8.2.12

Star Wars: Episodio I - la Minaccia Fantasma- la recensione


Tredici anni.
Tanto è passato da quella sera a Ostia, quando sono andato a vedere il film che, fino a quel momento, avevo aspettato di più nella mia vita.
Il multiplex in cui Episodio I era proiettato, veniva inaugurato quel giorno e la struttura non era ancora completa. Il parcheggio era pieno di fango e la mia automobile dell'epoca, una Twingo di un color senape tragedia, si era impantanata in malo modo.
E questa è l'unica cosa che ricordo con chiarezza di quella serata.
Il resto è una nube confusa di sensazioni contrastanti.
Il logo della Lucas Art che appare sullo schermo.
La musica di John Williams che esplode dagli altoparlanti.
Gli applausi e le grida.
Parole in fuga nello spazio profondo che parlano di federazioni di mercanti, rotte commerciali, intrighi politici.
I Jedi.
E poi...


Jar Jar Binks.

Alla fine del film, ricordo di non aver capito se mi era piaciuto o meno. 
E non l'ho capito neanche il giorno dopo, quando sono andato a rivederlo.
Solo alcuni mesi più tardi, parlando con un amico, mi sono sorpreso a dire: "Episodio I, a Lucas, non gli è uscito benissimo" e, per punirmi di tale mancanza di fede, mi sono inflitto la visione forzata dei due film degli Ewok.
Nel tempo mi sono però accorto che La Minaccia Fantasma era l'episodio dell'intera saga che riguardavo con meno frequenza, meno piacere e meno interesse, e ho dovuto fare i conti con questa cosa: non mi era piaciuto.
Accettata questa realtà, sono passato dall'atteggiamento acritico dell'innamorato, all'odio viscerale dell'amante tradito. 
Insomma, una visione serena del primo capitolo dell'opera di Lucas mi è stata, per lungo tempo, impossibile.

E' per questo che ho accolto con piacere la possibilità di rivederlo in sala, arricchito (?) dal 3D, sperando che con l'occasione avrei potuto esercitare un atteggiamento più distaccato e sereno.
E così è stato.


Salve, mi chiamo Roberto Recchioni e ho rivisto al cinema Star Wars: episodio I -la Minaccia Fantasma-

Che dire?
Che è meno peggio di quanto me lo ricordavo.
Sia chiaro, ha tutti i difetti detti e stradetti, ma ha pure qualche pregio a cui non avevo dato il giusto peso.

Per esempio, che non è un film stupido.
Noioso? Assolutamente. Ma stupido no.
Perché tutte quelle noiosissime scene sulle manovre politiche di Palpatine erano del tutto evitabili se Lucas non avesse avuto la precisa volontà di dare credibilità all'ascesa al potere dell'imperatore.
E anche tutta quella roba infame dei Midi-chlorian, cos'altro è se non un tentativo (goffo) da parte del Lucas maturo, di dare una visione laica e realistica di quel "campo di forza mistica che ci compenetra", ideato dal Lucas adolescente?
Insomma, le intenzioni erano oneste.
Messe in scena male e forse non così valide, ma oneste, quello sì.

Per il resto, quello di buono che c'è nel film è quello che di buono c'era anche tredici anni fa.

- Lo straordinario livello degli effetti digitali, ancora in grado di dare la paga alla maggior parte delle produzioni attuali (almeno per quello che riguarda la visione su grande schermo, il discorso cambia parecchio nell'alta definizione del Blu-ray).

- Tanto design di altissimo livello.

- Uno dei miglior pezzi mai composti da John Williams nella sua carriera (QUESTO, per la cronaca).

- La potenza di alcune visioni immaginifiche.


Quindi, vale la pena andare a rivederlo in sala?
Dipende.

- Sì, se non lo avete mai visto o lo avete visto solo su uno schermo televisivo perché rimane un grande spettacolo che si esprime al suo meglio su grande schermo, oltre che un pezzo di storia del cinema per le tecniche visive impiegate.

- Sì, se lo avete visto e volete provare a darli una seconda chance (o, semplicemente, se vi è piaciuto e vi va di rivederlo al suo meglio).

- No se invece lo avete visto e siete solamente curiosi della sua resa in 3D, visto che la conversione è assolutamente blanda e pare più dettata dall'opportunità commerciale del poter rimandare tutta la saga di Star Wars nelle sale che per altro.

