8.11.11

Leomacs in edicola!



Sono parecchi anni che io e Leomacs non lavoriamo insieme ma questo non cambia il fatto che io senta la mia carriera strettamente legata alla sua. Sarà che eravamo seduti fianco a fianco nei banchi di una scuola di fumetto, sarà che è stato il primo disegnatore a illustrare le mie storie, sarà che siamo stati pubblicati insieme la prima volta e che, per molto tempo, a mia fortuna era la sua e viceversa.
Sarà che, semplicemente, gli voglio bene.
Comunque sia, oggi che in edicola arriva il suo Tex (il frutto di quasi tre anni di lavoro per lui), celebro la cosa pubblicando una delle molte storielline che abbiamo realizzato molti anni fa e che, per vari motivi, ha una particolare importanza per me (se leggete John Doe non vi dovrebbe essere difficile capire il perché).
Oltretutto, è una storia in cui il tratto di Leomacs era particolarmente felice.
Quindi, il mio consiglio è: leggete questa robina e poi fiondatevi in edicola a comprare Tex 613 che, vi assicuro, è una delle cose più belle che vi capiterà di vedere quest'anno.



 CONTINUA DOPO IL SALTO.










Piccola curiosità divertente: il riferimento all'inferno nella decima tavola è frutto di un intervento redazionale non concordato. In originale si parlava di Dio. All'epoca, l'Eura non era troppo a suo agio con certe tematiche. Le cose cambiano.