19.8.11

Solo gli stupidi non cambiano mai idea.

Un paio di giorni fa, parlando di QUESTO, avevo trovato che la cosa fosse un esercizio di satira (e di critica) piuttosto azzeccata, per quanto mi sembrasse pure logico che quelli che ne venivano colpiti si piccassero (anche se le reazioni mi erano parse eccessive).
Oggi, alla luce di QUESTO, correggo la mia impressione e classifico il tutto come una riuscita, per quanto cinica, operazione di marketing.
Che non è necessariamente una cosa brutta e cattiva, sia chiaro, ma che mette in altra luce tutta la faccenda precedente.
Insomma, l'impressione è che quelli che hanno detto che si andava in cerca di clic, forse non avessero poi tutti i torti.
Peccato.