E con questo, credo di aver detto tutto.
Che la Forza sia con voi, sempre.






26 commenti:

Avion ha detto...

Jar Jar Binks non si riesce a spiegarselo. Forse Lucas ha scritto la sceneggiatura mentre era strafatto e ha pensato ci volesse la spalla ridicola come contraltare alla serietà di tutti gli altri. Per fortuna in seguito l'ha tenuto molto in disparte, e ciononostante è riuscito a renderlo un personaggio cruciale in episodio 3.

Lorenzo ha detto...

Non lo so... per me resta il fatto che, almeno a livello di sceneggiatura, mi pare un orrore in diversi punti (e immagino tu includessi questo fra "i difetti detti e stradetti").

Forse sbaglio o esagero io, ma non riesco a vedere molta positività in questo film (forse accecato, appunto, da tutto il resto).

Seguirò il consiglio, quindi, e andrò a rivederlo per dargli un'altra (ultima) possibilità.

Paolo Sonego ha detto...

Quando sento parlare di questo film mi torna SEMPRE in mente il finale di Fanboys:

"E se il film facesse schifo?"

Tommaso ha detto...

Solo 13 anni? Avrei detto molti di più. Così a naso l'avrei datato almeno a metà anni 90. Con tutto che sono un fissato di cinema e date.

Mi riconosco molto nella tua esperienza di allora. Tranne che nell'entusiasmo iniziale. Banalmente un paio di recensori fidati mi avevano già messo in guardia sul fatto che era un film nato vecchio e male.
Però certo, un film stordente per la nostra generazione. E infatti anch'io uscì dalla visione stordito e confuso ("Mini-glorian che?... machecazz...?"). E per un bel po' non seppi dare un giudizio. Tra l'altro pur avendolo visto due o tre volte (sì, come l'uomo fumetto dei Simpsons) questo film ha la cosa strana che non ricordo mai cosa succede. Ricordo la prima incantevole mezz'ora alla Moebius/Méliès (che mi aveva fatto sperare), ricordo il triello tra i tre jedi... ma il resto è nebuloso, sfocato, insignificante. Che forse è peggio che brutto.
Col tempo ho preso a detestarlo cordialmente.
E gli altri due film non hanno certo migliorato la situazione... non che fossero peggio, anzi, ma sempre drammaticamente inadeguati a quel che raccontavano.

Tommaso ha detto...

Ah, dai commenti al video del link scopro che John Willams compie 80 anni.

Beh, auguri Maestro... ho passato l'infanzia ad imitare con la bocca il suono delle sue orchestre quando giocavo.

Massimo Giacon ha detto...

e la corsa con gli Sgusci? Sembrava il miglior WipeOut di sempre... Forse la mia cosa preferita (a dir la verità forse anche l'unica), di questo episodio.

TSUNAMI ha detto...

Nuooooo...
La Twingo senape...
Me la ricordo quella serata!
Mi ricordo anche quella tragica del Titanic, quando si è allagato il cinema.
W Jar Jar B!!!
XD

Gaunt Noir ha detto...

13 anni.. pazzesco, ma questo significa che erano passati 12 da quando l'hanno scorso passai la trilogia da vhs a dvd, comprai anche la nuova trilogia e riprovai a riguardarla. E niente da fare, parlando unicamente della storia, non solo rimane giocattolosa e stupida, da Jar Jar al giovane Anakin, ma il montaggio inoltre nelle scene più movimentate mischia trame di palazzo, spara spara e la inutile guerra dei robottini.

Tanto che non è MAI riuscita a catturarmi emotivamente in qualcosa, mai, salvo Darth Maul per la curiosità dettata dal personaggio nonostante la fine ridicola. E mi fa incazzare riuscire a dire queste cose su un film di Star Wars. Maledetto clone malvagio di Lucas.

Gaunt Noir ha detto...

manca un pezzo

*ma il montaggio inoltre nelle scene più movimentate mischia trame di palazzo, spara spara e la inutile guerra dei robottini in una maniera totalmente confusionaria, altalenando tempi morti a tempi veloci. Una tortura.

Fabio D'Auria ha detto...

