23.10.11

[SUNDAY ARTS] Il Malloppo

Storiellina vecchia fa buon brodo.
Forse.

Questa esce direttamente dal mio archivio del vecchiume.
E' la prima storia autoconclusiva che ho venduto all'Eura (i famosi Liberi).
All'epoca ero ancora in fissa persa per Munoz.
Dieci anni esatti
Ricordo di averla disegnata interamente su tavolo della sala da pranzo di Luca Bertelè, a Milano, in tre giorni, mentre Mauro Muroni mi catechizzava su quanto fosse sbagliato lavorare per certe cifre e a certe condizioni. Forse aveva ragione lui. Forse no. 
Molto dipende su cosa si è deciso di investire.
E poi, in fondo... oh, m'è andata bene.

Tornando alla storia...
C'è poco che salverei davvero nel disegno puro, ma la composizione delle tavole e un paio di inquadrature, mi piacciono ancora molto.
I dialoghi oggi li trovo stucchevoli perché li scrivono tutti così, all'epoca erano abbastanza freschi.
Enjoy.





CLICCATE QUI PER LEGGERE IL RESTO DELLA STORIA.





8 commenti:

omo os caras do slimpikinot ha detto...

ah stavi ancora scrivendo il brano :D
Cliccavo su "Cliccate qui per leggere il resto della storia" e c'erano gia' tutte.
Molto belle.
Le ho viste prima di leggere il testo e pensavo fossero di qualche sudamericano vero.
La composizione è davvero molto professionale e ispirata.

Muroni sta facendo qualcosa che pubblicheranno? Insegna soltanto?

comativa ha detto...

niente male

Avion ha detto...

rofl, è bellissima

dedalus ha detto...

IMHO, molto meglio delle storie colorate più recenti che ho visto qui.

Quelle sono carine e mi piace molto l'uso del colore, ma questo segno mi piace molto di più. Concordo che la composizione è molto efficace.

la scuola di breccia-munoz mi sembra abbia ancora parecchio da dire!

Tyler ha detto...

Dialoghi stucchevoli, maddeche?
Ce ne fossero!
Sarà che sono affezionato a quel tipo di atmosfere ...

Roberto Isoni ha detto...

Per un attimo, mi sarei aspettato di leggere anche un riferimento a Poncharello di CHIPS.

mordilloz ha detto...

Pur'io!!!

Mirko ha detto...

tu dici "vecchiume", invece è attuale e a tratti avanguardista. Tratto latino anche secondo me.