25.11.11

John Carter. Foto inedite, sensi di colpa e una scimmia sulla schiena...


Non credo di aver mai parlato, qui sul blog, della mia passione per l'opera di Edgar Rice Burroghs (il creatore, tra le altre cose, di Tarzan e John Carter di Marte). Per farla breve, diciamo che adoro le sue visioni e i suoi personaggi e che il suo stile di scrittura (in particolare per quello che riguarda la gestione degli stacchi) è stato uno dei mattoni su cui ho costruito il mio, di stile.

Non sono nemmeno certo di aver mai espresso un numero sufficiente di lodi al regista, due volte premio Oscar, Andrew Stanton, che è l'artefice dei miei film Pixar preferiti di ogni tempo: Finding Nemo e Wall-E.

Per riparare a questi due torti, ho deciso di cominciare ad esaltarmi sin da adesso per John Carter, prima prova live action di Stanton, basata sul ciclo fantastico scritto da Burroghs.

Qui trovate una serie di nuove immagini del film:







Questo, invece, è il poster-teaser:

E questo il trailer:


Non vedo l'ora di vederlo.

7 commenti:

p!o ha detto...

Taylor Kitsch è lanciatissimo.

La cosa curiosa è che gli stanno offrendo ruoli (x-men, john carter) diametralmente opposti a quello che aveva nel telefilm che l'ha lanciato, Friday Night Lights, dove era veramente molto bravo (per inciso, uno dei migliori telefilm di sempre, sportivi e non).

Deckard ha detto...

...e quanto bella è la cover di Peter Gabriel nel trailer? :Q___

Marco D ha detto...

Edgar Rice Burroughs è uno di quei pioneri (Conan Doyle, Hammett, Edgar Wallace) dell'immaginario contemporaneo che hanno determinato il salto di qualità della serialità, da semplice artificio editoriale, a fabbrica di storie, vere e proprie, con tecniche narrative e strategie espressive autonome.

Design270 ha detto...

speremmu

Gianluca Maconi ha detto...

A chi lo dici, fan da sempre, e mi piacerebbe fare un fumetto con quell'ambientazione ormai classicissima...

Marco Rizzo ha detto...

il film m'ispira assai.
Certo è vergognoso che in Italia non esista un'edizione sempre disponibile del Ciclo di Marte... (che io sappia almeno)

Andrea V. ha detto...

John Carter of Persia. Meh.