Io ricordo che rimasi visivamente estasiato, certo, Jar Jar è il facepalm che non sai come giustificare quando ne si parla a cena, ma l'epica io ce l'ho trovata (o forse era solo l'emozione di essere al cinema a vedere star wars).

Ah, mia moglie l'ho conosciuta che su un forum (no di cinema) di amici comuni scriveva come fosse lei Jar jar.

(comunque quando appare nel secondo film ha l'aria di quello che è stato menato dai fans prima delle riprese)

saldaPress ha detto...

Io sono solo curioso di sapere quanto incasserà: ho eletto questo dato a termometro della situazione in cui siamo impantanati.

hanoi_xan ha detto...

ah, sarei andato solo per il 3d (che tra l'altro sarebbe il primo film in 3d che andrei a vedere...) ma se dici che la conversione non merita, passo...

Pietro Schioppetto ha detto...

Se i minuti dedicati a Jar Jar Binks fossero stati usati per presentare meglio Darth Maul sarebbe stato un capolavoro...scherzi a parte io amo molto "LA Minaccia fantasma" e l'ho rivisto volentieri diverse volte, per contro non sono riuscito in nessun modo a farmi piacere "L'attacco dei Cloni" insostenibile eccetto che per il pianeta kamino e l'ultima parte dall'Arena in poi.

ottokin ha detto...

ma io quella sera ERO LI CON TE!!!
Me la ricordoooo!
Fa curriculum?

Macphisto ha detto...

Il problema che ha questo film è proprio nell'eccesso di spiegazioni, tra l'altro date a livello dizionario. Spiegare come e cos'è la Forza non serve a nulla, specie dopo che per 3 film nessuno se l'è chiesto. Idem tutte le trame di palazzo, lo abbiamo capito dopo 5 minuti che Palpatine sarebbe stato il futuro imperatore. Troppo spiegazioni tolgono spessore a tutta la mitologia cresciuta nei capitoli precedenti.

E comunque avrebbe potuto trovare dei modi più eleganti per farlo, flashback su fantomatici primi cavalieri e maestri Jedi, sulla loro consapevolezza nello scoprire che ci sono due Forze in equilibrio, e tante altre cosucce.

C'è riuscito bene nell'introdurre i due droidi, facendoli crescere ad ogni episodio.

Un altro appunto che un po' fa storcere il naso sulla nuova trilogia è stato anche l'aver perso quel senso di retrò che aveva la vecchia saga, per quanto ci sia stato un grande studio sul design di ogni singolo aspetto rimane sempre l'idea che sia molto più moderno rispetto agli altri. Un esempio su tutti R2-D2 che vola con i razzetti... non lo ha mai fatto per i 3 film (che sono cronologicamente posteriori a questi) e ora ha questo upgrade?

Ecco diciamo che se uno non avesse visto la trilogia classica sarebbero tre gran bei film ;)

Deimos ha detto...

"visto che la conversione è assolutamente blanda"

Ed eccoci qui al tasto dolente.
Io che volevo andare a vederlo solamente per la stereoscopia (dai che chiamarla 3D è poco tecnico). Mi risparmio i soldi - peccato perchè da Lucas mi aspettavo un lavoro discreto e non un mero lucrarci sopra (cosa che comunque fa ogni anno con le varie tecnologie che escono sul mercato).

Dunque preferisco rivederlo comodamente a casa in versione Blue-Ray che non cambia nulla ma tanto nel mio nuovo 50" sembra tutto più bello eh eh eh!!!

ps: oggi è uscito fuori il nuovo trailer di The Bourne Legacy a chi possa interessare.

Massimo ha detto...

La minaccia fantasma l'ho visto qualche volta, ma non sono mai riuscito ad amarlo neanch'io. Mi spiace perchè lo capisci, lo VEDI che occasione sprecata è stata: molte scene sono splendide (la gara degli sgusci, il triello) ma annegate in mezzo ad un piattume insostenibile.
L'unica cosa bella bella bella, che avrebbero dovuto farci tutto il film sopra, è Qui-Gon Jin. Forse il mio personaggio preferito di tutta l'esalogia.

Viviana Boccionero ha detto...

Io vado matta per Natalie Bowman:

"E se voi faceste schifo?"

DAVID MESSINA ha detto...

