29.4.12

Napoli Comicon: giorno uno


Un gran sospiro di sollievo.
È stato quello che ho tirato questa mattina, entrando al salone di Napoli Comicon, quest'anno ospitato interamente alla Fiera d'Oltremare (dopo alcune edizioni in cui si divideva tra questa struttura e Castel Sant'Elmo), scoprendo che non solo la fiera non ha perso tutto quello che l'ha resa speciale ma che ha pure trovato un taglio nuovo, in grado di unire la sua tradizione di fiera con un occhio di riguardo per il contesto culturale e artistico del nostro settore, con una nuova attitudine commerciale.

Lo spazio a disposizione è stato ampliato enormemente (credo che, adesso, sia secondo solo a quello di Lucca), e completamente ripensato, in funzione di un percorso che porta il visitatore ad attraversare l'intera manifestazione da cima a fondo.
Insomma, non un "grosso stanzone" alla Romics ma, nemmeno, un dedalo privo di raziocinio come Lucca Comics & Games.
Avete presente l'Ikea?
Ecco, grossomodo la nuova Comicon è pensata alla stessa maniera.
All'entrata, le mostre (ben presentate, come da tradizione per il salone), poi alcuni commercianti che fanno da apripista per una seconda zona dedicata alle mostre e poi il corpo centrale, occupato dagli editori. Alternando corridoi a spazi più ampi, si arriva a una seconda area dedicata ai commercianti (più vasta della precedente) e all'area giochi e videogiochi, ospitata (questa sì) in un grandissimo stanzone.
A correre lungo tutto lo spazio espositivo coperto, il grande (davvero grande) spazio all'aperto, con giardini e fontane (che è diventato subito il regno dei cosplayer). Il parco editori è ricco, gli editori più piccoli o indipendenti, convivono accanto ai grandi, senza venirne sciacciati. A completare il tutto, la sala multimediale, una seconda sala per le proiezioni, l'area stampa e l'area professionisti (con ampio giardino). E poi gli ospiti e gli eventi (tanti e vari, come sempre).
Il tutto al servizio del mercato ma pure del lato culturale.
La fiera italiana dedicata al fumetto perfetta?
Quasi.
Le "rifiniture" sono da aggiustare e qualche automatismo da rivedere (oggi, per esempio, le biglietterie hanno avuto seri problemi) ma roba di poco conto che potrà essere messa a posto nella prossima edizione. Per me, questa nuova Napoli Comicon è la migliore fiera dedicata ai fumetti di sempre.

Piccola notizia, nella prima giornata di apertura (tradizionalmente la più fiacca di ogni manifestazione), questa Comicon ha già battuto il record giornaliero di biglietti staccati per quello che riguarda le affluenze. In poche parole, si sono venduti più biglietti oggi che, per esempio, nel giorno clou dell'anno scorso. Un bel risultato.
E fuori dalla Mostra D'Oltremare c'erano i bagarini che vendevano i biglietti per entrare. Una roba mai vista prima.

Fumetti consigliati del giorno:

Moby Dick
di Bill Sienkiewicz
Edito da Nicola Pesce Editore
Una delle vette artistiche di un genio.
Difficilmente reperibile nelle sue due edizione americane, stampato finalmente in Italia per la prima volta.
Se non lo comprate, non avete gli occhi (nel qual caso, sono molto dispiaciuto per voi e se volete vengo a casa vostra e ve lo racconto).

Nerd Uniti!
Di Michele Monteleone, Roberto Cirincione (sceneggiatura), Carlo Alberto Fiaschi (disegni), Gabriele Dell'Otto e Werther Dell'Edera (copertina).
Edito dalla Villain Comics.

Il fatto che sia scritto e disegnato da amici, dovrebbe crearmi qualche imbarazzo a consigliarvelo.
Come pure che mia sia stata la supervisione ai testi.
Però la verità è che questo albo mi ha divertito davvero e che amo lo spirito di indpendenza che anima i ragazzi della Villain Comics (di loro, ne riparleremo). E' un albo di esordiente ben curato, lo spunto è interessante, i disegni buoni, e i dialoghi fanno ridere.
Quanto alla mia supervisione testi, non ci ho quasi messo mano, giuro!
Pigliatevelo, fate i bravi.

3 commenti:

carlpaz ha detto...

Un commerciante che conosco, con lo stand ha Napoli, mi ha detto sabato sera che c'era gente come a Lucca, ma incassi davvero bassi.
I bagarini per i fumetti però è fantastico. Chissà cosa farebbero con qualche fumetto raro in mano...

Trerot ha detto...

li ho presi entrambi, moby dick è un capolavoro, davvero eccezionale.
Per quanto riguarda Villain comics ho preso tutti e 4 i fumetti, i disegnatori mi hanno fatto 4 disegni bellissimi sulle quarte di copertina appositamente pensata per i disegni, e gli sceneggiatori presenti mi hanno fatto delle dediche, persone davvero simpatiche e disponibili con cui ho scambiato 2 chiacchiere. nerd uniti l'ho letto ed è un spasso! Grazie Rrobe per il il bel disegno di ieri e la firma sulla copertina di l'anna kournikova!

Alexiel ha detto...

dannatissima fila alla biglietteria,io sono arrivata sabato mattina alle 10 e sono entrata alle 12 e mezza..2 ore sotto il sole cocente con solo due cassse aperte
S C A N D A L O S O
per il resto bella fiera ma niente batte il Lucca Comics