25.11.11

John Doe 14: contenuti speciali


In termini di soggetto e sceneggiatura, quest'albo è la mia maniera di riprendere un discorso che mi è sempre stato a cuore, quello sul genere action, a cui ho dedicato anche la miniserie David Murphy: 911 della Panini Comics.
Nella storia ci sono una manciata di inside jokes, alcuni a tema, altri no.

- La scena in cui John ordina un gelato a David è un omaggio a una sequenza analoga di un film di Bud Spencer e Terence Hill.

- L'apparizione di Tempo sulla Porshe è molto simile a quella di Wendy, su Sin City.

- La macchina piena di scagnozzi è un rimando a quella vista in Jack Slater IV e lo stesso vale per il cattivone ucciso con un cono gelato (anche se nella nostra versione il cono è decisamente più grosso).

- La battuta di David a proposito del suo furgone è la stessa che pronuncia Han Solo a proposito del suo gioiello, il Millenium Falcon.

- David non capisce le battute referenziali di John perché David è l'eroe d'azione senza alcuna consapevolezza del suo ruolo, privo quindi, di ogni traccia di ironia post-moderna, al contrario di John.

- Lo scambio di battute tra John e David nel furgone, pur non essendo una citazione, fa il verso a una scena simile tra Bruce Willis e Damon Wayans in The Last Boyscout.

- Il dialogo sul cibo, al diner, è una metafora sul fumetto e su quello che "nutre" John Doe.

- I ninja sono un classico del cinema d'azione di serie B degli anni '80.

- Fuori dal diner c'è, anche, l'ED 209.

- L'ultima sequenza è ambientata su di una nave da trasporto, proprio come Arma Letale 2 e la nave porta il nome di Silver e Donner, il produttore e il regista della serie (e di un mucchio di altra roba).

- La scena della tortura dell'eroe è un tòpos narrativo presente in praticamente tutti i film scritti da quello che è il mio sceneggiatore cinematografico preferito: Shane Black.

- Il dialogo in cui John annuncia gli avvenimenti che porteranno alla liberazione sua e di David è simile a quello con cui l'ex-governatore della California fa lo stesso, in True Lies.

- Sempre da True Lies viene il nome che Guerra utilizza in questa storia.

- David si rimette in piedi con il classico colpo di reni che ha reso famoso Dwayne "The Rock" Johnson.

- La scena dello scambio di pugni viene dritta, dritta da Rocky Joe.

- La lastra delle ossa che si rompono, invece, dall'ultimo videogioco della serie Mortal Kombat (ma, se vogliamo, anche da Romeo Must Die).

- Tutta la storia è scritta all'insegna del concetto more than meets the eyes. Superficialmemente è una storia d'azione pura e semplice. Guardandola meglio, è un passo importante nell'evoluzione di John, in questa fase in cui vaga attraverso i generi alla ricerca di sé stesso. E, infine, è una mia riflessione sugli eroi classici, contrapposti a quelli disincantati e moderni. Di tutta questa roba potete fregarvene altamente: se vi diverte, va bene.

Per quello che riguarda me, questo è più o meno tutto quello che ho da dire sulla storia.
Qualcosa potrebbe aggiungerlo Silvia, se ne ha voglia.
Il resto, se c'è, trovatelo voi.