...che amarezza, e mi ci riconosco molto nel tuo pezzo! Io l'ho dovuto rivedere 4 volte prima di cedere e confessare che era un film brutto, non all'altezza della trilogia con la quale ero cresciuto! Unica cosa che mi aveva emozionato tantissimo per l'aspetto estetico del cattivo (Darth Maul), per la colonna sonora e per la coreografia è stato il duello tra i tre. Per il resto solo una grande amarezza...

Tyler ha detto...

A suo tempo trovai il film abbastanza osceno.
Anche qualcosa di più.
Volevo strapparmi gli occhi.
Ho proferito oscenità in una quindicina di lingue.
Di cui tre note solo all'arabo pazzo Abdul al-Azhared.
Vale lo stesso discorso fatto per gli watchmen, solo che Lucas è più simpatico di Moore.
Opportunità economica?
Ovviamente sì.
Opportunità etica?
Con beneficio di inventario. E visti i risultati: no.
In particolare non perdonai/perdono a Lucas di aver svuotato i Jedi del loro austero misticismo, rendendoli troppo simili ai supereroi. E tacciamo sui midi-cosi ...

Spoiler:
Il tizio di fanboys probabilmente è morto PERCHE' ha visto il film, non perchè fosse malato.

Ciao Lorenzo!

Macphisto ha detto...

Be' Watchmen aveva il suo perchè, pur cambiando il finale è una trasposizione decisamente aderente al fumetto, con qualche aggiornamento di design ma che alla fine funziona.

Cymon ha detto...

Il più bel combattimento di spade laser su sei film. (e si, Duel of Fate è bella proprio)

Intorno, tutto quello che un uomo senza idee poteva sbagliare per mancanza di coraggio.

Marco ha detto...

>Be' Watchmen aveva il suo perchè, >pur cambiando il finale è una >trasposizione decisamente aderente >al fumetto, con qualche >aggiornamento di design ma che alla >fine funziona.

Dipende da che punto di vista. Forse il finale è l'unica parte che funziona, perché si lega a una trama sviluppata per il film e priva di alcuni elementi chiave del fumetto nel modo più breve e logico possibile. Sul resto personalmente stendo un velo pietoso e non voglio parlare di gusti cinematografici perché la mia testa si riempie di teste spaccate come cocomeri, interminabili ralenty, scene d'amore tamarre e quant'altro... preferisco liquidare in anticipo dicendo de gustibus, sarò io il palato poco fine.

Marco ha detto...

Episodio I l'ho sempre visto come un film per bambini fatto per vendere le licenze alla Lego e playmobillate varie. C'è il protagonista bambino, i genitori-tutori supereroi, le comparse comiche e tanti pupazzetti.

Il che è la stessa cosa che si può dire dei film anni Ottanta. Senonché il cocktail fantasy-mitologico di Lucas a quei tempi era meno fissato nell'immaginario e fu una sorpresona.
Anche gli spettatori erano diversi.
Oggi prevale un certo distacco, un certo disincanto postmoderno in tutto quel che vediamo, sia d'intrattenimento che non.
Oggi dialoghi come quelli della trilogia precedente verrebbero impietosamente derisi, messa in scena compresa. All'epoca ci si lasciava trasportare.
Pensate a un'altro film anni Ottanta, Labyrinth. Praticamente David Bowie che ballava in mezzo ai pupazzi di Henson. Eppure all'epoca terrorizzava e ammaliava.
Questo perché c'era meno distanza, meno filtri tra quello che sceglievi di sognare e la tua parte criticona-raziocinante.

Forse uno come Jar Jar Binks se fosse apparso prima nella sacra trilogia oggi sarebbe tra i personaggi santificati.

Fabio D'Auria ha detto...

carbonite

Minkia Mouse ha detto...

D'accordo con te. Me lo ricordavo più brutto, e tutte le lungaggini del film servono a spiegare le vicende successive (anche l'attaccamento di Anakin verso la madre è fondamentale, alla fin della fiera...)

Il 3d invece, pessimo. Dove l'ho visto io, era tanto buio da non goderti le sequenze già da se buie, come quelle marine. Poi gli occhialini erano pure parecchio sporchi.

E jar jar non era così pessimo, dai: è più fastidioso C3PO nel Ritorno dello Jedi