che ha saputo ispirare ai suoi elettori, facendo anche sciogliere disillusi e disfattisti che oramai si sprecano a Napoli.
Il Pd da prima l'ha addirittura avversato con parole pesanti, poi (dopo la sconfitta)l'ha appoggiato incondizionatamente perchè "decisamente meglio lui che il pdl", con solo una parte di Sel che l'ha realmente appoggiato.
De Magistris ha trovato dialogo anche presso il candidato centrista Pasquino e molti candidati FLI che addirittura al primo turno l'hanno votato in maniera disgiunta, per loro stessa ammissione.
Dulcis in fundo, le aree con maggior astensionismo sono state quelle considerati feudi del PD...fate vobis.

P.s. Poi ci sono stati una serie di suicidi politici tra Lettieri e soprattutto Berlusconi che hanno facilitato non poco la situazione.

Eddie ha detto...

Il vento è cambiato!

batmancarlo ha detto...

robè credo che la realtà sia quello che è no quello che sembra; esiste una differenza tra elettori pd e pdl lega etc. sono convinto invece che proprio l'opportunismo tipicamente italiano sia la causa di queso risultato.
nando